Cinque progetti unici in finale. Di questi, lo stabilimento di Norblin è l’unico investimento polacco

Investimento di Capital Park Group progettato da PRC Architekc, lo stabilimento Norblina di Varsavia è stato tra i cinque finalisti degli ULI Europe Awards for Excellence 2022.

  • Sono stati annunciati i finalisti degli ULI Europe Awards for Excellence 2022.
  • Cinque progetti di migliori pratiche di uso del suolo nella regione EMEA sono stati selezionati per la rosa dei candidati.
  • I premi del concorso sono assegnati per l’eccellenza nella realizzazione di progetti di sviluppo urbano privati, pubblici e senza scopo di lucro.
  • Tra i finalisti figurano progetti multifunzionali, d’ufficio, artistici e culturali provenienti da Francia, Polonia e Germania.

I premi vengono assegnati per l’intero processo di sviluppo del progetto, dalla progettazione e costruzione alla redditività finanziaria, alla gestione e allo spirito di comunità, nonché al design.

I finalisti di quest’anno includono un’ampia gamma di progetti provenienti da diversi settori e le loro combinazioni di usi, con una forte enfasi sulla combinazione di diverse caratteristiche prestazionali, sviluppo sostenibile, riutilizzo e possibile decentramento, nonché creazione di luoghi e costruzione di comunità.

I vincitori saranno annunciati il ​​12 ottobre nell’ambito dell’ULI Europe Decarbonisation Summit. I progetti vincitori saranno automaticamente nominati per gli ULI Global Awards for Excellence 2022, i cui risultati saranno annunciati entro la fine dell’anno.

L’elenco completo dei finalisti scelti dai membri della giuria è il seguente (in ordine alfabetico):

HAMMERBROOKLYN Digital Pavilion, Amburgo, Germania (Sviluppatore: Art-Invest Real Estate Management GmbH & Co. KG. Proprietario: Hammerbrooklyn Immobilien GmbH. Architetto: LP Spine Architects); centro digitale sostenibile e edificio per uffici intelligente

Latitude, Courbevoie (Parigi), Francia (Sviluppatore e Proprietario: Générale Continentale Investissements. Architetto: Studios Architecture); edificio per uffici ristrutturato e ampliato degli anni ’70

MÉCA (Maison de l’Économie Creatives et de la Culture en Aquitaine) Bordeaux, Francia (Sviluppatore e proprietario: New Aquitaine Region. Architetti: BIG-Bjarke Ingels Group; FREAKS freearchitects; Lafourcade-Rouquette Architectes); un centro per l’arte contemporanea che unisce tre istituzioni

Norblina Factory, Varsavia, Polonia (sviluppatore e proprietario: Grupa Capital Park. Architetto: PRC Architekci); un complesso polivalente con moderni uffici e strutture per esigenze culturali, ricreative e commerciali

Quai des Caps, Bordeaux, Francia (Sviluppatore: Fayat Immobilier & Pitch Promotion. Proprietario: Keys REIM, Caisse des dépôts. Architetti: Chartier Dalix, Hardel et Le Bihan, Moon Safari et Marjan Hessamfar & Joe Verons e Jacques Ferrier); un ambizioso complesso a uso misto situato in un porto rinnovato.

I vincitori EMEA saranno selezionati da una giuria composta da leader immobiliari riconosciuti di tutto il settore, tra cui architettura, immobili commerciali, sviluppo, investimenti, gestione immobiliare, partenariati pubblico-privati ​​e servizi professionali.

“Le migliori pratiche per un uso equo e sostenibile del suolo sono al centro della nostra missione e crediamo che i veri esempi di questo approccio debbano essere valutati e premiati”, ha affermato Marnix Galle, presidente di ULI Europe.

Come settore, possiamo imparare molto dall’implementazione di progetti di trasformazione che spingono i confini e hanno un impatto positivo sulle comunità locali o sul contesto immediato. Con molti esempi, l’Europa ha ottimi progetti che possono essere replicati altrove e possono fungere da fonte di ispirazione per tutti. ‘ ha aggiunto Marnix Galle.

“Per noi giurati, immergersi in progetti immobiliari davvero unici che hanno un impatto significativo su molteplici criteri di giudizio, dall’architettura e design alla progettazione e costruzione e finanza e gestione, è stato molto divertente e gratificante”, ha aggiunto Sophie Henley- Price, presidente della giuria degli ULI Europe Awards 2022 per l’eccellenza nel concorso. – Abbiamo selezionato cinque finalisti, tutti con notevole ingegno nel settore immobiliare e nelle loro categorie.

Progetti innovativi

“Anche quest’anno lo standard e la gamma di proposte sono stati eccezionali”, ha affermato Lisette van Doorn, CEO di ULI Europe. “L’ampia gamma di progetti di sviluppo veramente innovativi in ​​corso in tutta Europa offre molte migliori pratiche e soluzioni creative che credo possiamo utilizzare insieme quando si considerano le opportunità di sviluppo future. Sicuramente un lavoro così grande e prezioso ha bisogno di una presentazione e di un apprezzamento adeguati.

Gli ULI Europe Awards for Excellence riconoscono l’eccezionale lavoro di sviluppo in Europa, Medio Oriente e Africa nei settori privato, pubblico e senza scopo di lucro.

Oltre a selezionare i vincitori assoluti, la giuria assegna “premi speciali” a progetti che dimostrano eccellenza in un’area specifica, come alloggi a prezzi accessibili, valore sociale, cambiamento climatico/resilienza/sviluppo sostenibile, scienze della vita, cambiamento di destino, pianificazione del luogo/ arte e cultura/coinvolgimento della comunità, salute e benessere e tecnologia intelligente.

Ti è piaciuto l’articolo? Ghiaccio!

Leave a Comment