Una coppia della regione di Bełchatów vuole appartenere al gruppo d’élite. Hanno iniziato la loro avventura 20 anni fa [FOTO] – Buongiorno Bełchatów – Notizie Bełchatów

Atti

Alcuni anni fa, Paweł e Justyna hanno lasciato il lavoro per dedicarsi completamente ai viaggi. Tuttavia, hanno ingoiato il “bug” molto prima, già al liceo. Hanno iniziato con pazzi viaggi per giovani in giro per l’Europa, e ora vanno in luoghi esotici insieme a un gruppo di viaggiatori che hanno fondato. Vogliono anche essere in un piccolo gruppo di persone che hanno visitato almeno 100 paesi in tutto il mondo.

Paweł Bebnowski tuttavia, viene da Szczerców Justyna Pietrzyk Dalle vicinanze di Opoczno. Si sono conosciuti alla scuola tecnica di Piotrków Trybunalski e sono diventati una coppia dopo pochi anni. Per molti anni hanno fatto lunghi viaggi con altri viaggiatori e le loro mete è visitare almeno un centinaio di paesi nel mondo.

Come dice Paweł, avevano una passione per la scoperta del mondo fin dall’infanzia.

– Ricordo che anche prima di incontrare Justyna, nella mia scuola elementare venivano organizzati campi di viaggio. Ero in terza media per la prima volta, penso fosse il 1997. Ho ricordi fenomenali di quei viaggi, eravamo in viaggio con lo zaino in spalla in giro per la Polonia – dice.

All’inizio si limitavano solo ai tour in Polonia, poi in seguito hanno anche iniziato a viaggiare in auto verso altri paesi. Il loro obiettivo era quello di arrivare il più lontano possibile dal loro tempo e dai loro fondi. Ecco come sono arrivati ​​lì ad esempio in Portogallo, Turchia e Finlandia. Per i lunghi viaggi, hanno preso in prestito una spaziosa Renault Espace da padre Paweł, dove anche loro hanno dormito.

– Avevamo vent’anni allora. Non potevamo permetterci spesso pernottamenti, quindi abbiamo dormito in macchina. La cosa più importante per noi era vedere il più possibile, vivere un’avventura. L’uomo era giovane, non aveva grandi aspettative, quindi non ce ne siamo accorti affatto – ride Justyna.

Paweł e Justyna seguono due principi fondamentali nei loro viaggi. In primo luogo, escono nel mondo vedere il più possibile e non prendere il sole in spiaggia o stare in albergo. In secondo luogo, prova sempre a farlo con un’opzione di budget esplorare un paese straniero da questo sito giusto, spesso sconosciuto alla maggior parte dei turisti.

Rivoluzione negli anni ’30

Justyna per anni ha lavorato in un negozio per esempio, in un centro commerciale a Rzgów vicino a Łódź quando c’era Paweł Carrellista. Il suo 30esimo compleanno hanno deciso di lasciare il lavoro e di dedicare la vita ai viaggi. È successo nell’anno 2015, quando vivevano ancora a Piotrków.

– In passato facevamo anche viaggi organizzati da agenzie di viaggio. Queste erano destinazioni abbastanza tipiche, come la Tunisia o l’Egitto. Tuttavia, dopo tre o quattro di questi viaggi, ci siamo resi conto che non era affatto per noi. I viaggi “tutto compreso” ci hanno limitato molto e non possiamo stare fermi – ricorda Paweł.

Ecco perché questa volta ha deciso di organizzare tutto da solo. Sono poi volati, ad esempio, a Cipro e a Malta, occupandosi di tutto il necessario: prenotare gli hotel, acquistare i biglietti o cercare le attrazioni. Come dicono, sono riusciti a vivere gli aspetti migliori del viaggio.

Ritorno al lavoro a tempo pieno successo nel 2016. Paweł e Justyna poi si sono trasferiti nel Regno Unito. Tuttavia, i sogni di viaggiare non ti hanno fatto dimenticare te stesso. Questa volta, però, andiamo non dovevano andare da soli…

Gruppo di viaggio nel Regno Unito

Questa storia inizia durante le vacanze estive 2018. Paweł e Justyna in Gran Bretagna per quasi due anni hanno deciso di lasciare di nuovo il loro lavoro a tempo pieno. Come si suol dire, hanno guadagnato abbastanza bene per le condizioni dell’isola, quindi sono riusciti a risparmiare denaro per il viaggio.

– La nostra decisione è coincisa con il viaggio che abbiamo comprato in Islanda da persone che organizzano viaggi economici. Justyna era malata allora, quindi sono andato lì con mio fratello. Al ritorno, ho pensato tra me e me: forse sarebbe più interessante viaggiare in gruppo? – ricorda Paweł.

Come pensavano, così hanno fatto. Lo hanno annunciato tra amici su Facebook hanno in programma di viaggiare in Islanda e cercano volontari. Alla fine, dieci persone li hanno contattati. All’inizio le paure di Paweł e Justyna erano grandi, ma alla fine tutto è andato secondo i piani durante la spedizione. È così che è successo “Gruppo di viaggio nel Regno Unito”.

Tuttavia, il nome è sopravvissuto fino ad oggi la coppia non vive più nel Regno Unito. Annunciano tutti i loro viaggi su Facebook, dove sono seguiti da quasi 7,5 mila persone. le persone. Potete vedere le foto dei loro viaggi nella gallery sopra l’articolo. Finora “UK Travel Group” è stato tra gli altri Negli Stati Uniti, Messico, Australia o Islanda e Azzorre.

Come dice Paweł, l’idea è quella vivi davvero il paese visitato, e non solo vederlo fuori dalla finestra dell’hotel. Da qui i partecipanti alla spedizione in Islanda guidano veicoli fuoristrada e dormono in tendae negli Stati Uniti hanno l’opportunità di visitare a famosi motel lungo la strada o viaggi su incrociatori stradali.

Per alcune spedizioni “Gruppi…” sono il primo soggiorno più lungo all’estero della mia vita. E questo, assicura Justyna, cambia spesso la loro percezione del mondo.

– Dopo la partenza, molte persone hanno ripreso la passione per i viaggi. Sono giunti alla conclusione che non vogliono spendere soldi per cose materiali, ma piuttosto sperimentare qualcosa – aggiunge Justyna.

Viaggi: una scuola di ingegno

Paweł e Justyna enfatizzano il viaggio ha insegnato loro come affrontare le situazioni difficili. Perché quando sei a miglia da casa e hai un problema, devi risolverlo da solo. E questo richiede pensare in modo insolito.

– Ricordo, ad esempio, quando abbiamo visitato la Turchia. Non so se è ancora così, ma all’epoca dovevi possedere un’auto per arrivarci. Purtroppo non lo sapevamo e abbiamo preso in prestito l’auto da mio padre. Di conseguenza, siamo rimasti bloccati al confine – afferma Paweł.

Problema tuttavia, la questione è stata risolta rapidamente:

– Una delle guardie di frontiera non voleva parlare con noi, ma l’altra ci ha detto che se presentiamo la patente ci faranno passare. Mio padre è moderatamente tecnico, quindi abbiamo chiesto a un amico di scriverci un documento e di inviarcelo via fax. Ha funzionato e presto siamo andati oltre – ricorda.

Altre volte hanno avuto a che fare carte di pagamento bloccate durante il viaggio “Gruppo…” negli Stati Uniti. Come dice Paweł, ogni camera d’albergo deve essere pagata separatamente, quindi ha dovuto presentare la carta al lettore più volte. Tuttavia, la Banca di Polonia lo ha ammesso che diversi pagamenti simili in un breve periodo di tempo sono un tentativo di estorcere e lo ha bloccato.

– La mia carta non è mai stata bloccata in due anni, è successo tre volte negli Stati Uniti. E ci sono 17 persone nella hall che vorrebbero riposarsi nelle loro stanze dopo un lungo viaggio. Per fortuna abbiamo sempre poche carte con noi, quindi alla fine siamo riusciti a pagare tutto. Devi prepararti a queste situazioni – aggiunge.

Come ricorda, hanno superato le loro avversità solo una volta. Fu durante il ritorno dalla Bulgaria che la coppia decise ha colpito la zona di esclusione di Chernobyl. Sfortunatamente, nonostante i loro migliori sforzi, non sono riusciti a entrare.

– C’era una cabina di guardia al confine della zona, davanti alla quale era stata dipinta una linea bianca di pochi metri. Non sapevo di fermarmi qui, quindi sono arrivato io stesso alla barriera. Poi la guardia di sicurezza è uscita e ha detto che non ci avrebbe fatto entrare. Perché non mi sono fermato due metri prima. Nessuna richiesta ha aiutato, il ragazzo è rimasto irremovibile e non siamo stati con la moglie fino ad oggi, dice Paweł.

Vogliono visitare almeno un centinaio di paesi

Paweł e Justyna concordano sul fatto che è il loro sogno è quello di superare il segno di cento paesi visitati. Solo poche decine in Polonia possono vantare un tale risultato. Attualmente, la coppia ha tra la metà e la fine dei vent’anni è riuscito a “lasciare” 63 paesi.

– Nel nostro 40° anniversario, faremo un regalo per noi stessi e faremo un viaggio di un anno in giro per il mondo. Ecco perché non abbiamo fretta, dopotutto, non si tratta solo di segnare le prossime voci della lista – afferma Paweł.

Ora, quando i confini riaprono dopo una pausa di due anni, Paweł e Justyna hanno in programma di recuperare alcuni viaggi che sono sfuggiti loro durante questo periodo. I piani includono un viaggio Nuova Zelanda. Anche questi pochi paesi europei hanno bisogno di vederti, dove non sono ancora stati

Leave a Comment