Scogliere di Gozo, camminando lungo la costa dell’isola

L’isola di Gozo è piccola, potresti non essere in grado di spostarti in un giorno, ma metà dell’isola è a portata di mano. Ho deciso di passeggiare lungo la costa dal pomeriggio alla sera. Ammira le famose scogliere e resta da solo.

Alle 14:30 sono arrivato in un luogo abbastanza tipico, un tempo simbolo della famosa Finestra Azzurra, Malta e Gozo. Ebbene, la finestra è caduta in mare qualche anno fa, quindi non la si vede più. D’altra parte, ci sono scogliere davvero belle e una costa rocciosa nelle vicinanze dove si infrangono le onde.

Le onde martellano sulle rive della baia di Dwejra

C’è anche il cosiddetto Blue Hole e il “Mare interno”, e soprattutto si erge la fortezza di Dwerija, una delle fortezze di pietra la cui rete avvolge Malta e Gozo. Tutto questo per proteggere l’incolumità degli isolani e per segnalare l’attacco dei nemici. Il Forte Rosso è probabilmente il più noto dei forti, ma puoi leggerlo in un altro articolo. Passiamo ora alla bellezza della costa.

Baia di Dwerija, Blue Hole e Mare Interno

Ammetto di essermi soffermato su queste rocce. Il fragore delle onde che si infrangono sulla riva del mare e il suono del vento combaciano perfettamente. La forza della natura e guai a chi cade in mare in tali condizioni. Credimi, c’è qualcosa di incantevole nella natura che fa sentire una persona piccola e vulnerabile ad essa. Ed è affascinante. Come se fossi seduto qui in una giornata ventosa, ti senti allo stesso modo.

Ebbene, ho guardato il mare duro e poi sono sceso nel cosiddetto “Mare Interno”, che è un piccolo specchio d’acqua con una base stretta collegata al Mediterraneo. Ma quanto puoi guardare le onde che si infrangono? Ebbene, in alta stagione e con il mare più calmo qui ci si può tuffare e arrivare in mare aperto sott’acqua, ma non in condizioni come quelle di oggi.

Inland Sea è il nome comune di una piccola piscina collegata al mare da una scogliera

Inland Sea è il nome comune di una piccola piscina collegata al mare da una scogliera.

Questo buco nella roccia collega il mare a questo bacino interno

Questo buco nella roccia collega il mare a questo bacino interno

La magia delle scogliere al largo di Gozo

Così ho deciso di iniziare la parte giusta dei miei programmi pomeridiani. Cammina lungo le coste occidentali e settentrionali di Gozo. Come ho visto in Google Maps, questo è un percorso che offre viste fantastiche lungo il percorso. Bene, la mappa è tua e la realtà è tua, perché a quanto pare, parte del percorso presumibilmente realizzabile passa attraverso aree private. E in parte, il percorso si ferma del tutto o devi passare attraverso una boscaglia, il che in qualche modo non è carino. Ma è un’avventura!

La parte più bella di questa costa si trova sul lato occidentale dell’isola di Gozo. Penso che la parte settentrionale sia meno spettacolare. A ovest sono ben visibili scogliere alte un centinaio di metri. Misuro con l’occhio perché non ho trovato la loro altezza da nessuna parte, come le scogliere di Dingl a Malta (l’isola principale). L’unica cosa che non mi piace della marcia è che vado a nord quando i panorami migliori sono sempre dietro di me. Bene, tutto ciò che puoi fare è guardare indietro o sederti sulla proverbiale occasione.

Scogliere di Gozo

Lungo il sentiero lungo la costa, le scogliere sono perfettamente visibili. Puoi davvero guardarli per ore.

Le scogliere di Gozo

Le scogliere di Gozo

Il sentiero che si segue è uno stretto sentiero che porta a pochi o più metri dal ciglio di una scogliera. Naturalmente, non è pericoloso da nessuna parte. Il problema sorge più o meno solo dove finisce la costa occidentale e inizia la costa settentrionale. Qui, purtroppo, iniziano le zone segnalate come private e la strada viene chiusa con la consapevolezza che si tratta di una strada privata per le masserie. Ammetto che mi è capitato di ignorare un obiettivo del genere e di saltarlo o saltarlo. Sfortunatamente, dopo aver percorso diverse centinaia di metri, stavo arrivando alla fine della strada, e per raggiungere un luogo che ricordava di nuovo un sentiero, ho dovuto attraversare il campo. Non voglio rovinare il lavoro di qualcun altro, quindi mi sono ritirato sulla strada principale.

La strada lungo la costa di Gozo ha purtroppo dei cancelli che impediscono un comodo accesso

La strada lungo la costa di Gozo ha purtroppo dei cancelli che impediscono un comodo accesso

Camminando sulla costa meridionale

Il problema è che la strada principale ad un certo punto è finita e ho dovuto abbassare il muro di pietra. Poi era in discesa (letteralmente), cioè tra i cespugli e attraverso i cespugli nel pozzo che tagliava l’isola. Anche i punti rossi e le frecce hanno aiutato qui. Segno che questo è un percorso più ufficiale. Anche in questo caso, la parte bella del percorso panoramico iniziava lungo la costa alta. Sotto di me c’erano delle rocce e davanti a me c’era un luogo dove la natura mostrava di nuovo la sua bellezza. Mushroom Rock o Toadstool Rock (è così che lo tradurrei). Un posto bellissimo dove puoi vedere come il vento e la pioggia “afferravano la roccia” creando una bellissima costa concava. E non scegliere un filo giallo che sembra sabbia. È davvero hard rock.

La costa coperta di vento e pioggia assume forme diverse.

La costa coperta di vento e pioggia assume forme diverse.

Wied Il-Mielaħ. Nuova finestra in pietra

Un altro bel posto era proprio di fronte a me. Questo è Wied Il-Mielaħ, una finestra in pietra, un luogo che combatte l’attenzione dei turisti dopo il crollo della famosa Finestra Azzurra. Anche se, ovviamente, non è così popolare. Non è ancora. Uno stretto sentiero protetto da ringhiere conduce a un piccolo ponte di osservazione. Da questo luogo si può vedere perfettamente la potenza della natura che irrompe con onde potenti. E mi ha buttato giù… Volevo fare un video. E infatti l’ho fatto. Solo guardando le prove, non mi sono accorto che una forte onda aveva appena sfondato la finestra rocciosa. Un momento di indifferenza mi è costato pantaloni bagnati, mutandine bagnate, un maglione bagnato. Bene, la marea mi ha quasi allagato.

Wied Il-Mielaħ - devi stare attento durante i forti venti perché ci sono onde

Wied Il-Mielaħ – bisogna stare attenti quando il vento è forte perché l’onda può inondare gli osservatori

E quella fu la fine della mia passeggiata nel nord di Gozo. Avevo programmato di raggiungere gli stagni salati proprio accanto a Xwejnia, ma sfortunatamente… con i pantaloni bagnati con vento forte è tragico e il freddo è persino garantito. Ecco perché la mattina dopo ho osservato i coloni dove l’acqua di mare è evaporata per centinaia di anni per ottenere sale puro. Forse ho perso tempo per questo, ma è stata un’avventura e ho una lezione per il futuro 😉

Sono a poco più di due chilometri a piedi dalla fermata dell’autobus più vicina e ritorno a Victoria (Rabat), la capitale dell’isola di Gozo.

Leave a Comment