A Varsavia è stato aperto un centro di formazione e sviluppo per i rifugiati

120 postazioni informatiche per l’apprendimento a distanza, corsi di lingua polacca, supporto psicologico, corsi per bambini e ragazzi: sono solo una parte dell’offerta fatta per gli ospiti ucraini di ul. Towarowa 25a. Grazie alla cooperazione nell’area metropolitana di Helsinki con Alior Bank e UNICEF a Varsavia, il Centro di Formazione e Sviluppo entrerà in funzione.

Il Centro di Formazione e Sviluppo (CEiR) si trova in II. piano nell’edificio degli uffici di Alior Bank e copre un’area di 1,4 mila m2. Lo spazio è aperto dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 17:00, il sabato dalle 09:00 alle 16:00

– Dal primo giorno di guerra, aiutiamo i nostri ospiti dall’Ucraina. Sappiamo che aiutare i rifugiati è un’attività a lungo termine e ben ponderata che li aiuta davvero a ritrovarsi in una nuova realtà. Ci siamo presi particolarmente cura dei bambini e dei giovani e, grazie all’enorme sostegno finanziario dell’UNICEF, possiamo prenderci cura del loro futuro insieme. Utilizzando la conoscenza e l’esperienza dell’organizzazione, abbiamo preparato un’ampia gamma di supporto. In questo processo, è estremamente importante imparare la lingua polacca, la cui ignoranza è uno degli ostacoli all’istruzione e alla ricerca di lavoro, afferma Renata Kaznowska, vicesindaco della capitale di Varsavia. Varsavia, e altro ancora: – Fin dall’inizio, siamo stati supportati da migliaia di residenti, ma anche da partner privati. La cooperazione della capitale con la Banca Alior a Varsavia è un esempio della migliore sinergia tra queste attività, per la quale sono molto grato.

All’inaugurazione del Centro è intervenuto anche Maksym Muzyczko, Segretario dell’Ambasciata dell’Ucraina in Polonia. Vorrei ringraziare le autorità cittadine per l’aiuto e il sostegno che danno al popolo ucraino. Impariamo insieme e questo team, creato per fornire un aiuto olistico, ci delizia enormemente. Grazie a tutti, disse il diplomatico ucraino.

Nasce dalla collaborazione

– Il centro di formazione e sviluppo è un luogo molto importante e strategico dove si incontrano il comune, un ente privato e la nostra organizzazione. Insieme aiutiamo i bambini ucraini che soggiornano in Polonia. Rimango fedele ai nostri recenti impegni – l’UNICEF fornirà loro istruzione, salute e sicurezza per tutto il tempo necessario – ha sottolineato il dottor Rashed Mustafa Sarwar, capo dell’Ufficio polacco/coordinatore della risposta ai rifugiati.

– Con piena consapevolezza, abbiamo temporaneamente consegnato ai rifugiati il ​​nostro moderno edificio per uffici nel centro di Varsavia. Vogliamo dimostrare che usare gli aiuti non è imbarazzante. Dovremmo aiutare coloro che sono stati vittime del brutale attacco della Russia all’Ucraina. Questa è una dimensione molto specifica, prevista ea lungo termine della nostra responsabilità sociale, afferma Grzegorz Olszewski, vicepresidente esecutivo di Alior Bank.

Alior Bank ha effettuato la ristrutturazione e l’ammodernamento dei locali per ospitarli per compiti di formazione e cura, compresa l’erezione di pareti divisorie, la separazione di strutture aggiuntive (ad es. per l’accoglienza di uno psicologo), l’adattamento di un bagno alle esigenze di i disabili e la previdenza. mobili e ricreazione dell’intera superficie (pittura pareti, lavaggio tappeti, riempimento cavità). Grazie alla corretta disponibilità dello spazio, è stato creato un moderno spazio polivalente, dove bambini, giovani e adulti ucraini possono trovare un’ampia gamma di aiuti.

Luogo comodo per lo studio e punto informativo per la formazione

Il vicepresidente Kaznowska sottolinea che l’istruzione è una delle aree di sostegno più importanti per i rifugiati, oltre all’assistenza sanitaria.

Sulla base del numero di numeri PESEL assegnati al database e ai sistemi di telefonia mobile, stimiamo che ci siano circa 65.000 persone a Varsavia. scolari e giovani. Ad oggi, abbiamo ammesso nelle scuole e negli asili della città poco più di 17.000 studenti ucraini. Fin dall’inizio, abbiamo deciso di costruire due sistemi educativi per i rifugiati: il primo è il sistema educativo a tempo pieno per studenti legati al sistema educativo polacco. La seconda è la formazione a distanza nel sistema ucraino – spiega Renata Kaznowska.

Alla fine, il centro disporrà di 120 postazioni informatiche per studenti che apprendono a distanza nel sistema ucraino. Anche gli insegnanti ucraini che soggiornano a Varsavia per l’apprendimento a distanza possono utilizzare l’infrastruttura TIC. Alior Bank ha fornito una connessione Internet a CEiR, ha ricostruito la rete e ha realizzato ulteriori prese per il collegamento di computer.

Molti studenti e insegnanti ucraini soggiornano in residenze temporanee dove è difficile trovare spazio per un apprendimento pacifico. Pertanto, è molto importante preparare loro un luogo accogliente dove studiare, che fornisca anche un comfort sufficiente per lavorare – sottolinea il vicepresidente Kaznowska.

Gli studenti ucraini possono anche fare affidamento su lezioni di sostegno delle ONG e tutoraggio nei programmi di istruzione di base ucraini.

Durante le vacanze estive, l’edificio Wola avrà anche un punto informativo sull’istruzione dove ogni genitore, studente e insegnante potrà conoscere tutti i servizi educativi a Varsavia, inclusa l’offerta delle ONG per bambini e giovani. Più di 1,8 mila persone lavorano nella capitale. scuole e college pubblici e privati. Non si tratta solo di scuole e asili nido, ma anche di diverse istituzioni che sviluppano l’interesse degli studenti e operano nel pomeriggio.

Imparare il polacco per bambini e adulti

Nello spazio a ul. Towarowa ha anche in programma di lanciare corsi di lingua polacca. Ciò renderà più facile per i bambini e i giovani passare attraverso il processo di adattamento nelle scuole polacche e il CEiR può anche contare sul sostegno per l’integrazione durante il loro soggiorno in Polonia.

La mancanza di competenze linguistiche in polacco è particolarmente importante nel mercato del lavoro, anche nel campo dell’istruzione, poiché Varsavia ha un gran numero di insegnanti con bisogni speciali, matematici, fisici, biologi, ecc.

Supporto psicologico e pedagogico

Nel contesto della guerra in Ucraina, bambini e giovani, compresi gli adulti, molto spesso subiscono il trauma della guerra, quindi hanno bisogno di un aiuto psicologico professionale. Con una rete di strutture adeguate a Varsavia, il centro offre consulenza di esperti a bambini, genitori, tutori ed educatori dall’Ucraina.

Presso il Centro Formazione e Sviluppo è possibile iscriversi a corsi di sviluppo e appuntamenti con lo psicologo. L’orario è disponibile su Edukacja.um.warszawa.pl

Club per bambini e giovani

Il sostegno alla formazione è una delle componenti del sostegno ai rifugiati dall’Ucraina. Anche l’assistenza sociale è importante, compreso il sostegno ai genitori dei bambini più piccoli e più grandi. Il centro dispone di un angolo per bambini in età prescolare dove vengono offerte cure e attivazione.

I bambini più grandi e i giovani possono sviluppare i loro interessi e le loro capacità nella club house del centro e sfruttare la ricca offerta, ad es. centri culturali comunali, istituzioni scolastiche e organizzazioni sociali.

Formazione di insegnanti polacchi e ucraini

Insegnare a diverse migliaia di studenti ucraini non è solo un’enorme sfida logistica, ma richiede anche agli insegnanti di acquisire competenze aggiuntive: lavorare con un bambino straniero richiede la conoscenza dei loro bisogni e aspettative e l’attuazione di attività favorevoli all’integrazione. Pertanto, Varsavia sta progettando un edificio in ul. Towarowa 25a, formazione per insegnanti di bambini ucraini.

Il CEiR sta anche creando un luogo per sostenere le attività dei volontari a beneficio degli ucraini: grazie all’assistenza di base di migliaia di residenti di Varsavia, i rifugiati stanno ricevendo da loro un enorme aiuto anche nel campo dell’istruzione.

Informazioni su corsi e workshop presso il Centro di formazione e sviluppo: Edukacja.um.warszawa.pl/centrum-edukacji-i-rozkieta

Leave a Comment