Cosa attende il mercato immobiliare premium nel 2022?

Alla vigilia del 2022, come umanità, affronteremo numerosi problemi globali che ci colpiscono localmente. I processi economici e climatici non lineari hanno un impatto reale sulla nostra vita quotidiana e la situazione della vita nelle aree urbane è in costante deterioramento. Cosa significa questo per urbanisti, progettisti e architetti? I prossimi anni porteranno un cambiamento nel modo di pensare ai bisogni urbani, delle risorse e dell’uomo che si rifletterà nel mercato immobiliare? Che cos’è un design sano e sostenibile? Gli esperti di Roark Studio risponderanno a queste domande.

Il benessere degli abitanti delle città dipende da una serie di fattori, molti dei quali sono di responsabilità di progettisti e progettisti. Il loro lavoro si basa sulla ricerca dei bisogni delle persone. Secondo gli esperti di Roark Studio, è responsabilità della comunità del design creare tendenze che abbiano un impatto positivo sul benessere dei residenti nel rispetto dell’ambiente.

Nel 2022 – un’era di progressivo cambiamento climatico, sovrappopolazione globale e consumo eccessivo delle risorse naturali della terra – è fondamentale trovare la giusta risposta che l’industria del design può fornire a queste crisi. Certo, i talenti di architetti e altri designer non devono essere sopravvalutati, ma nell’Unione Europea gli edifici rappresentano il 40%. consumo energetico mondiale e 36 per cento. emissioni di gas serra – sottolinea Jakub Bladowski, CEO di Roark Studio.

Eco dal primo cubo di cemento

Negli ultimi anni, tutte le problematiche legate ai cambiamenti climatici e quindi all’edilizia sostenibile hanno sempre più colpito il mercato immobiliare. L’anno 2022 è sicuramente una continuazione di questa tendenza.

Questi valori sono influenzati non solo dal tasso di occupazione dei locali, ma anche dalla loro costruzione e dismissione. La giusta reazione progettuale sembra essere quella di orientarsi verso edifici a energia zero e carbon neutral, il cui ciclo di vita dalla fabbricazione di un unico cubo di cemento è controllato e pianificato fino alla “morte” dell’edificio e alla sua demolizione. afferma Krzysztof Pietras, direttore dell’architettura residenziale di Roark Studio.

Un altro problema altrettanto importante è la grande importanza delle comunicazioni automobilistiche personalizzate nelle città moderne. A scala urbana sono sempre più utilizzate soluzioni che limitano il trasporto su strada (e quindi il consumo di combustibili fossili) e promuovono il trasporto pedonale e ciclabile oltre al trasporto pubblico.

Una mente sana in una casa sana

Una delle tendenze chiave per il 2022 è la progettazione e realizzazione di “spazi salutari” in modo olistico e basato sulla collaborazione tra residenti, designer, autorità e pianificatori. Il termine “sano” in questo caso comprende dimensioni fisiche, mentali, sociali e spirituali. Viene in soccorso la neuroarchitettura, una disciplina relativamente nuova basata su un compito vicino all’azienda di scoprire le esigenze degli utenti degli edifici pianificati.

L’obiettivo della neuroarchitettura è conoscere la persona, che è, in fondo, il punto di riferimento centrale dell’architetto. È impossibile progettare edifici, quartieri o città sani senza comprendere quali decisioni progettuali hanno un impatto positivo sul benessere dei residenti. Le richieste delle persone cambiano continuamente, ma nelle emergenze diventa più evidente. L’ultimo esempio è, ovviamente, la pandemia e i relativi cambiamenti nel mercato del lavoro, nonché l’enfasi sui bisogni abitativi. Uno degli obiettivi principali di un buon architetto è che ogni residente e utente dello spazio che progetta si senta a proprio agio – tutto grazie a un’attenta progettazione e alla capacità di comprendere i bisogni delle persone a cui serve l’architettura – afferma Anna Czech, architetto di Roark Studio.

La tecnologia al servizio dell’architettura

Le industrie dell’architettura e delle costruzioni sono ancora in ritardo rispetto ad altri settori dell’economia nell’uso dei moderni strumenti informatici. Nel frattempo, molti problemi possono essere risolti in fase di progettazione attraverso l’uso di simulazioni e analisi. Quando si progetta uno spazio urbano che soddisfi le sfide moderne, è necessario utilizzare moderni strumenti informatici, ad esempio per eseguire analisi di gallerie per soluzioni di protezione dal vento, per simulare i benefici dell’energia solare, dell’ombreggiamento, dell’acustica o del traffico pedonale.

Una delle tendenze tecnologiche più interessanti sarà il cosiddetto “gemello digitale”, un duplicato digitale di un edificio progettato. Simulando il ciclo di vita di un oggetto nello spazio virtuale, è possibile comprendere i costi reali associati alla sua costruzione, funzionamento e smaltimento. Tali simulazioni diventeranno presto una necessità: per combattere il cambiamento climatico, dobbiamo sapere, ad esempio, quale sarà l’impronta di carbonio di un edificio durante il suo ciclo di vita, afferma Robert Juchnevic, architetto di Roark Studio.

Flessibilità e buona organizzazione

Un altro fattore di mercato che influenzerà rapidamente la realtà del settore immobiliare e degli studi di architettura è l’inflazione. Il mercato sta cambiando e diventa sempre più difficile gestire un’impresa.

In questa situazione è necessario attuare soluzioni che favoriscano la flessibilità, poiché il cambiamento è parte integrante della nostra professione. La buona organizzazione, la tempestività e l’alta qualità dell’architettura del processo di progettazione rimangono importanti per Roark Studio senza eccezioni. Per questo motivo, implementiamo in studio strumenti di gestione dei progetti nel settore IT. Anche la responsabilità degli architetti per i risultati del loro lavoro è importante. I residenti del nostro spazio o gli utenti degli edifici per uffici che progettiamo non hanno bisogno di sapere perché si sentono a proprio agio in questi spazi. Questo è il nostro lavoro e dobbiamo sempre garantire la qualità – riassume Jakub Bladowski, CEO di Roark Studio.

Ti è piaciuto l’articolo? Ghiaccio!

Leave a Comment