Il mercato lungo di Danzica – i luoghi più interessanti

Długi Targ e Długa Street sono i fiori all’occhiello di Danzica. Si trovano nel distretto di Śródmieście e formano la cosiddetta Via Reale, che inizia alla Porta d’Oro e termina alla Porta Verde. Lo scenario è completato dal vicino fiume Motława.

Artus Court, la famosa Fontana del Nettuno, la Porta Verde: quali altri monumenti puoi ammirare a Danzica Mercato lungo?

Guarda il video: I viaggiatori e i loro meravigliosi viaggi

I viaggiatori e i loro meravigliosi viaggi

Mercato Lungo a Danzica. introduzione

Mercato Lungo a Danzica è una piazza rappresentativa di Danzica e una delle piazze più belle d’Europa. Si trova a Śródmieście nella capitale. Funziona come un mercato. Via Długa e Via Długi Targ a Danzica formano la cosiddetta Via Reale. In passato, i palazzi di Długi Targ erano di proprietà dei più ricchi mercanti e patrizi. Questo è anche il luogo in cui vissero i re che vennero a Danzica. per Mercato Lungo di Danzica La disposizione spaziale è tipica, che differisce dalla tradizionale piazza principale medievale ed è tipica delle città sulla costa meridionale del Mar Baltico ai sensi della legge di Lubecca. Długi Targ e Długa Street corrono perpendicolarmente al fiume Motława. Długa Street inizia al Golden Gate e termina al Green Gate. Lungo la lunga piazza del mercato si trova un municipio principale gotico e accanto ad esso la fontana del Nettuno del 1633, Simbolo di Danzica. Dietro la fontana si trova Artus Court, l’ex luogo di ritrovo dei ricchi residenti della città e ora sede del Museo di Storia della Città di Danzica. Dietro Artus Court c’è un condominio, da cui la cosiddetta giovane donna dalla finestra, altro simbolo di Danzica. Dal 13° secolo, la rotta commerciale passava per Długi Targ.

Mercato lungo. Edificio capitale

Come già detto, uno degli edifici principali di Długi Targ è il municipio in mattoni della capitale. Fu costruito in stile gotico-manierista nel XV secolo. Nel XVI secolo furono aggiunte tre ali annesse al municipio, che servivano a racchiudere il cortile. La torre del municipio fu completata dalla cupola manierista con lanterne di Dirk Daniels. Nel 1561 all’edificio fu aggiunta una figura di Sigismondo Augusto. La sala del municipio ha scale e un portale del 17° secolo e il cosiddetto La stanza rossa ha un camino di Wilhelm van der Meer. I dipinti appesi nel municipio includono Dipinti allegorici e simbolici di Hans Vredeman de Vries, dipinti di Isaac van den Blocke o opere di Antoni Moeller. Dopo la seconda guerra mondiale, gran parte dei monumenti è sopravvissuta senza gravi danni – stiamo parlando ad es. sculture o dipinti.

Fontana del Nettuno – simbolo di Danzica

Il prototipo della fontana fu realizzato da Abraham van den Blocke tra il 1606 e il 1613. Karol Stender ricostruì poi la fontana tra il 1757 e il 1761, mentre nel 1758 fu circondata da una grata. La statua di Nettuno fino ad oggi conosciuta fu probabilmente realizzata da Piotr Hausen, che scolpì la figura del dio tra il 1612 e il 1615.

Corte d’Arto

Artus Court si accede accanto alla Fontana del Nettuno. In passato, questo luogo fungeva da centro sociale per i ricchi residenti di Danzica. Poi Artus Court è stato convertito in una borsa valori. Il nome del monumento deriva dalla leggenda di Re Artù, che era un simbolo di coraggio e coraggio. Inizialmente, luoghi di questo tipo, che combinavano patrizia e cavalleria, furono creati solo in Inghilterra. Tuttavia, nel tempo, tali case iniziarono a essere costruite anche in altri paesi. In Polonia era il più popolare Artus Court a Danzica. Solo la classe media poteva entrare in questo tipo di locali, gli artigiani e le bancarelle no. Incontri a Długi Targ c’erano musicisti, cantanti e funamboli. Ad Artus Court sono state organizzate anche numerose presentazioni di pittori e librai. L’interno di Artus Court fu realizzato in stile gotico, nel 1531 qui iniziarono i lavori decorativi, grazie ai quali le pareti furono ricoperte da fregi e boiserie con motivi mitologici o storici. Questo uno degli edifici più importanti di Długi Targ è stato danneggiato dall’Armata Rossa nel 1945. Tuttavia, una parte significativa dei mobili di Artus Court è stata restaurata. Nell’edificio opera il Museo Nazionale di Danzica.

Guarda il video: Buongiorno, sono Kurier-Gdańsk

Buongiorno, sono Courier – Danzica

Mattina TVN

Il cancello verde

Cancello verde a Długi Targ fu costruito tra il 1564 e il 1568 nello stile del manierismo olandese. Sostituì così la porta gotica di Kogi. Il cancello verde è opera dell’artista di Dresda Hans Kramer. L’edificio Długi Targ ha tre piani, due ali e quattro corridoi. Le facciate esterne sono decorate con bassorilievi e lesene, mentre le facciate delle stanze mansardate sono decorate con timpani appositamente realizzati.

Condomini Długi Targin

In case in affitto a Długi Targ molti re polacchi vivevano ad es. Zygmunt III Waza, Władysław IV Waza, Jan Kazimierz, Jan III Sobieski, August II e Stanisław Leszczyński. La maggior parte di loro sono realizzati in stile manierista e barocco. A seguito della seconda guerra mondiale alcuni di essi furono distrutti, ma in molti casi si conservarono l’architettura e le decorazioni scultoree originarie. I grattacieli che si distinguono sul mercato lungo sono, ad esempio, Appartamento d’oro manierista di Abraham van den Blocke e Jan Voigt del 1609, appartamento con facciata barocca n.20 di Andreas Schlüter del 1680 o Tuomaritalo, dove si trova una sala del XVI secolo.

Fonte foto principale: Karen Deakin/Robertharding/Getty Images

Leave a Comment