Un titolo universitario non è il più importante nel mercato del lavoro

Il numero di giovani altamente istruiti nell’Unione europea non è cambiato in dieci anni. Questo è poco più del 40 percento. – Un titolo universitario è ancora di grande importanza nel mercato del lavoro, ma sempre più spesso questa parte del nostro CV non è la più importante. Ora la cosa più importante sono le “competenze di forza”, cioè quelle che ci permettono di lavorare facilmente in team, adattarci, reagire in modo flessibile e imparare regolarmente – afferma Krzysztof Inglot, fondatore del Servizio del personale.

760){this.src=this.getAttribute(‘data-desktop-src’);this.removeAttribute(‘data-desktop-src’);}”/>

In Lussemburgo quasi il 63%. quasi il 62% dei giovani adulti ha una laurea, in Irlanda. (Foto: Shutterstock)

  • Secondo gli ultimi dati Eurostat, quasi il 41%. i giovani polacchi di età compresa tra 25 e 34 anni hanno un’istruzione superiore.
  • Dieci anni fa, il dato era allo stesso livello, sebbene fosse diminuito di quasi 2 punti percentuali rispetto all’anno precedente.
  • Il risultato della Polonia è vicino alla media dell’Unione Europea, ma siamo lontani dai leader della serie. In Lussemburgo quasi il 63%. quasi il 62% dei giovani adulti ha una laurea, in Irlanda.

I dati Eurostat mostrano che nel 2021 il 41 per cento. I giovani di età compresa tra 25 e 34 anni nell’Unione Europea avevano un diploma universitario. C’è una chiara differenza tra i sessi. Le donne ottengono un diploma universitario molto più spesso degli uomini – 47%. donne contro il 36 per cento uomini.

Ha inoltre osservato che mentre la percentuale di uomini con un diploma universitario è aumentata nell’ultimo decennio, il tasso di crescita è stato più lento di quello delle donne. Di conseguenza, i divari di genere sono aumentati nel tempo.

Sei interessato a uffici, edifici per uffici, spazi di coworking e uffici serviti? Vedi le offerte su PropertyStock.pl

Leggi anche: Quali studi scegliere? 17 leader mostrano le istruzioni

– Nel 2003, un giovane uomo su cinque in Polonia era altamente istruito. Da allora, questa cifra è cresciuta sistematicamente e nel 2012 ha superato il 40%. Poi non è cambiato molto nel corso degli anni. Abbiamo raggiunto il picco nel 2017 a quasi il 44%. i giovani avevano una laurea, ma quest’anno siamo tornati a circa il 40 per cento. L’Unione Europea presume che questo indicatore dovrebbe essere intorno al 45% nei paesi dell’UE entro il 2030. siamo quindi vicini a una previsione completa – afferma Krzysztof Inglot, esperto del mercato del lavoro, fondatore di Human Resources.

Il 45% delle persone si diplomerà nel 2030

Gli Stati membri dell’Unione europea hanno fissato l’obiettivo di aumentare del 45% la percentuale di persone con un alto livello di istruzione di età compresa tra 25 e 34 anni. nel 2030.

Quasi la metà degli Stati membri l’ha già raggiunta. Questi sono Lussemburgo, Irlanda, Cipro, Lituania, Paesi Bassi, Belgio, Francia, Svezia, Danimarca, Spagna, Slovenia, Portogallo e Lettonia. La Polonia è al 18° posto nella serie, seguita da Grecia, Estonia, Malta e Austria.


Materiale protetto da copyright: le regole di ristampa sono definite nelle regole.

TI È PIACIUTO? CONDIVIDI SU FACEBOOK

Leave a Comment