Meskie Granie Katowice 2022: Krzysztof Krawczyk sarebbe orgoglioso

Prima, tuttavia, vivevamo per mostrare rispetto Krzysztof KrawczykSono state diverse ore di esibizioni di artisti più o meno famosi, che occuperanno il palco principale e il palco tendone Ż, molto più piccolo.

In quest’ultimo, ha lavorato perfettamente senza fuochi d’artificio e si è concentrato semplicemente sul gioco Baranovskij con la sua squadra. Così come la sporca batteria rap e il basso che mangia l’acidità di stomaco nati dalla console 1988che ha condotto uno spettacolo per promuovere il suo progetto “Roulette”. Lo hanno seguito sul palco, per esempio Rosalia, Kacha Kowalczyk Se Tymekma l’intera faccenda era come la musica suonata in un club fumoso dimenticato da qualche parte nel Bronx.

In termini di slancio, il concerto è stato un fallimento Julia Wieniawa. Le coreografie eseguite con i ballerini, sebbene sofisticate, non hanno prodotto l’effetto desiderato. Il palco era troppo piccolo e troppo vicino al pubblico e gli schermi troppo bassi per funzionare correttamente. Inoltre, l’acustica non era del tutto corretta: il basso e la batteria non suonavano e la voce era sorprendentemente debole. È stata molto più colpa delle ambientazioni che della stessa Julia Wieniawa, che ha più volte mostrato durante la performance che il suo carattere discreto nasconde molto rumore. Sfortunatamente, a causa di questi problemi, la potenza del disco non è stata trasferita correttamente alla potenza del palco. Ma non ho dubbi che l’effetto sul palco principale sarebbe molto migliore.

Com’era sul grande palco? Smolik e Kev Fox con un mix di rock elettronico, che sul palco avrebbe funzionato anche in un club, sono riusciti egregiamente a scaldare il pubblico per gli artisti successivi. Tuttavia, a causa degli arrangiamenti piuttosto dance, è difficile non avere l’impressione che siano saliti sul palco troppo presto.

Ha conquistato il cuore del pubblico Blazej Król, che appare in stile felpa. Si lasciava trasportare dal carisma, dalla naturalezza e dalle numerose dichiarazioni d’amore dirette dalla moglie, che era presente dietro i tasti del palcoscenico. Sebbene si sia concentrato principalmente sul materiale dell’album precedente “Grazie”c’erano anche alcune canzoni più vecchie: Collins “Lentamente” da un debutto da solista o dal più grande successo di un artista, una canzone “Questi sapori e questi odori”.

Maria Peszek invece, ha iniziato la sua esibizione cantando “Ave Maria”. Ma se qualcuno è sopravvissuto al momento, si aspettava uno spettacolo pieno di energia e provocazione, pieno di persone ostili ai sacerdoti, alla religione, al nazionalismo o all’ambiente LGBT.

Ma ammettiamolo: doveva essere il più grande evento della serata “Omaggio a Krzysztof Krawczyk”. All’inizio dello spettacolo c’era ancora un’ombra sul palco, anche se c’erano molti personaggi. Una volta accese le luci Piotr Stelmach, che è stato l’annunciatore della serata, si è scusato con Krzysztof Krawczyk con gli occhi al cielo di non aver mai avuto l’opportunità di esibirsi sul palco di Meskie Grania. Sembrava che il soggetto del festival e l’ex membro dei Trovatori non avesse mai preso davvero un raffreddore. Ma sei sicuro? Una vista di migliaia di persone che cantano “Volevo essere” – quale canzone ha aperto la sezione in onore dell’artista scomparso più di un anno fa – ha mostrato tutt’altra cosa.

È stato realizzato un omaggio a Krzysztof Krawczyk Wojtek Urbański Orchestra: uno dei produttori musicali più attivi in ​​Polonia, noto ad es. duo RYSY, collaborazione con Tymek o creazione della colonna sonora di molti film e serie polacche. Sul palco era accompagnato da ottoni, archi, un batterista, contrabbasso e un chitarrista che suonava anche il banjo. Il progetto, che è stato preparato per due mesi, è stato curato nei minimi dettagli, anche se gli ospiti invitati hanno rubato gran parte dello spettacolo.

È apparso tra loro re (scherzando annunciata come Monika Brodka, che ha creato un po’ di confusione), che ha cantato “Perchè tu sei”prendendolo molto più sul serio della sua stessa performance. Era presente anche sul palco Immersioni in subacqueaCon cui Natalia Grosiak lui cantava “Insonne”una delle esperienze puramente musicali più divertenti il ​​sabato sera. La performance è stata una vera sorpresa fratelli Kacperczykche è apparso per due canzoni, anche se ricordo soprattutto, eseguito con sensibilità adeguata “Torna da me”.

Una sorpresa ancora più grande è stato il suo arrivo sul palco Grubsonal termine del quale, accompagnato da una banda di ottoni, è saltato fuori con energia balcanica, esibendosi audacemente “Mio amico”. Sebbene lo spettacolo elettrizzi il pubblico, alla fine li ha lasciati con un leggero senso di insoddisfazione. Il tributo non ha avuto un climax speciale in cui i musicisti invitati sarebbero apparsi sul palco insieme per cantare una canzone insieme. Sebbene “Vapore”che – con grande sorpresa del pubblico – non c’era.

Ma non era un grosso problema come “è già questo?” – domande che sono appena saltate fuori. E il fatto che il concerto sia andato sorprendentemente veloce è forse la migliore prova del successo del progetto.

Dawid Podsiadlo Ha concluso sabato sera con la sua esibizione e non ha deluso. È un uomo per il quale fare concerti è come respirare: parlava al pubblico e lanciava battute più o meno sottili, basate principalmente sull’autoironia. Ma come non amare l’esibizione di un uomo che incoraggia il pubblico a cantare insieme a lui versi che non ha avuto abbastanza tempo per imparare perché non li stava eseguendo nella loro forma originale?

Probabilmente ti starai chiedendo cosa sta succedendo. Beh, non è stata una tipica esibizione di David. Invece di concentrarci sui brani dell’album precedente o sui brani in anteprima, abbiamo ottenuto un mix completo. Potevamo sentire “Iniziale” (Grande modulazione del suono per i versi Cortez!), ripetere “E tu troppo” (ottima collaborazione con il pubblico che canta brani Daria Zawialow e Vito Bambino) o anche “Elettrico”cui Podsiadło non ha partecipato alla creazione. Il fatto che gli inni di Masculine Play sarebbero stati eseguiti in un concerto di questa serie era la cosa più prevedibile. No cosa “Niente può durare per sempre”, scritto da Anna Jantarche nel caso del concerto di David ha assunto colori completamente nuovi.

Anche i fan del repertorio solista di Podsiadło non si sono lamentati. “Sconosciuto” e “Elefante” dal primo album è apparso in arrangiamenti completamente nuovi e più suggestivi. Abbiamo avuto anche noi “premi” o l’ultimo singolo “Inviare”. Ed è stato gettato alla fine “Provincia” probabilmente ha scioccato tutta Katowice e gli ha permesso di tornare alle sue case o agli hotel con nient’altro che soddisfazione.

Leave a Comment