Cancro alla vescica. “Abbiamo un grosso problema”. L’elenco delle raccomandazioni è lungo

  • Lunedì, la Wygrajmy Zdrowie Foundation ha presentato un rapporto intitolato “The Situation of Bladder Cancer Patients – Current Challenges”
  • Ci sono circa 8.000 posti di lavoro in Polonia ogni anno. tumori della vescica e circa 4.000 morti a causa di esso
  • Il cancro della vescica è l’unico tumore comune per il quale non è stato sviluppato alcun regime farmacologico
  • La condizione delle persone con cancro alla vescica è difficile, principalmente a causa della scarsa consapevolezza sociale della malattia. Serve formazione – afferma Szymon Chrostowski
  • Il cancro alla vescica è un problema enorme, uno dei più importanti negli uomini – afferma il prof. Maciej Krzakowski
  • Il trattamento di questo tumore dovrebbe avvenire in centri di trattamento olistico costruiti sulla base di centri urologici con una vasta esperienza e opzioni di trattamento – sottolinea
  • È necessario ad es. rafforzare la vigilanza oncologica dei medici di base e l’accesso ai finanziamenti per la diagnostica – sottolinea

– Relazione della Fondazione Wygrajmy Zdrowie in onore della Società Polacca di Oncologia. “La situazione dei malati di cancro alla vescica – sfide attuali” è un aggiornamento de facto al rapporto del 2014 – ha spiegato in conferenza stampa Szymon ChrostowskiPresidente della Fondazione.

Ha sottolineato che la situazione delle persone con cancro alla vescica è difficile principalmente a causa della scarsa consapevolezza sociale della malattia, dei fattori di rischio e dei sintomi. Si parla poco di questa malattia in Polonia, quindi i pazienti spesso sottovalutano i sintomi e non si riferiscono a un medico e li classificano come “lieve infiammazione”.

“I pazienti sono anche preoccupati per il lungo e complesso percorso diagnostico e terapeutico e per le limitate opportunità di una diagnosi ottimale, un trattamento sostitutivo e una riabilitazione completa”, ha aggiunto Szymon Chrostowski.

“Il cancro alla vescica è un problema enorme”

Come ha ricordato, ogni anno in Polonia ci sono circa. 8mila casi di cancro alla vescica e n. 4mila morti per questo. È il quarto tumore più comune negli uomini e il dodicesimo nelle donne. Nella fase metastatica, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è solo del 5%.che mostra quanto gravemente questo cancro sia a rischio.

– Il cancro alla vescica è finito 50 percento casi dipendenti dal tabacco che quasi nessuno conosce perché il cancro ai polmoni è solitamente associato al fumo. La mancanza di queste informazioni mostra quanto sia importante educare la società su questo cancro. Va anche sottolineato che il cancro alla vescica è così “dimenticato” che non esiste ancora un programma farmacologico, ha sottolineato.

– Il cancro alla vescica è un problema enorme, uno dei più importanti negli uomini. In Polonia, ogni anno più di più persone muoiono di questo cancro 3mila Egli ha detto prof. Maciej Krzakowskiconsulente nazionale nel campo dell’oncologia clinica.

La mortalità per cancro alla prostata è in aumento.  Non si tratta solo della Polonia

Necessità di una risposta precoce all’ematuria

– Questo tumore mostra anche una chiara tendenza al rialzo, visibile anche rispetto ad altri tumori proliferanti. Il National Cancer Registry stima che lo sarà entro la fine di questo decennio 11mila casi all’anno – ha sottolineato.

– La prevenzione primaria ha un ampio campo d’azione e non riguarda solo la lotta al fumo. Deve essere considerata anche l’infiammazione cronica, che può anche essere una colpevole. Tuttavia, non abbiamo una profilassi secondaria perché nessuno al mondo ha finora dimostrato che lo screening del cancro alla vescica funzioni – ha spiegato l’esperto.

– Tuttavia, è necessaria una risposta tempestiva all’ematuria. In questo caso, sono necessari un esame ecografico e, a seconda del risultato, misure aggiuntive. Qui dovremmo intervenire in modo molto più efficace, e questo vale in gran parte per i medici di base, ha affermato il prof. Krzakowski.

Ha aggiunto che nella diagnosi, lo stadio del tumore dovrebbe essere determinato e il materiale prelevato per la valutazione istologica mediante cistoscopia. La diagnosi si basa principalmente su questo, che mira a differenziare i pazienti con membrane danneggiate: il trattamento varia a seconda che sia presente o meno.

È stato scoperto come combattere il cancro senza chemioterapia e radiazioni

Procedura completa. “Conta molto”

– Nel trattamento del cancro alla vescica, il trattamento olistico è fondamentale. Alcuni pazienti devono sottoporsi a un trattamento preoperatorio, che viene utilizzato troppo raramente in Polonia. Le cure palliative dovrebbero anche assumere la forma di una procedura complessa. Dovrebbe essere non solo un trattamento di prima linea, ma anche un’immunoterapia di supporto, ha sottolineato l’esperto.

Ha sottolineato che la collaborazione tra specialisti – urologi e oncologi – gioca un ruolo importante nel cancro della vescica. I consigli speciali e il coordinamento delle cure sono molto importanti.

– Tutto ciò dovrebbe avvenire nell’ambito di centri di trattamento olistico, costruiti sulla base di centri urologici con una vasta esperienza e opzioni di trattamento, in collaborazione con oncologi. Tali centri dovrebbero anche essere in grado di indirizzare i pazienti per la riabilitazione, che è molto importante per questi pazienti – ha affermato il prof. Krzakowski.

Diagnostica molecolare e finanziamento in oncologia.  Nuovi vantaggi e consigli garantiti

Raccomandazioni. Cosa c’è nella lista?

Szymon Chrostowski ha anche menzionato le raccomandazioni nella relazione. Questi includono:

  • la suddetta educazione sociale,
  • combattere il fumo e l’obesità,
  • formazione dei medici di base alla vigilanza oncologica, senza tralasciare i sintomi che possono indicare il cancro della vescica (soprattutto ematuria),
  • sviluppare il livello di assistenza per i medici di base coinvolti nella diagnosi di ematuria ed ematuria e introdurre incentivi finanziari per l’ordinazione di esami delle urine generali;
  • migliore accesso alla cistoscopia ambulatoriale,
  • aggiornare e standardizzare le procedure diagnostiche e terapeutiche in linea con le raccomandazioni,
  • aumentare i prezzi della cistoscopia transuretrale con un cistoscopio flessibile come parte dell’AOS,
  • la creazione di un programma farmaceutico dedicato a terapie innovative,
  • centri per il trattamento globale dei tumori uroonici,
  • centri di riferimento nel campo del trattamento chirurgico,
  • creazione di un registro dei tumori della vescica.

Come il prof. Krzakowski, il suo elenco di raccomandazioni chiave includerebbe quanto segue:

  • sensibilizzare l’opinione pubblica sul cancro alla vescica,
  • rafforzare la vigilanza oncologica dei medici di base e l’accesso ai finanziamenti per la diagnostica,
  • procedure in corso per esperti,
  • programma antidroga,
  • Registro dei tumori della vescica
  • e trattamenti di ricostruzione e riabilitazione

La nuova combinazione di farmaci prolungherà la sopravvivenza di alcuni malati di cancro ai polmoni di oltre il 30%.

“L’impianto modello è descritto in dettaglio”

Dott. Jerzy Gryglewicz, un esperto di salute, coautore del rapporto, ha ricordato un documento preparato dall’Associazione urologica polacca sull’assistenza olistica specialistica per un paziente con cancro alla vescica. È stato presentato al Sejm, al Ministero della Salute e al Fondo sanitario nazionale. Ha ricevuto una raccomandazione positiva ed è stato inviato all’Agenzia per la valutazione delle tecnologie sanitarie e il sistema tariffario.

– A settembre 2020, l’Agenzia ha pubblicato un rapporto di oltre 400 pagine che delinea le soluzioni per migliorare la situazione dei pazienti. Tuttavia, a causa della pandemia, le possibilità di implementare queste soluzioni erano limitate, ha affermato il dott. Gryglewicz.

– Hanno sperimentato ad es. l’istituzione di unità per il trattamento del cancro della vescica, che dovrebbero basarsi su reparti di urologia altamente specializzati con esperienza e competenza nel trattamento chirurgico del cancro della vescica. È stata dimostrata la necessità di un trattamento interdisciplinare e di garantirne la complessità, compresi il trattamento psicologico e la fisioterapia. Un tale centro modello è stato descritto in dettaglio sia in termini di know-how che di apparecchiature con dispositivi medici – ha spiegato l’esperto.

Ha aggiunto che in questo rapporto molto dettagliato, AOTMiT ha anche fatto riferimento ad es. Una questione molto importante è la cistoscopia con cistoscopi flessibili, che mostra che il Fondo Sanitario Nazionale dovrebbe finanziare queste misure molto meglio. Soprattutto quando possono essere eseguiti in regime ambulatoriale.

KPO. “Le riforme devono essere attuate rapidamente”

– Sulle questioni sistemiche, l’adozione del Piano nazionale per la ricostruzione e lo sviluppo delle capacità, o KPO, è uno sviluppo molto positivo. Nell’assistenza sanitaria, oltre alle risorse finanziarie al livello sopra 20 miliardi di PLN mostra anche le riforme che devono essere attuate. Ciò include l’implementazione di una rete oncologica nazionale e la creazione di centri altamente specializzati. Ciò significa che il modello sviluppato dall’Associazione Urologica Polacca e convalidato da AOTMiT è praticamente fattibile. – valuta il dottor Gryglewicz.

– Tuttavia, KPO ha alcuni limiti di tempo. Tutte queste riforme devono essere attuate rapidamente, entro il 2024. Ciò offre una situazione molto migliore ai centri per i quali sono già state sviluppate determinate soluzioni. Va aggiunto che i soldi per i centri altamente specializzati non sono legati solo al miglioramento delle infrastrutture edilizie, ma anche all’acquisto di attrezzature. Pertanto, sarebbe possibile cofinanziare molti dispositivi, compresi i robot medici. KPO prevede anche di migliorare la disponibilità del personale medico e possibilmente anche dei coordinatori del trattamento del cancro. Le opportunità finanziarie sono significative – ha sottolineato l’esperto.

– Nel KPO e nel Piano nazionale di cambiamento presentato lo scorso anno. Le opinioni del ministro della Salute mirano anche a centralizzare e concentrare i servizi, ovvero a creare pacchetti di malattie che forniscano servizi a molti pazienti. Questo potrebbe anche essere influenzato dalla riforma della rete ospedaliera, che dovrebbe anche rendere più efficiente la fornitura di servizi, ha sottolineato il dott. Gryglewicz.

ZUS avverte: la notifica dell'assicurazione sanitaria è di nuovo obbligatoria

L'assistenza sanitaria pagherà gli aumenti e le cure a lungo termine?  Un drammatico appello ai politici

Ci saranno nuove restrizioni all'accesso agli studi medici.  Il progetto di regola è in fase di negoziazione

Maggiori informazioni:

Leave a Comment