Wall Street crede ancora in Amazon, anche se il paniere delle società di e-commerce controllate da Saxo Bank è sceso del 47% da inizio anno.

Gli indici S&P 500 e Nasdaq sono scesi a doppia cifra quest’anno. Scomponendoli in fattori chiave, si può notare che ci sono industrie e aziende in forte calo, ma ci sono anche quelle che registrano una crescita. Uno dei settori più in perdita è l’e-commerce, ovvero le stelle della pandemia, come sottolineano gli analisti di Saxo Bank.

Anche le restrizioni locali della Cina e gli stretti mercati delle materie prime continueranno ad aumentare l’inflazione. Questi fattori, insieme alla direzione politica della Federal Reserve statunitense, alimenteranno ulteriormente la condizione finanziaria di alcune società, il che significa che le prospettive a breve termine per le azioni sono negative. Potremmo vedere più di questi guadagni a breve termine in due sessioni di trading, ma sono solo una distrazione dalla tendenza reale. La recessione nella bolla di Internet ha visto molte di queste opportunità, ognuna delle quali si è rivelata il punto di svolta sbagliato.

Il negozio online sembra davvero brutto

Il paniere di attività di e-commerce creato dal team di Saxo Bank è diminuito del 47% dall’inizio dell’anno, che è il calo maggiore rispetto ai panieri. Durante la pandemia, le società di e-commerce hanno registrato una crescita record dei ricavi e dei profitti durante la pandemia, che si è riflessa nelle valutazioni delle azioni. I consumatori sono ora molto consapevoli degli effetti dell’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari che stanno cambiando le loro abitudini.

Vedi anche: il paniere di titoli bolla sopravvalutati di Saxo Bank è sceso del 69% dall’inizio dell’anno

Inoltre, le aziende stanno subendo gli effetti del forte aumento dei costi logistici e di consegna degli ordini, mentre il loro volume è in calo. Inoltre, la decisione di Apple di consentire agli utenti di non tenere traccia delle proprie attività aumenterà i costi di acquisizione dei clienti delle società di e-commerce che utilizzano gli strumenti di targeting degli annunci di Facebook. Come se non bastasse, la fiducia dei consumatori sta crollando. – Il dolore nel settore dell’e-commerce è enorme, ma il futuro potrebbe non essere così grave come previsto. Gli investitori sono incoraggiati a iniziare a ricercare quali società di e-commerce possono diventare vincitrici a lungo termine e pianificare il loro ingresso nel mercato quando il mercato raggiunge il suo punto più basso. Durante la crisi delle dot-com, molti vincitori successivi, tra cui Microsoft, Qualcomm, Amazon e Intel, hanno registrato cali significativi e un modello simile potrebbe ripresentarsi mentre la polvere si deposita. – afferma Peter Granry di Saxo Bank. Gli investitori devono abituarsi ai guadagni a breve termine in questi mercati azionari deboli, poiché questo è del tutto naturale ed è stato una caratteristica fondamentale delle debolezze nel 2000-2003 e nel 2007-2008.

C’è una crisi di fiducia dei consumatori che sta condizionando anche i risultati dell’e-commerce.

Vedi anche: le azioni Virgin Galactic continuano a scendere nonostante i buoni dati. SpaceX più in maiuscolo che Boeing

Gli investitori hanno paura delle cattive previsioni

In definitiva, la domanda è per quanto tempo i consumatori potranno continuare a consumare di fronte all’inflazione. Il difficile mercato del lavoro ha aumentato i salari, anche se non così velocemente come i prezzi, ei consumatori hanno risparmiato di più, anche se in calo. I rivenditori tradizionali non sono immuni dai problemi dell’e-commerce, ma potrebbero non risentirne così gravemente. Ancora una volta, le azioni vengono scambiate sulla base delle previsioni aziendali.

Il rallentamento delle vendite potrebbe continuare ancora a lungo. Il problema è che durante la pandemia, negli ultimi due anni, molti consumatori hanno accumulato beni tangibili acquistando di tutto, dall’elettronica agli elettrodomestici ai mobili. Molti di questi prodotti non necessitano di essere sostituiti o aggiornati per molti anni.

Le persone fanno anche la spesa per socializzare. Come ha dimostrato un recente studio di Placer.ai, è più probabile che le persone visitino i negozi per motivi sociali, il che significa che i luoghi tradizionali sono sempre un contrappeso all’e-commerce.

Amazon ha fallito nel Q1’22, ma Wall Street ci crede ancora

Il prezzo del titolo è sceso di quasi il -40% da inizio anno, mentre negli ultimi cinque scambi il prezzo è sceso del -17%. Questo perché l’e-commerce e le vendite di annunci si sono rivelati inferiori alle stime di consenso e le previsioni sono state deludenti. Tuttavia, la maggior parte degli analisti ha aderito alle loro raccomandazioni. Secondo FactSet, anche il prezzo target medio di Amazon è sceso da $ 4.109 del 31 marzo a $ 3.703 di lunedì, con un aumento del 49% da $ 2.485 della scorsa settimana.

OPERAZIONI AMAZONICHE

Nonostante ciò, Wall Street rimane ottimista sulle prospettive di sviluppo a lungo termine del colosso tecnologico, in particolare nel segmento della pubblicità e dei servizi cloud. Altri ritengono che Amazon Prime Day, che si terrà nel terzo trimestre di quest’anno anziché in un altro, potrebbe essere un altro catalizzatore. Vediamo chi si arrende per primo: il mercato o gli analisti.

Shopify segue una tendenza al ribasso e non soddisfa le aspettative del mercato

Shopify è una società di piattaforme di e-commerce canadese che subisce la stessa pressione di tutte le società di e-commerce. Martedì, l’analista di Wedbush Ygal Arounian ha abbassato il suo prezzo target da $ 937 a $ 630, suggerendo minori probabilità di mercato e incertezza sul costo dell’e-commerce nel prossimo futuro. Il nuovo target rappresenta ancora un aumento del 33% rispetto ai livelli precedenti. È improbabile che Shopify sia immune alle tendenze e alle pressioni dell’e-commerce che abbiamo visto in quest’area, ma crediamo ancora che sia in una buona posizione. Aroniano ha scritto.

Gli utili del primo trimestre di Shopify sono stati inferiori alle aspettative degli analisti, causando un calo del prezzo delle azioni in linea con la tendenza. L’utile per azione rettificato della società di e-commerce per il primo trimestre è stato di 20 centesimi, che è inferiore alla stima di 64 centesimi per azione. L’utile netto è stato di $ 25,1 milioni, rispetto a $ 254,1 milioni nello stesso periodo dell’anno scorso. Questo risultato consisteva in perdite nette non realizzate e realizzate su azioni e altri investimenti per $ 1,6 miliardi.

L’amministratore delegato di Shopley, Harley Finkelstein, ha spiegato che le perdite non realizzate e realizzate erano dovute all’instabilità del mercato che influiva sugli investimenti dell’azienda.

Il fatturato di Shopify è stato di 1,2 miliardi di dollari, in linea con la stima di 1,24 miliardi di dollari. Le vendite lorde sono aumentate del 16% anno su anno a 43,2 miliardi di dollari. Le entrate del segmento Merchant Solutions sono aumentate del 29% anno su anno grazie alla crescente popolarità di soluzioni come Shopify Payments, Shopify Capital e Shopify Markets.

Gli analisti concordano sul fatto che i problemi macroeconomici non riflettono le debolezze strutturali di Shopify. A lungo termine, Shopify dovrebbe trarre vantaggio dall’aumento della sua quota di mercato nell’e-commerce. Ritiene che l’offerta dell’azienda sia fondamentale per le piccole e medie imprese che desiderano adottare opzioni di e-commerce, una tendenza importante dopo il 2020. – Pensiamo che Shopify sia molto ben preparato per il futuro del trading. Aroniano ha scritto. Anche se potrebbero esserci più fatture e prevediamo una maggiore instabilità nell’e-commerce, riteniamo che le attuali turbolenze si stiano rivelando un buon punto di partenza e un’opportunità per acquistare.

ACQUISTA AZIONI

La società prevede che la crescita annuale dei ricavi sarà più lenta nella prima metà dell’anno e più alta nel quarto trimestre del 2022, «Perché l’accelerazione dell’e-commerce lanciata dal Covid nella prima metà del 2021 a causa di embarghi e incentivi governativi non avverrà nella prima metà del 2022 r. “ – ha detto la società.

La crescita dei ricavi delle soluzioni commerciali nello stesso anno può essere più del doppio della crescita delle soluzioni degli ordini, il che significa che la crescita dell’utile lordo in dollari è più rapida della crescita dei ricavi. Shopify prevede di reinvestire tutti i profitti lordi nelle operazioni dell’azienda per espandere la sua gamma di servizi, ha aggiunto la società. Gli investimenti sono di circa $ 200 milioni e le spese di compensazione basate su azioni e le relative imposte sui salari sono di circa $ 800 milioni.

Gli investitori erano preoccupati prima che i risultati di Shopify venissero pubblicati perché i risultati di altri rivenditori online in questa stagione sono stati contrastanti, sollevando preoccupazioni sul fatto che l’e-commerce potesse rivelarsi un rallentamento post-pandemia simile a quello di Amazon.

Vedi anche: Palantir è deluso dai risultati. Il capitale sociale della società di analisi dei dati è al livello più basso della storia

Leave a Comment