Pacchetto IVA e-commerce e vendita di prodotti cinesi in Allegro

Allegro ha annunciato ieri sul proprio sito web una serie di modifiche a questa piattaforma nei prossimi mesi. Tuttavia, la mia attenzione è stata attirata sul passaggio relativo alle modifiche relative al pacchetto IVA per l’e-commerce che entrerà in vigore il 1° luglio 2021.

Cos’è il pacchetto IVA e-commerce?

Per fornire informazioni sui cambiamenti che avverranno dopo le vacanze estive, che avranno senza dubbio un impatto significativo sull’e-commerce in tutta l’UE, alcune informazioni sul contenuto del pacchetto IVA per l’e-commerce.

Si tratta di un sistema di sdoganamento completamente nuovo per le merci importate nell’UE da altri paesi. Ciò si applica principalmente alle merci importate da portali di aste cinesi come AliExpress.

Il nuovo sistema fiscale si basa sul portale IOSS – Import One-Stop Shop, dal quale gli imprenditori che importano merci da paesi extra UE possono pagare l’IVA.

Per semplificare questo sistema, il pacchetto IVA per l’e-commerce porterà una significativa modifica alla tassazione dei beni fino a 22 €. Fino al 1 luglio 2021 questi prodotti non saranno soggetti ad IVA e da tale data tutte le merci importate da paesi extra UE saranno soggette ad IVA, indipendentemente dal loro valore.

Cosa motiva di più gli iniziatori del pacchetto IVA e-commerce? La risposta più appropriata a questa domanda è la dichiarazione del viceministro delle finanze Jan Sarnowski:

– Si tratta di un progetto che, secondo la Commissione Europea, limita il flusso di pacchi contenenti merci esentasse da paesi terzi verso l’Unione Europea. Non andranno persi solo i bilanci dei singoli paesi, ma soprattutto gli imprenditori dell’UE. Spesso non sono in grado di competere con le aziende operanti nell’Estremo Oriente che vendono i loro stessi beni, ma con un’IVA più conveniente, spesso fino a un quarto. Il pacchetto e-commerce è un passo importante per arginare questa pratica.

Inoltre, gli sportelli unici per contribuenti IVA possono farlo solo nel loro paese di origine senza dover pagare l’IVA in ogni paese in cui spediscono la merce.

E gli imprenditori che non utilizzano IOSS? In questo caso si applica il sistema semplificato di riscossione dell’IVA. Viene ritirato da un’autorità notificante, come un operatore postale (Poczta Polska in Polonia), un corriere o un agente doganale.

Pacchetto IVA e-commerce ad Allegro

Per motivi di introduzione, ci sarà uno spostamento nel negozio Allegro e le regole che entreranno in vigore su questa più grande piattaforma di vendita in Polonia a partire dal 1 luglio 2021.

Un modello di vendita chiamato dropshipping è una pratica abbastanza comune per i venditori di Allegron. Consiste, insomma, nell’intermediazione della vendita di beni, principalmente da piattaforme cinesi. Il venditore fa un’offerta per vendere determinati prodotti disponibili, ad esempio, su AliExpress, ritira gli ordini dagli acquirenti di Allegro, li inoltra a un fornitore in Cina e quest’ultimo stesso consegna la merce agli acquirenti in Polonia. In questo caso, il venditore di Allegro guadagna una commissione, che è la differenza tra l’importo pagato dall’acquirente sul suo conto presso Allegro e l’importo trasferito al fornitore in Cina.

Nei commenti, sotto le voci di diverse nuove regole, è stato suggerito che a causa dell’introduzione del pacchetto IVA per l’e-commerce, i venditori in Cina avrebbero dichiarato il valore dei beni inferiore, ad esempio 1 euro.

Questo può fallire con il dropshipping di Allegro:

L’Unione Europea introdurrà un pacchetto IVA per il commercio elettronico il 1° luglio. Pertanto, alcune transazioni business-to-consumer (B2C) su piattaforme elettroniche sono autorizzate da venditori al di fuori dell’Unione Europea in base alle nuove regole. Le piattaforme di pagamento dell’IVA per queste transazioni, incluso Allegro, non sono venditori. Ciò significa che addebiteremo l’IVA al venditore su queste transazioni.

Per chiarire chi è esattamente interessato da questo cambiamento, userò anche la citazione di Allegron qui:

Chi sarà interessato da questo cambiamento? Venditori stabiliti al di fuori dell’Unione Europea che forniscono dall’interno dell’Unione Europea. Si applica alle transazioni effettuate da venditori stabiliti al di fuori dell’Unione Europea che non hanno una stabile organizzazione ai fini dell’IVA nel proprio territorio se la merce è spedita dall’Unione Europea.

Ecco quindi la classica situazione con tante offerte di vendita sul modello dropshipping di Allegron. La merce viene consegnata da venditori in Cina e consegnata agli acquirenti direttamente da magazzini situati nei paesi dell’UE, come la Germania.

In tali casi, i venditori di Allegro devono includere l’IVA e le spese di consegna relative all’offerta, che sono, ovviamente, calcolate sulla base del valore effettivo della merce venduta.

Se un determinato venditore paga l’IVA su merci importate al di fuori dell’UE e lo fa con il sistema dello sportello unico, deve fornire le informazioni direttamente ad Allegro. In caso contrario, Allegro addebiterà loro l’IVA dichiarata. Allegro informerà a breve i venditori di un elenco di beni che non sono soggetti ad IVA nell’ambito del pacchetto IVA online.

Inoltre, dobbiamo archiviare i dati rilevanti su tutte le transazioni business-to-consumer (B2C). Soprattutto quelli su cui paghiamo l’IVA. Dobbiamo fornire queste informazioni anche su richiesta delle autorità fiscali.

Da dove vengono questi cambiamenti di Allegron? Capisco che Allegro è anche un venditore. Le transazioni di vendita e acquisto di beni sulla loro piattaforma, ad esempio dalla Cina, devono essere addebitate indipendentemente dal loro valore. Se i venditori o gli intermediari non lo regolano essi stessi sulla piattaforma IOSS, Allegro lo ritira per loro conto e lo inoltra alle autorità doganali come canone mensile.

Questo significa la fine del dropshipping di Allegron? Personalmente ritengo che possa essere legato ad aumenti del prezzo dei beni venduti in questo modo, i cui prezzi sono maggiorati dell’IVA. Di conseguenza, tali offerte non attireranno più gli acquirenti, ma questo è tutto il pacchetto IVA per l’e-commerce.

Fonte: Allegro.

Leave a Comment