Omnibus – La direttiva sull’e-commerce deve conformarsi alla nuova legge entro il 28 maggio

I negozi online hanno tempo fino al 28 maggio per conformarsi ai requisiti della direttiva Omnibus dell’UE, che estende la protezione dei consumatori. Le nuove impostazioni hanno lo scopo di impedire ad es. aumenti di prezzo sleali prima di applicare sconti o falsare i prodotti. Tuttavia, l’adeguamento dell’azienda a queste disposizioni può essere un problema per il commercio elettronico, soprattutto per quanto riguarda l’obbligo di informare il consumatore di una variazione individuale di prezzo. Consulta l’ultima panoramica dell’importanza delle nuove disposizioni in materia di commercio elettronico e-mail Software house polacca Advox Studio, specializzata in e-commerce.

Il regolamento sulla protezione dei dati del 2018, comunemente noto come GDPR, ha rappresentato un cambiamento significativo per molte aziende. Ora sta entrando in vigore un’altra direttiva UE, la cosiddetta Omnibusche mira a rafforzare la protezione dei consumatori come parte più debole nell’attuale processo di acquisto non solo in negozio ma anche nell’e-commerce.

Frusta i venditori disonesti, ma anche il fastidio dell’e-commerce

Le nuove normative disciplinano ad es. riduzioni di prezzo. Questo è quello che sono sono il modo più incoraggiante per acquistare offerte acquisti online, come evidenziato rapporto L’e-commerce polacco è stato sviluppato da Advox Studio, una software house con sede a Poznań e filiali in Europa, che ha implementato più di 200 progetti di e-commerce. Secondo le informazioni Gemio le offerte personalizzate motivano più di un quarto dei consumatori di Internet a fare acquisti in un determinato negozio online.

Le analisi delle campagne del Black Friday del 2021 mostrano che gli sconti effettivi erano in media solo del 3,6%. Inoltre, dal 10 al 15 percento circa. le community hanno alzato i prezzi dei loro prodotti una settimana prima del venerdì, e qualche giorno dopo – il Cyber ​​Monday – ogni decimo negozio online – dice Rafał Gadomski, CEO di Advox StudioÈ proprio a causa di tali pratiche sleali che la nuova normativa prevede che, in caso di sconto, il nuovo prezzo sia accompagnato dal prezzo più basso in vigore 30 giorni prima del lancio della campagna, in modo che i consumatori possano vedere se non fosse artificialmente alto prima della riduzione. Ciò che è molto importante nell’e-commerce lo impone anche agli imprenditori l’obbligo di informare il consumatore delle sue preferenze e del suo comportamento sulla base delle informazioni raccolte sulle variazioni personali dei prezzi, se tali azioni hanno luogo. Ciò causa molte difficoltà per lo shopping onlineche eseguono complesse campagne promozionali, come la creazione di pacchetti o l’indirizzamento di riduzioni di prezzo a gruppi di clienti selezionati, e impostano i prezzi in modo dinamico.

Un imprenditore può anche essere multato per aver pubblicato o pubblicato recensioni false sui propri prodotti, ovvero consigli di persone che non li hanno mai utilizzati. Anche eliminare e nascondere le opinioni negative o impedirne la pubblicazione è contro la legge. di rapporto Studio Advox Quasi ¾ dei consumatori online presta attenzione alle recensioni dei prodotti pubblicate sul sito Web del negozio e fino all’86% controlla le recensioni del negozio prima di acquistare. Il venditore è obbligato a dichiarare quali passi adotterà per verificare le opinioni dei prodotti sul suo sito web, e in caso contrario comporterà sanzioni.

Sanzioni elevate per il mancato rispetto delle nuove normative

La Direttiva Omnibus influisce anche sulle operazioni dei fornitori sulle piattaforme di mercato come Allegro, Amazon o la piattaforma di vendita Facebook. Ciò che serve è ad es. fornendo informazioni sul fatto che il venditore della piattaforma sia un imprenditore o sia elencato come un privato. Il mancato conferimento di tali informazioni è considerato una pratica commerciale sleale. Questo perché è importante per la tutela del consumatore, perché se il venditore non è un imprenditore, le disposizioni a tutela del consumatore non si applicano. In tale situazione, l’acquirente non ha il diritto, ad esempio, di recedere dal contratto entro 14 giorni dal ricevimento della merce – spiegare Rafał Gadomski, CEO di Advox Studio.

Le modifiche al regolamento si applicano sia ai negozi nuovi che a quelli esistenti. Puoi leggere una descrizione dettagliata delle nuove normative e delle loro implicazioni per l’e-commerce nell’e-book “New Deal per i consumatori e la nuova realtà dell’e-commerce”. Prepararsi per la Direttiva Omnibuspreparato da esperti di e-commerce. Fino al 28.5.2022 Ogni negozio online deve adattare la propria documentazione e normativa alle nuove normative e introdurre nuove pratiche nel campo del servizio clienti. In caso contrario, è prevista una sanzione fino a € 40.000. PLN o, come nel caso di sconti immaginari, 10%. fatturato dell’anno precedente.

Leave a Comment