aleBank.pl – Portale finanziario – Il più vicino alla finanza

ServiceNow sta espandendo le sue operazioni nell’Europa centrale e orientale e aprendo un ufficio in Polonia sotto la gestione regionale. Stiamo parlando con Maciej Ostrowski, il direttore vendite responsabile dello sviluppo e del funzionamento dell’azienda in Polonia.

Maciej Ostrowski, foto: ServiceNow,

ServiceNow sta espandendo le sue operazioni nell’Europa centrale e orientale e aprendo un ufficio in Polonia sotto la gestione regionale. Stiamo parlando con Maciej Ostrowski, il direttore vendite responsabile dello sviluppo e del funzionamento dell’azienda in Polonia.

Robert Lidke: ServiceNow fornisce soluzioni per la trasformazione digitale. In quali paesi del mondo funziona già?

Maciej Ostrowski: Offriamo un’unica architettura, un unico modello di dati e un’unica piattaforma cloud che offre una soluzione migliore per il business e altri sistemi. Aiuta a digitalizzare e standardizzare un’organizzazione, rendendo il lavoro più intelligente, più efficiente e più veloce.

La nostra piattaforma e le soluzioni cloud aiutano le aziende a digitalizzare e standardizzare le applicazioni e le soluzioni IT funzionali, consentendo alle aziende di fornire un ambiente di lavoro più intelligente, più veloce e migliore.

I nostri clienti provengono da una vasta gamma di aree geografiche, industrie e aziende di tutte le dimensioni. Questi includono Coca-Cola, EuroPacific Partners, Deloitte, GE, Nike, Pepsi, NHS Scotland e WNBA e migliaia di altri.

Quasi l’80% delle aziende Fortune 500 si affida alla piattaforma Now per creare e ottimizzare nuovi flussi di lavoro della catena del valore e modificare le esperienze dei dipendenti.

ServiceNow opera in 29 paesi in tutto il mondo. Il numero di dipendenti alla fine del primo trimestre del 2022 ha superato i 17.500. Nel 2021 l’azienda ha lavorato con oltre 7.400 clienti in tutto il mondo.

All’inizio di giugno 2022, ServiceNow ha ampliato le sue operazioni nei PECO aprendo un ufficio amministrativo regionale in Polonia.

Esistono già soluzioni ServiceNow in Polonia?

Prima dell’espansione, ServiceNow era stato acquistato dalla nostra regione tramite partner, ma raggiungerli richiedeva Vienna o Germania: non era facile per i clienti polacchi interagire direttamente con ServiceNow. E man mano che la base di utenti cresce, volevamo cambiarlo.

In Polonia, ci concentriamo sui settori con cui lavoriamo in tutto il mondo. Siamo lieti che aziende selezionate nei settori finanziario e farmaceutico stiano utilizzando la piattaforma Now e stiamo riscontrando un crescente interesse da parte di altri settori come assicurativo, industria, scienze della vita e settore pubblico.

Perché ServiceNow decide di aprire un ufficio in Polonia e quali sono i piani dell’azienda per l’Europa centrale?

Il mercato europeo è molto importante per noi. Siamo già presenti in Europa e offriamo ai clienti di tutto il continente soluzioni sotto forma di piattaforma cloud. L’attuale decisione rappresenta un nuovo passo verso il miglioramento della vita lavorativa.

Il nuovo ufficio e la nuova gestione dimostrano un impegno a lungo termine nei confronti del mercato polacco delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC), uno dei più grandi dell’Europa centrale e orientale.

I clienti nuovi ed esistenti possono utilizzare l’accesso diretto alla piattaforma ServiceNow in polacco e contattare un team locale che comprende le specifiche dei settori chiave della regione, come finanza, tecnologia, servizi municipali o settore pubblico.

L’ufficio di Varsavia diventerà un centro di eccellenza nei PECO, coprendo, tra gli altri, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Ungheria e Grecia.

Con quali fornitori di servizi cloud funziona ServiceNow e quali di loro sono partner di ServiceNow in Polonia? Dove sono i dati dei clienti polacchi della tua azienda?

L’anno scorso, ServiceNow ha presentato nuove soluzioni di erogazione dei servizi che consentono ai clienti di far elaborare sempre i propri dati ospitati nell’UE esclusivamente all’interno dell’UE.

Il nostro nuovo modello di consegna per il servizio Eurocentrico porta tranquillità ai nostri clienti e partner esistenti. Soprattutto per i settori regolamentati, i clienti e i partner del settore pubblico o i clienti che non sono ancora migrati al cloud, questo modello offre la sicurezza e la semplicità per scegliere il servizio cloud più adatto alle loro esigenze.

In ServiceNow, rispettiamo sempre le leggi, i regolamenti e i requisiti aziendali locali.

In Polonia, siamo all’inizio del nostro viaggio e stiamo attualmente valutando le migliori opportunità e i migliori fornitori con cui lavoriamo insieme per fornire servizi.

A quali clienti ServiceNow si rivolge principalmente l’azienda?

La nostra offerta è principalmente rivolta al settore corporate. Per quanto riguarda le industrie, direi che sono i servizi finanziari, le telecomunicazioni, i media, il settore pubblico e l’e-commerce, tutti soggetti a un’enorme pressione per il cambiamento digitale con risorse limitate.

Il nostro obiettivo è aiutare a colmare queste lacune implementando soluzioni tecnologiche appropriate che consentiranno a questi settori di ottenere di più con meno investimenti.

Nel settore finanziario, potrei citare alcuni dei nostri clienti in EMEA: ING, DNB (il più grande gruppo di servizi finanziari della Norvegia e uno dei più grandi in Scandinavia in termini di capitalizzazione di mercato) o Swiss Re (un importante grossista di riassicurazione). , assicurazione e loro forme di assicurazione per il trasferimento del rischio).

ServiceNow è quotata al NASDAQ, le sue azioni avevano la quotazione più alta nel novembre 2021, ma prima il prezzo è aumentato dinamicamente per diversi anni: quali sono le prospettive dell’azienda?

Siamo l’unica società di servizi cloud che guadagna 5 miliardi di dollari di entrate organicamente senza grandi acquisizioni… e non dobbiamo farlo per arrivare a 10 miliardi di dollari.

Il nostro obiettivo ora è quello di diventare un’azienda con un valore di oltre 15 miliardi di dollari entro cinque anni, perseguendo la nostra strategia coerente basata su: innovazione organica che acceleri la nostra strategia di ingresso nel mercato in tutte le aree geografiche, settori, centri commerciali e un ecosistema di partner in continua crescita. e servizi unici.

Se osserviamo le esigenze di diversi settori, risulta che circa l’80% dei processi richiesti sono coerenti e immediatamente disponibili. Tuttavia, il restante 20% è dovuto alla segregazione, in cui i flussi di lavoro sono specifici del settore e unici per l’azienda e differenziano un determinato marchio.

 

Leave a Comment