È stato consultato il progetto di modifica del regolamento sulla distribuzione delle borse di studio

È stata inviata alla consultazione pubblica una bozza di modifica del regolamento recante disposizioni sulla distribuzione dell’importo maggiorato degli aiuti alla formazione nelle scuole in relazione all’introduzione di norme per l’assunzione di psicologi ed educatori.

Si tratta di una bozza di modifica dell’ordinanza del Ministro dell’Istruzione e della Scienza sulla distribuzione della quota di istruzione del sostegno generale dell’Associazione dei Comuni nel 2022.

Questo è il risultato di una modifica alla legge sul sistema educativo di maggio, che ha aumentato l’importo del sostegno all’istruzione da 514 milioni di PLN a 500mila. PLN dal 1 settembre 2022 per l’impiego nelle scuole e negli istituti superiori per insegnanti, insegnanti con bisogni speciali, psicologi, logopedisti o pedagogisti.

Il denaro per il sostegno alla formazione è distribuito tra i singoli Comuni secondo il cosiddetto algoritmo di distribuzione del sostegno alla formazione, descritto nell’allegato al decreto.

Il punto di partenza dell’algoritmo è il cosiddetto standard A, ovvero l’importo che il comune riceve da ogni studente. È coperto da un sistema di ponderazione, cioè di coefficienti che aumentano il numero per alunno a seconda del tipo e delle caratteristiche specifiche della scuola, dell’istituto o dell’allievo, come le sue esigenze di disabilità. L’appendice all’Ordine del 2022 descrive 76 pesi. Descrive anche il fattore di correzione.

Secondo il progetto di modifica del regolamento, l’importo della parte alla formazione dell’aiuto generale maggiorato dalla modifica di maggio sarà distribuito sulla base del secondo tasso di conversione, determinato ad es. basato su 15 nuovi pesi.

Nel determinare il valore dei pesi individuali sono stati presi in considerazione i seguenti fattori: il numero di posti di lavoro per insegnanti di pedagogia, insegnanti con bisogni speciali, psicologi, logopedisti o pedagogisti, a seconda del numero di bambini e alunni negli asili, nelle scuole e nei gruppi di lavoro . Inoltre, nel determinare il valore dei pesi è stato preso in considerazione l’attuale tasso di occupazione di insegnanti pedagogici, insegnanti con bisogni speciali, psicologi, logopedisti o terapisti pedagogici.

Come indicato nella valutazione dell’impatto normativo, l’aumento dell’importo degli aiuti alla formazione dedotti dalla riserva (2 572,5 mila PLN per le tipologie di enti locali) è stimato come segue: distretto) – 337 milioni di PLN (65,9%), città con contea – 154 milioni di PLN (30 , 0%), contee (escluse le parti municipali delle città con una contea) – 21 milioni di PLN (4,0%). Voivodati – 0,3 milioni di PLN (0,1%) sul sulla base delle informazioni al 30.9.2021.

Inoltre, il progetto di regolamento propone una modifica alla descrizione dell’enfasi su P12 per gli alunni delle scuole secondarie. Le nuove disposizioni mirano a precisare l’importo degli aiuti da concedere alle scuole secondarie in relazione al rilascio dell’istruzione secondaria e delle qualifiche professionali. Il primo anno dei diplomati di queste scuole sarà completato quest’anno.

La modifica del regolamento sulle modalità di assegnazione della componente formazione dell’aiuto generale entrerà in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione.

Un emendamento alla legge sull’istruzione di maggio ha fissato gli standard per l’assunzione di esperti di scuole e asili: educatori, educatori speciali, psicologi, logopedisti o pedagogisti.

Secondo loro, negli anni accademici 2022/2023 e 2023/2024, il numero totale delle posizioni di esperto non può essere inferiore a: 1,5 posti, maggiorato di 0,2 posti ogni 100 bambini o studenti aggiuntivi – se il numero di bambini o studenti supera 100; 1 lavoro a tempo pieno – se il numero dei figli o degli studenti è superiore a 50 e non superiore a 100; 0,5 lavori a tempo pieno – se il numero di figli o studenti è superiore a 30 e non superiore a 50; 0,25 lavori a tempo pieno – se ci sono 1-30 bambini o studenti.

Gli anni accademici 2022/2023 e 2023/2024 sono considerati periodi di transizione. In definitiva, a partire dall’anno accademico 2024/2025, gli standard saranno diversi.

In definitiva, il numero totale degli incarichi per esperti non deve essere inferiore a: 2 posti, maggiorati di 0,2 posti ogni 100 bambini o studenti in più – se il numero dei bambini o studenti supera 100; 1.5 lavori a tempo pieno – se il numero dei figli o degli studenti è superiore a 50 e non superiore a 100; 1 lavoro a tempo pieno – se il numero dei figli o degli studenti è superiore a 40 e non superiore a 50; 0,8 lavoro a tempo pieno – se il numero dei figli o degli studenti è superiore a 30 e non superiore a 40; 0.6 lavori a tempo pieno – se il numero dei figli o degli studenti è superiore a 20 e non superiore a 30; 0.4 lavori a tempo pieno – se il numero dei figli o degli studenti è superiore a 10 e non superiore a 20; 0,25 lavori a tempo pieno – se ci sono 1-10 bambini o studenti.

dsr / pat / mp /

Leave a Comment