Allattamento a casa. Come si configura la concessione dei benefici?

  • L’assicurato ha diritto alle prestazioni di un’infermiera di assistenza primaria per intero dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 18:00.
  • L’area di attività dell’infermiere comprende l’attuazione delle normative mediche presso l’ufficio dell’infermiere del medico di base e il luogo di residenza o soggiorno del destinatario, la pianificazione e l’attuazione del lavoro infermieristico
  • Il fatto importante è che se è necessario raccogliere i dati per gli esami diagnostici presso il domicilio del paziente, l’infermiere li raccoglierà solo su richiesta del medico di base a cui il paziente è stato informato.

Prescrizione cartacea ancora possibile.  Due possibili scenari

Ci sarà più diagnostica in sanità.  prof.  Mastalerz-Migas: questa è l'introduzione a un nuovo trattamento coordinato, che partirà in autunno

infermiera POZ. Quali vantaggi offre?

Si ricorda che ogni assicurato ha diritto alle prestazioni di un infermiere di assistenza primaria se ha comunicato la scelta dell’infermiere di assistenza primaria. Di conseguenza, il paziente può usufruire dei servizi di un infermiere di assistenza primaria dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 18:00.

Le aree di attività degli infermieri di assistenza sanitaria di base sono ad es.

  • l’esecuzione delle prescrizioni mediche presso l’ufficio dell’infermiere di base e presso il luogo di residenza/dimora del destinatario,
  • identificare i termini di pagamento e le esigenze sanitarie,
  • identificazione dei problemi di trattamento,
  • pianificazione e realizzazione del lavoro infermieristico,
  • la prestazione di servizi preventivi, diagnostici, terapeutici e riabilitativi per infermieri indipendenti,
  • educazione sanitaria, prevenzione delle malattie e promozione della salute.

Le infermiere erano arrabbiate

Gli infermieri aspettano le elezioni da due anni.  Zofia Małas: la legge attuale ci lega le mani

Fornire assistenza infermieristica

D’altra parte, i pazienti possono registrarsi presso un infermiere di assistenza primaria di persona o per telefono. Tuttavia, nei casi acuti e di emergenza, la consulenza dovrebbe essere fornita il giorno della notifica e in caso di malattie croniche, il caregiver fisserà un appuntamento con il paziente assicurato.

I principi fondamentali per la concessione dei benefici:

  • l’infermiere di base svolge le attività sulla base di segnalazioni e prescrizioni dei medici dipendenti dall’EHIF,
  • l’infermiere può scaricare il materiale per gli esami diagnostici presso il domicilio del paziente, ma solo su prescrizione del medico di base (al quale il paziente è stato informato)
  • in casi giustificati, i benefici possono essere concessi immediatamente o il giorno della notifica,
  • nelle malattie croniche e in altri casi, l’infermiere fornisce le prestazioni in un orario concordato con il paziente,
  • I servizi forniti sulla base di una prescrizione o di un rinvio del medico saranno forniti in conformità con le date indicate nel contenuto dell’ordine o del rinvio.

Rapporto NIPiP: infermieri e ostetriche invecchiano.  Le previsioni per i prossimi anni sono preoccupanti

Vantaggi per la casa. Quali sono le regole?

È importante che tutti i pazienti segnalati a un infermiere abbiano accesso all’assistenza infermieristica di base a casa. Questo vale per tutte le persone di tutte le età che soffrono di ridotta capacità psicofisica a causa della loro malattia.

In questo caso il lavoro infermieristico è organizzato anche nei giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 18.00 in un orario concordato con il paziente.

Principi di assistenza a domicilio del paziente:

  • le prestazioni sono erogate secondo un piano di cura personale predisposto per il beneficiario,
  • l’infermiere di base raccoglie i materiali per gli esami diagnostici nei casi in cui, a causa dello stato di salute del paziente, il servizio possa essere erogato solo al domicilio del paziente:

a.il prestatore è obbligato, nel momento in cui ordina all’infermiere di cure primarie di ritirare il materiale per gli esami diagnostici presso il domicilio di un paziente iscritto nell’elenco dei beneficiari, a: procurarsi a proprie spese i contenitori del materiale per gli esami ordinati e un contenitore di raccolta per trasportare i campioni raccolti,

b. il prestatore mette a disposizione del prestatore di cure primarie nel luogo di erogazione delle prestazioni o presso il luogo di residenza del paziente adeguato al luogo di residenza del paziente, i contenitori di cui al comma 1 e la raccolta. campioni prelevati dal custode dallo stesso luogo,

  • prodotti per la cura della persona, medicinali, sostanze farmacologiche, ortopediche e coadiuvanti e attrezzature mediche necessarie per l’igiene e la cura di un infermiere – forniti dal paziente, dalla famiglia o da chi se ne prende cura.

MZ: C'è una bozza di emendamento al regolamento sui servizi sanitari

I 19,5 miliardi di PLN di KPO andranno all'assistenza sanitaria.  Ospedali, cure primarie, digitalizzazione, formazione del personale

Diagnostica più ampia in ambito sanitario.  Il Ministero della Salute ha presentato il progetto

Maggiori informazioni:

Leave a Comment