Sono attualmente in corso i tre progetti principali di BBGK Architekc

Una nuova versione dell’iconico Padiglione Emilia, un’area residenziale nel cuore dell’ufficio di Służewiec e una filiale dell’Università di Varsavia – BBGK Architekci a Varsavia stanno lavorando a tre progetti promettenti.

progetto Służewiec; investitore: Eco Investment

L’obiettivo di Echo Investment, in collaborazione con BBGK e WWAA Studios, è trasformare la parte più antica dell’area degli uffici di Varsavia in un’area residenziale aperta piena di verde e che fornisca ai residenti tutti i servizi quotidiani. L’investitore costruirà anche una scuola elementare a ul. Costruttore che può ospitare 450 studenti.

Leggi anche -> Conversazioni con i migliori. BBGK Architekci: Vogliamo progettare l’architettura in termini di contenuto

Questo è il risultato dei commenti del sindaco di Mokotów, dei delegati di Varsavia e dei residenti di Służewiec. La scuola elementare 1-8 per due classi ogni anno è l’investimento accessorio più importante, insieme al miglioramento di tre acri di acri verdi o di infrastrutture verdi e di comunicazione locali.

L’architettura e l’urbanistica completamente nuove saranno introdotte nell’area degli uffici, che miglioreranno notevolmente l’estetica e la funzionalità di questo quartiere. Rompere la monocultura dell’ufficio di Służewiec è l’impostazione predefinita di urbanisti e architetti ed è coerente con tutte le politiche urbane. Un’applicazione aggiornata per determinare l’ubicazione di un investimento immobiliare ai sensi della legge speciale sull’edilizia abitativa e relativi investimenti è stata approvata dal Consiglio per l’urbanistica e ha ricevuto un parere favorevole dal Consiglio comunale di Varsavia.

Un totale di 3 ettari di spazio verde saranno costruiti nell’area del progetto pianificato. ul. Wołoska, viene creato il parco, che è una barriera naturale al traffico automobilistico. Due piazze che conducono dal parco lineare in ul. Cerniera. Lo spazio, dove possono essere costruite 1.250-1.600 case, è stato progettato perché era aperto, invitava i passanti e collegava i quartieri vicini con una rete di biciclette e passerelle.

Il successo di questo progetto è una pietra miliare nel processo di coinvolgimento degli investitori nella creazione di infrastrutture pubbliche su una scala senza precedenti.

Edificio didattico dell’Università di Varsavia

All’ul. A Bednarska 2/4 sarà costruito un edificio per la ricerca e l’insegnamento, che sarà utilizzato dai Dipartimenti di Giornalismo, Informazione e Letteratura ed Economia dell’Università di Varsavia.

Il progetto BBGK Architekc si riferisce all’architettura degli edifici del campus esistenti e incorpora il verde nella struttura dell’edificio. La giuria ha apprezzato il concetto del suo collegamento con l’edificio dell’ex Teodozja Majewska spa e la soluzione spaziale che il concetto svilupperà in seguito. La valutazione del progetto ha inoltre messo in evidenza aspetti legati all’efficienza energetica e all’ecologia.

– Mentre ci avvicinavamo a questo progetto, pensavamo che avremmo implementato un’idea molto importante: la progettazione di edifici che avrebbero soddisfatto i requisiti del futuro. Abbiamo presentato un piano edilizio la cui struttura è aperta alle esigenze odierne sconosciute – afferma Wojciech KoteckiArchitetti BBGK.

Padiglione Emilia; investitore: la capitale Varsavia

Rappresentando lo stile modernista, l’Emilia Furniture Pavilion ha seguito gli abitanti di Varsavia dagli anni ’70 ed era ampiamente riconoscibile. Nei primi anni 2000 è stata per molti anni sede del Museo d’Arte Moderna; poi l’edificio fu demolito. Lo spazio deve essere riportato alla sua forma originale utilizzando elementi storici. L’edificio sorgerà su un nuovo sito, sull’asse nord del Palazzo della Cultura e della Scienza, con il Palazzo della Gioventù.

Il piano terra dell’edificio è uno spazio aperto con un prospetto lato parco e una caffetteria al piano inferiore. Ci saranno piante a verde mobili, che saranno trasferite sulla terrazza antistante l’edificio durante i mesi estivi. Al primo piano, in mezzo al verde, ci sono vicoli tranquilli dove parlare, giocare a giochi da tavolo – rilassarsi. I designer hanno anche progettato strutture per incontri di danza o esercizi di yoga congiunti.

Al centro dell’edificio ci sarà un atrio a tre piani con alberi ad alto fusto. Funge da foyer, luogo di incontro, discussione e apertura. Nel seminterrato, sono circondati da una serie di sale laboratorio polivalenti, che sono anche uno spazio museale completo. Qui è prevista anche un’udienza.

– Il funzionamento reinterpretato del padiglione gli porta nuovi compiti. Non dovrebbe essere un falso o un falso – afferma Wojciech Kotecki di BBGK Architekci. – L’idea e l’idea tecnica sono commoventi, ma anche la cosa originale di Emilka. Come ha affermato l’unica autrice vivente del progetto originale, Hanna Lewicka, si tratta di un ritorno ai primi presupposti su cui è stata progettata questa struttura: uno spazio espositivo aperto e accessibile da tutti i lati. Nella nuova location – ai margini del Parco Świętokrzyski – è di nuovo possibile, aggiunge.

Ti è piaciuto l’articolo? Ghiaccio!

Leave a Comment