L’homeschooling viene sempre più scelto. “Studiano fino a cinque ore e non vanno a scuola”

– Gli alunni che hanno rifiutato la necessità di assumersi la responsabilità della propria educazione durante le lezioni a distanza si sono trovati in grado di farlo. Tuttavia, se imparano da soli e qualcuno deve dire loro quando e come dovrebbe essere fatto, hanno detto che avrebbero preferito decidere da soli – spiega Krzysztof Kacuga, direttore delle Scuole Benedykt di Drohiczyn nel prossimo episodio del podcast didattico. Dream School “che fornisce homeschooling. Di cosa si tratta?

C’è un ufficio qui dove i telefoni squillano tutto il tempo, a volte gli insegnanti vengono per consultazioni e riunioni, ci sono aule ma non ci sono studenti lì. Imparano a casa. – Quando mi è stato offerto di avviare una scuola del genere nel 2016, non sapevo esattamente cosa fosse. Sono tornato dalla riunione e ho iniziato a leggere le leggi. Ho pensato che fosse una sfida interessante e che potesse avere successo – afferma Krzysztof Kacuga, direttore delle Benedict Schools di Drohiczyn, nella scuola educativa “School of Dreams”, dove gli studenti beneficiano dell’homeschooling.

Allevamento domestico. Di cosa si tratta?

Questo non è altro che l’istruzione obbligatoria al di fuori della scuola. I bambini fanno lezione a casa ei genitori sono insegnanti (non hanno bisogno di frequentare corsi o corsi di formazione). Alla fine dell’anno, il bambino deve sostenere un esame scritto e orale: polacco, matematica, storia, biologia, geografia, fisica, chimica, lingua straniera, WOS (le materie più giovani hanno meno di queste materie). Nell’homeschooling, gli studenti non ricevono voti in arte, musica, educazione fisica e comportamento.

– Quando abbiamo iniziato a studiare a casa, era una specie di mistero, solo poche scuole in Polonia lo hanno reso possibile. Tuttavia, gli eventi hanno confermato che la direzione era buona – afferma Krzysztof Kacuga nella “Scuola dei sogni”. L’istruzione domiciliare è spesso mescolata con l’istruzione individuale. Finora, molti presidi sono riluttanti a consentire agli studenti tale apprendimento. – Gli insegnanti devono organizzare tirocini dispendiosi in termini di tempo, che devono essere integrati nel calendario dell’anno scolastico. Inoltre, i presidi temono che se uno studente ha successo, gli altri seguiranno le loro orme e inizieranno a svuotare le aule: queste storie di studenti vengono ascoltate molto spesso da Kacuga.

Guarda anche



Insegnanti a scuola

Il numero di bambini che passano all’istruzione domiciliare aumenta ogni anno, soprattutto dopo la pandemia e l’apprendimento a distanza. Il numero dei bambini nelle scuole Benedict è poi aumentato del 30,40 per cento. – Gli studenti che hanno dovuto assumersi la responsabilità della loro istruzione hanno scoperto che potevano e potevano farlo. Hanno affermato, tuttavia, che se imparano da soli, e qualcuno deve dire loro quando e come farlo, preferirebbero decidere da soli – spiega il preside delle scuole Drohiczyn.

Riceve spesso chiamate da genitori che piangono su come il loro bambino sia esausto mentalmente e fisicamente dalla scuola. Lo studente trascorre lì otto o nove ore, poi fa i compiti a casa, non ha tempo per dormire, non ha cibo, per non parlare dei suoi hobby. – Queste sono storie drammatiche, questi bambini hanno bisogno di ricostruire la loro fiducia in se stessi, non c’è abbastanza tempo in classe per prestare attenzione a ogni studente, dice Kacuga nel podcast.

Aggiunge inoltre: – Il sistema scolastico, cioè una nuova materia ogni ora, è artificiale. Esperienze diverse si sovrappongono: quando ho una lezione di matematica, sperimento sempre la geografia e non riesco a concentrarmi su un nuovo argomento.

Cinque ore di studio e gratis

Pertanto, secondo lui, il processo più naturale è l’apprendimento modulare, che gli studenti scelgono più spesso nell’istruzione domiciliare. O. per esempio, per due mesi imparano la biologia, superano un esame e iniziano la storia. E – secondo lo studio – gli studenti delle scuole superiori che utilizzano l’istruzione domiciliare – solo – dedicano fino a cinque ore al giorno a un insegnamento efficace. – Adeguano anche questo tempo di funzionamento al ritmo biologico. Ci sono abituato prima delle 9 Non invito queste famiglie perché di solito iniziano a studiare e lavorare 9 – dice Krzysztof Kacuga nella “Scuola dei sogni”.

In una scuola tradizionale, i giovani sono in contatto con i loro coetanei: questo è un argomento a favore del “lato” dell’istruzione tradizionale. Tuttavia, l’approccio a questo aspetto è cambiato, non solo a causa della pandemia. – La scuola si concentra più sull’apprendimento che sull’educazione, c’è meno tempo per divertirsi, per vivere avventure e il giovane deve imparare le emozioni, provare il primo amore, l’amicizia e non c’è tempo o forza, dice Kacuga.

Dice anche che i suoi studenti prendono spesso parte ad attività di scouting, prendono parte a gare sportive, competizioni, quindi da un lato hanno contatti con i loro coetanei e dall’altro hanno tempo per perseguire le proprie passioni. Anche se qualcuno volesse provare una scuola normale dopo l’istruzione a casa, tornerà tra un mese o due. – Questi studenti si lamentano del fatto che a scuola viene sprecata un’enorme quantità di tempo, dice Kacuga. Crede che l’istruzione domiciliare non sia un sostituto dell’istruzione a tempo pieno, ma il numero di persone interessate a questa istruzione aumenterà.

RadioZET.pl

Leave a Comment