Non c’è vacanza per i problemi dei bambini. Il Ministero dell’Istruzione e della Scienza sta lavorando a un progetto di educazione inclusiva.

Nell’anno accademico 2021/2022, il 4% degli studenti è stato coperto da un’educazione speciale per disabili. Ogni terzo bambino ha ricevuto un aiuto psicologico e pedagogico e ogni decimo studente ha avuto problemi di salute mentale. Continua il lavoro del Ministero dell’Istruzione e della Scienza come educazione di alta qualità nel progetto di educazione inclusiva e comprensibile per tutti i discenti. Soprattutto, il loro obiettivo è diagnosticare rapidamente i problemi e reagire ad essi, in modo che ogni studente polacco possa utilizzare gli strumenti necessari per i propri bisogni individuali e quindi essere meglio preparato per una vita indipendente e appagante nell’età adulta.

– Non possiamo essere indifferenti alle informazioni allarmanti che ci vengono fornite, motivo per cui siamo in un processo di cambiamento, il cui obiettivo è affrontare le sfide della moderna scuola polacca. Da molti anni lavoriamo su soluzioni che siano di vero aiuto a bambini, giovani, genitori e insegnanti. L’istruzione che include l’evoluzione, non la rivoluzione, afferma il segretario di Stato del Ministero dell’Istruzione e della Scienza Marzena Machałek.

Cambiamenti nel sistema educativo – una necessità in una società moderna che enfatizza principalmente il benessere del bambino
Grazie alla collaborazione del MEiN con diversi esperti – curatori educativi e ispettori di consiglio, funzionari delle amministrazioni locali, psicologi, dirigenti scolastici, insegnanti e infine genitori – nel 2021 è stato possibile redigere una proposta per nuovi presupposti legislativi, grazie alla quale il Presidente della Repubblica della Polonia ha firmato il 17 maggio 2022 la legge che modifica la legge sul sistema educativo e alcune altre leggi. Le normative vigenti includono soluzioni, ad es. standardizzazione dell’impiego di specialisti negli asili nido e nelle scuole comprensive, che sarà introdotta per fasi dal 1 settembre 2022 al 1 settembre 2024. Le nuove normative migliorano notevolmente la disponibilità di aiuti forniti il ​​prima possibile, in modo da rimuovere gli ostacoli allo sviluppo e all’apprendimento del bambino. Inoltre, un compito molto importante è migliorare la qualità dell’istruzione, tenendo conto delle diverse esigenze educative degli studenti nelle fasi di apprendimento successive.

Il progetto tiene conto anche delle esigenze legate al miglioramento della situazione dei bambini e dei giovani affetti da problemi di salute mentale e nell’assistenza psichiatrica. In pratica, ciò significa assumere un gruppo più ampio di insegnanti pedagogici, psicologi, logopedisti e pedagogisti, creare una nuova posizione: un pedagogo speciale che supporta gli insegnanti e conduce lezioni speciali direttamente con gli studenti e lanciare strumenti diagnostici gratuiti per valutare le capacità cognitive. , sviluppo emotivo, sociale e della personalità.

Il preside della scuola, gli insegnanti e i genitori sono d’accordo: ogni studente ha bisogno di un approccio e di tempo individuali. – Se il leader costruisce un gruppo di persone intorno a lui e insieme fissano un obiettivo che sarà raggiunto, allora tutto andrà bene. Come al solito, le risorse umane sono il collegamento più importante. So da molti anni di esperienza che l’educazione inclusiva è educazione per tutti gli studenti, tutti beneficiano dello sviluppo individuale. Ogni studente ha spazio per imparare e sviluppare le proprie capacità. Stare insieme rafforza l’empatia e forma i futuri volontari. L’aumento del numero di esperti e dei metodi di lavoro che tengono conto delle esigenze di un team versatile portano a risultati di apprendimento elevati. Per molti anni abbiamo scoperto attraverso la nostra ricerca che il livello delle scuole inclusive nell’istruzione e nell’educazione non diminuisce, ma addirittura aumenta. Non c’è davvero bisogno di adottare misure speciali per cambiare l’organizzazione della scuola. A tutti gli studenti che necessitano di cure particolari dovrebbe essere offerto un esperto personale che supporti il ​​processo didattico ed educativo, riassume il preside della scuola elementare, Marek Tarwacki. Stanisław Moniuszko a Łajska, che attua un programma di istruzione inclusiva

700 milioni di zloty, di cui 180 milioni di zloty, che consentiranno l’organizzazione di 3 milioni di ore aggiuntive di classi speciali e 520 milioni di zloty per l’assunzione di specialisti negli asili e nelle scuole. Nei prossimi 10 anni saranno 25 miliardi di zloty.

Istruzione inclusiva in risposta ai bisogni di tutti gli studenti polacchi
L’obiettivo dell’istruzione inclusiva è fornire agli studenti le competenze per creare una società futura in cui le persone, indipendentemente dalle loro differenze (ad es. salute, fitness, origine) siano membri a pieno titolo della comunità e la loro diversità sia vista come un’opportunità. per lo sviluppo sociale e la civiltà. Si tratta di un approccio sistematico, multidimensionale e multidirezionale all’istruzione, il cui obiettivo è adattare i requisiti educativi, le condizioni di apprendimento e l’organizzazione dell’istruzione ai bisogni e alle possibilità di ogni studente come partecipante a pieno titolo nel processo educativo.

– Il termine “educazione inclusiva” è cresciuto da varie e false associazioni. Per inclusione scolastica intendiamo la costruzione di un sistema educativo che consente a ogni studente di svilupparsi al meglio delle proprie capacità. Prima di tutto, è importante prestare attenzione al fatto che l’istruzione non è per la scuola, è per la vita. La nostra missione come ministero è creare una scuola che permetta a ogni studente di prepararsi al miglior funzionamento della società – questa è la vera inclusione – afferma il viceministro Marzena Machałek.

Per esigenze e capacità diverse
Le vacanze sono un buon momento per pensare a come soddisfare i bisogni individuali dei bambini, non solo quelli che hanno difficoltà ad apprendere o ad esprimere emozioni, ma anche i più dotati. – Va sottolineato che il sistema educativo offre diversi percorsi educativi per i bambini con disabilità. Tutte le scuole sono importanti. I genitori decidono ancora se il loro bambino va in una scuola generale, speciale o integrata – sottolinea il viceministro Marzena Machałek.

Quando scegli il miglior percorso educativo per tuo figlio, dovresti considerare le scuole inclusive, che danno l’opportunità di lavorare in un ambiente ricco e versatile e rafforzano lo sviluppo emotivo e costruiscono molti modelli e comportamenti positivi.

– Nessun bambino disabile e di grande talento può essere allontanato dal suo ambiente naturale, ha il diritto di utilizzare tutto il patrimonio di relazioni umane ed emozioni che servono per la completa socializzazione – aggiunge il Direttore della Scuola Primaria Marek Tarwacki. Stanisław Moniuszko a Lajska

Istruzione a portata di mano
Estratti citati dalle dichiarazioni del Segretario di Stato del MEiN Marzena Machałek e del preside della scuola primaria Marek Tarwacki Stanisław Moniuszko a Łajska provengono dalla discussione “Istruzione inclusiva: nuova qualità nello sviluppo del sistema educativo polacco. Attuazione – ostacoli – impatto” , che è stato realizzato nell’ambito della campagna nazionale di informazione e promozione del Ministero dell’Istruzione e della Scienza, con l’obiettivo di promuovere, tra l’altro, l’educazione inclusiva. punta delle dita”.

Il resoconto della discussione può essere letto sul sito del Ministero dell’Istruzione e della Scienza – in fondo all’articolo lo presentiamo sotto forma di video.

Maggiori informazioni sul sito web: https://edukacjawzasiegureki.pl/

Tutte le attività della campagna “L’istruzione a portata di mano” sono finanziate dal supporto tecnico del Programma d’azione per lo sviluppo dell’istruzione qualificata dell’UE e dai fondi del bilancio statale.

Leave a Comment