Katowice. Cosa fanno le donne durante una guerra? Presto la prima delle artiste ucraine 5:00. UA”

Più di una dozzina di artisti ucraini stanno lavorando al Teatro Śląski di Katowice, che sarà presentato in anteprima il 19 giugno. “Questa è una forma di terapia per noi”, afferma Yuliia Maslak, la sua direttrice, e Marta Odziomek scrive su Gazeta Wyborcza.

foto: tappeto. Teatro

La performance fa parte della residenza degli artisti ucraini sotto gli auspici del Forum dei leader del voivodato di Slesia, presieduto dalla giornalista di Radio Katowice Ewa Niewiadomska.

– Aiutiamo gli ucraini tutto il tempo e in modi diversi – ed è meraviglioso. Ci sono anche alcuni grandi artisti e professionisti tra loro. Non possono più lavorare da casa, quindi abbiamo ideato un progetto che invitava artisti ucraini a teatro come parte della residenza. Sarà una performance che speriamo venga inclusa nel programma del Teatr Śląski, afferma Robert Talarczyk, direttore del palco di Katowice.

La prima sarà sul palco di Scena na Malarnia del Teatro della Slesia, ma la Residenza ha ricevuto il sostegno anche di altri teatri dell’area metropolitana di Helsinki.

– L’idea è nata al Teatr Śląsk, ma è stata accolta dai registi teatrali associati al Forum dei leader del voivodato di Śląskie. Insieme pubblicheremmo un programma di residenza per artisti che vengono in Slesia e la performance risultante potrebbe essere eseguita in luoghi diversi. Ogni teatro metropolitano ha partecipato a questo progetto, spiega Ewa Niewiadomska.

Le prove si sono svolte, tra gli altri, al Teatro Rozbark di Bytom e l’alloggio è stato fornito al Teatro Zagłębie di Sosnowiec. Altre scene nell’area offrono spazio per il gioco. Poco dopo la prima, il 23 giugno, lo spettacolo sarà rappresentato al Gliwice City Theatre e in ottobre al Mały Theatre di Tychy.

Più di 40 artisti di diverse professioni iscritti alla residenza. Un totale di 15 artisti lavoreranno alla performance.

– Hanno deciso di fare qualcosa insieme, si trovano in una situazione di vita unica. La potenza della loro performance è probabilmente enorme, ho visto il frammento già durante le prove. Probabilmente hanno dei pensieri con i loro parenti che potrebbero essere in guerra… – aggiunge il presidente del forum.

La sceneggiatura della performance si basa sulle esperienze di guerra degli autori e sulle loro storie personali legate alla guerra in Ucraina. Le storie ripetono i ruoli simbolici delle donne nelle diverse fasi della guerra.

Il palcoscenico Malarnia del Teatr Śląsk presenta storie di donne volontarie, donne sopravvissute a violenze sessuali, soldati delle forze armate ucraine, rifugiati e donne morte in Ucraina.

– La sfida più grande per me è stata quella di inserire nella struttura del teatro attori provenienti da diversi campi del teatro, altre scuole, teatri e regioni dell’Ucraina. Ci sono attori che si limitano a ballare, ci sono attori cantanti e drammatici e attori che si sono esibiti nel teatro classico. Volevo che ogni artista potesse mostrare le proprie capacità e ciò che sanno fare meglio sul palco. La performance è quindi una storia performativa con elementi di teatro d’affari. Ci saranno anche canzoni, perché gli ucraini cantano molto – dice Yuliia Maslak.

– Ho deciso che la presentazione si basa sulle nostre esperienze personali. Vogliamo condividere la storia che abbiamo vissuto durante la nostra fuga. È comune a tutti noi e, allo stesso tempo, ognuno di noi ha la sua storia unica. La maggior parte dei testi del monologo sono scritti da attori che hanno recitato nella serie. Si parla della fuga dall’Ucraina, della guerra, della permanenza in Polonia – aggiunge.

Il regista ammette che lavorare allo spettacolo è una forma di terapia per l’intero gruppo. Quando lo dice, ha le lacrime agli occhi…

Un po’ normale

Il progetto è stato sostenuto anche dal presidente di Katcinice Marcin Krupa e dal Metropolis GZM.

– GZM è stato coinvolto nell’aiutare l’Ucraina sin dall’inizio. Non abbiamo esitato a sostenere il progetto abitativo quando abbiamo ricevuto un’offerta del genere. Puoi vedere che queste donne vivono a teatro, forse lavorare qui è un sostituto per loro – dice Jacek Brzezinka, membro del consiglio di Metropolis GZM.

Gli autori sottolineano che questo progetto riguarda principalmente gli artisti che possono trattarlo come un’opera, e la performance stessa è nata, come altre produzioni realizzate nei teatri, non era un gioco teatrale ma la sua creazione. Quindi le donne vengono pagate per il loro lavoro e le prestazioni includono ad es. il programma teatrale, il lavoro su di esso verrà archiviato e dopo la sua prima si terrà un incontro con il pubblico.

Saranno sul palco i seguenti artisti: Kseniia Svystun, Maria Kardash, Nataliia Pysareva, Dariia Novykowa, Dariia Novykowa, Halyna Ryba, Yerheniia Prysiazhna, Halyna Lozynska, Kateryna Vasiukova, Tetyana Gerasymchuk, Nina Zakharova, Sofiia Muti Le attività sono coordinate da Natalia Yuretska, Oksana Veklyn.

La prima dello spettacolo al Malarnia Stage il 19 giugno, con la partecipazione di donne ucraine, aprirà contemporaneamente la 5a edizione del festival internazionale Open The Door organizzato da Teatr Śląsk. Il festival dura fino al 26 giugno.

Leave a Comment