Quasi 7 polacchi su dieci preferiscono i pagamenti elettronici

Secondo l’ultimo sondaggio “Atteggiamenti verso i metodi di pagamento” condotto dall’eService internazionale e da altre entità appartenenti al Gruppo EVO Payments, quasi 7 polacchi su 10 hanno dichiarato di effettuare pagamenti elettronici perché li trovano veloci e convenienti. Visa è un partner di ricerca nell’Europa centrale e orientale, anche in Polonia.

Lo studio mostra che il 62% dei consumatori polacchi preferisce pagare i propri acquisti nei negozi tradizionali con un metodo di pagamento elettronico, ad esempio con una carta di pagamento. Il motivo principale per la scelta del contante è la mancanza di pagamento elettronico in un negozio o punto di servizio. Questa risposta è stata data dal 23% degli intervistati che spesso pagano in contanti. Tra i polacchi, il pagamento elettronico domina come metodo di pagamento principale sia nei negozi tradizionali che nei negozi online. Più della metà degli intervistati ha pagato gli ultimi acquisti con una carta o con un telefono, smartwatch o altro dispositivo. In risposta a una domanda simile sull’ultimo pagamento per gli acquisti online, solo il 9% degli intervistati ha dichiarato di aver pagato in contrassegno.

Da cinque anni conduciamo il sondaggio Atteggiamento verso i metodi di pagamento. All’inizio riguardava solo la Polonia, ora copre 14 paesi, non solo l’Europa. Con l’aiuto dei risultati ottenuti, possiamo osservare come cambia la forma di denaro desiderata davanti ai nostri occhi. Come prima, lo scambio di prodotti è stato sostituito da un’invenzione più universale, che era il denaro sotto forma di moneta, e poi la carta, ora è sostituito da una moneta elettronica ancora più comoda e sicura. Osserviamo la dinamica con cui questo processo si svolge in diversi paesi, tra i quali ci sono quelli più avanzati – ad esempio Polonia, Repubblica Ceca, Irlanda o Gran Bretagna, così come in quelli dove lo sviluppo dei pagamenti sta solo accelerando. Tuttavia, è chiaro ovunque che i pagamenti elettronici sono diventati una parte importante dello sviluppo dell’economia e della società digitale. – ha affermato Joanna Seklecka, presidente del consiglio di amministrazione di eService.

CON I PAGAMENTI ELETTRONICI, I NEGOZI DIVENTERANNO A DISPOSIZIONE DEI CONSUMATORI

La ricerca mostra che i consumatori polacchi vedono i negozi che offrono metodi di pagamento elettronici in modo chiaramente positivo: ben l’80% degli intervistati li considera moderni e il 76% crede che sia un’espressione di attenzione per le esigenze dei clienti. Esistono ancora aree di sviluppo per i pagamenti elettronici in Polonia. Alla domanda – c’è stata recentemente una situazione in cui volevano pagare elettronicamente, ma si è rivelato impossibile, il 28% degli intervistati ha risposto che è successo in un negozio dove non c’era un terminale. L’indagine mostra che i pagamenti elettronici non sono disponibili principalmente nelle fiere e nei bazar (37%). Ciò accade anche quando si utilizzano i servizi di un parrucchiere, un’estetista o un costruttore.

La nostra economia e prosperità si basano su piccole e medie imprese, quindi le aziende del settore devono assicurarsi di offrire i metodi di pagamento che soddisfano al meglio le aspettative dei clienti, consentendo loro di competere e prosperare nell’economia digitale globale. Pertanto, le PMI hanno bisogno del supporto di esperti per far fronte a un ambiente in rapida evoluzione. Hanno bisogno di sapere quali soluzioni di pagamento elettronico sono disponibili per soddisfare le esigenze dei loro clienti in modo rapido, conveniente e sicuro. Visa sta quindi aiutando le PMI a ottenere il massimo dalla loro connessione Internet e supportando questa comunità attraverso programmi digitali e di sviluppo delle competenze. Crediamo che quando le piccole e medie imprese hanno successo, tutti ne traggano vantaggio – ha affermato Katarzyna Zubrzycka, responsabile dei rivenditori e agenti di compensazione di Visa per l’Europa centrale e orientale.

I consumatori polacchi vorrebbero pagare elettronicamente quasi ovunque e queste aspettative sono state evidenziate durante la pandemia di COVID-19. Ciò rende sempre più importanti le iniziative che promuovono la digitalizzazione delle piccole e delle microimprese. Uno di questi è il programma Polska Bezgotówkowa supportato da eService e Visa. Il suo scopo è ampliare la rete di ricezione dei pagamenti in contanti portando i terminali di pagamento a disposizione di imprenditori, comuni e altri enti che ricevono pagamenti. Altrettanto importante è supportare le aziende nel passaggio all’e-commerce: secondo lo studio, tre polacchi su dieci hanno effettuato l’ultimo acquisto online.

SOGNI E REALTÀ – COME GESTONO I SOLDI POLI

La ricerca mostra che il denaro dà ai polacchi un senso di indipendenza e libertà di scelta, che consente loro di vivere comodamente. Ha anche confermato la grande popolarità del banking elettronico nel nostro paese. I polacchi generalmente preferiscono contattare la propria banca da remoto: il 75% degli intervistati utilizza l’online banking almeno 2-3 volte al mese e il 68% dei consumatori polacchi utilizza il mobile banking altrettanto spesso. Nel settore bancario, vedono un modo per gestire i propri soldi. I polacchi gestiscono e pianificano le proprie spese con il semplice principio di evitare spese impulsive.

Per comprendere meglio l’atteggiamento dei polacchi nei confronti del denaro e come potrebbe cambiare, i ricercatori hanno diviso gli intervistati in sei segmenti:

  • Scettici: non vogliono investire o gestire denaro e non si fidano delle istituzioni, dicendo che è meglio tenere i soldi a casa.
  • Agricoltori: devono pianificare le proprie spese con saggezza. Spesso spendono subito tutti i soldi che ricevono. Hanno un budget limitato e lottano per sbarcare il lunario.
  • Ricchi – controllano i loro soldi e le loro spese, ma il denaro è solo un mezzo per raggiungere un fine per loro – ce l’hanno, ma non devono pensarci e preoccuparsene tutto il tempo.
  • I re della vita – spendono soldi velocemente e senza pensare a quello che vogliono, senza controllo – sono, in fondo, i “re della vita”.
  • Sognatori – Vorrebbero avere molti soldi, ma finora non hanno molto e non sono seri nel gestirli.
  • Gli ottimisti – gestiscono consapevolmente i loro soldi – utilizzano le offerte, pianificano le spese e investono capitali. Apprezzano la libertà di scelta, quindi non rifiutano alcun metodo di pagamento.

In Polonia, il gruppo più numeroso è quello dei ricchi (24%), il che significa che il denaro è importante per la maggior parte dei polacchi, ma non vogliono pensarci, parlarne o affrontarlo. Allo stesso tempo, gestiscono bene le loro spese. Il secondo segmento più grande in Polonia è Optimal (20%) e il più piccolo è Gospodarni (9%).

INFORMAZIONI SULLA RICERCA

Il sondaggio internazionale “Atteggiamenti verso i metodi di pagamento” è stato condotto dall’istituto di ricerca ARC Rynek i Opinia da EVO Payments International nel marzo 2022. Ha utilizzato la tecnica CAWI (gli intervistati sono stati invitati a partecipare a un sondaggio online), in ogni paese un rappresentante è stato intervistato un campione di 18-65enni, per un totale di 8931 intervistati. I dati sono stati raccolti in 14 paesi (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Romania, Croazia, Bulgaria, Slovenia, Germania, Irlanda, Regno Unito, Messico, Spagna, Portogallo). Visa è un partner di ricerca in otto paesi dell’Europa centrale e orientale, inclusa la Polonia. L’obiettivo generale dell’indagine è raccogliere informazioni sugli atteggiamenti delle persone nei confronti dei diversi metodi di pagamento.

Il rapporto è disponibile su www.eservice.pl/badania

Leave a Comment