Sviluppo del mercato delle transazioni libere in Polonia. In che modo l’e-commerce lo influenza?

carta, pagamento in contanti, terminale, foto: Visa

Anno dopo anno, stiamo diventando sempre più squattrinati, tutto a causa della pandemia che ha accelerato lo sviluppo dell’e-commerce e della passione polacca per nuove soluzioni nel settore dei pagamenti. Tuttavia, vale la pena ricordare che anche se abbiamo sempre meno sportelli bancomat e più terminali di pagamento, probabilmente non saremo mai senza contanti come la Svezia, dove il denaro fisico è più spesso raffigurato che utilizzato. I dati NBP mostrano che ognuno di noi ha pagato in contanti presso un negozio o un punto di assistenza almeno una volta nell’ultimo anno.

La pandemia ha accelerato la digitalizzazione di quasi ogni aspetto della nostra vita, compresi i nostri metodi di pagamento. Secondo il rapporto NBP “Abitudini di pagamento polacche nel 2020”, più della metà (53%) delle transazioni di pagamento dell’anno scorso sono state effettuate con carte di pagamento, mentre una dozzina di mesi prima le proporzioni erano opposte. Quelle transazioni che vengono effettuate utilizzando i cosiddetti pagamenti non in contanti. Nel primo trimestre del 2021, i polacchi hanno effettuato 105 milioni di pagamenti mobili con app come Apple, Garmin o Google Pay, quasi il doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, riporta il portale cashless.pl. D’altra parte, il numero di transazioni che utilizzano il sistema BLIK batte nuovi record ogni mese.

– I polacchi sono molto aperti a tutte le innovazioni nel settore finanziario. Siamo il leader mondiale nelle transazioni di pagamento contactless: solo il Canada è davanti a noi. Inoltre, quasi tutti i terminali POS in Polonia consentono il pagamento locale: anche questo è qualcosa di cui essere orgogliosi. In nessun altro luogo c’è “intimità” a un livello così avanzato. Questa informazione è particolarmente gratificante, dato che, sfortunatamente, in Polonia abbiamo ancora un’infrastruttura di servizi di pagamento in contanti molto poco sviluppata. Sebbene ci siano più terminali POS ogni anno, ce ne sono ancora troppo pochi. Siamo molto lontani da leader europei come l’Irlanda o la Grecia, che hanno 72 e 68 terminali di pagamento ogni mille abitanti – ne abbiamo solo 27 a Veiksel – afferma Marcin Ledworowski, membro dell’Executive Board di Bank Pocztowy. e vendite così come IT.

L’e-commerce sta guidando il mercato dei pagamenti in contanti

La popolarità dell’e-commerce sta crescendo di anno in anno. Secondo un rapporto di Pricewaterhouse Coopers, nel 2020 il canale online rappresentava il 14% del valore della vendita al dettaglio polacca. Questo è, ovviamente, l’effetto della pandemia e dello sviluppo accelerato delle piattaforme di acquisto che ha costretto. Nell’ultimo trimestre dello scorso anno sono state effettuate oltre 43 milioni di transazioni online senza contanti, 10 milioni in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, e il loro valore è stato del 24% record – 1,16 miliardi di PLN – in più rispetto a tre mesi prima .

– La pandemia e le successive chiusure hanno spinto i polacchi ad acquistare online più spesso. Questo cambiamento è dovuto, tra l’altro, alla chiusura dei centri commerciali ea motivi di sicurezza. Alcuni di noi lo hanno fatto per la prima volta nella nostra vita, altri hanno appena aumentato gli acquisti online: l’e-commerce è uno dei pochi settori che ha beneficiato maggiormente della pandemia. Questo, ovviamente, ha significato un aumento del numero di transazioni online. Vale anche la pena prestare attenzione all’attuale tendenza dell’e-commerce: i consumatori online mettono meno nei panieri virtuali ma acquistano più spesso. Ciò è legato al calo dei costi di spedizione – molti negozi online offrono la spedizione gratuita – nonché alla velocità di consegna della merce e al breve tempo di attesa per i prodotti ordinati. Naturalmente, più transazioni online significano anche più pagamenti in contanti, perché, come dimostrano diversi studi, i polacchi pagano online in questo modo – afferma Marcin Ledworowski.

Il futuro del contante

Il numero di sportelli bancomat è in calo: secondo la banca centrale, a dicembre dello scorso anno erano più di 21,8 mila, ovvero 875 in meno rispetto a fine 2019. Ci sono più punti POS nei mercati o nei parchi di divertimento, che sono luoghi in cui dovevi pagare solo in contanti. Tuttavia, gran parte di noi riferisce di avere ogni giorno nel portafoglio un numero simbolico di disgustosi e, secondo la Banca centrale polacca, il 97,7% dei polacchi ha effettuato un pagamento in modo tradizionale almeno una volta l’anno scorso. Potremmo non diventare mai una società senza contanti come la Svezia, ma la quota di tali pagamenti sul numero totale di transazioni cresce ogni anno, soprattutto con lo sviluppo dell’e-commerce.

Scarica il report Email Marketing e Marketing Automation 2021

Rapporto sull'email marketing 2021

68847_download-report.png

Leave a Comment