un nuovo marchio nel mercato polacco dell’interior design e dell’interior design

Mari di pannelli di particelle, aree infinite di MDF, bordi in plastica si nascondono in ogni angolo… Forme dal numero di tagli realizzati da un unico pannello, produzione in linea focalizzata sulla velocità… dietro il marchio Loftable.

Il marchio, specializzato nel design e nell’interior design di interni premium, ha fatto il suo debutto sul mercato all’inizio di quest’anno, ma non è un nuovo arrivato. Le sale macchine e una serie di designer esperti che hanno maturato esperienza come parte del marchio Expo Construct per la progettazione e la costruzione di stand espositivi e strutture per eventi, nonché la pandemia di coronavirus, ispirano i proprietari ad adottare il nuovo marchio.

Tuttavia, Loftable è più di una semplice risposta alla difficile situazione economica causata dalla pandemia di coronavirus. È anche una risposta alla crescente consapevolezza ecologica della società e al cambiamento climatico globale. – L’ecologia è uno dei nostri principi. Loftable è stato creato pensando all’ambiente, per distinguerlo dalle nostre proprietà – sottolinea Maddalena MąkosaCEO di Loftable.

Materiali ecologici

I design degli interni e dei mobili offerti da Loftable sono realizzati secondo tre principi: naturalezza, sostenibilità e universalità. Le materie prime da cui sono realizzati i mobili Loftable sono principalmente legno e acciaio. La scelta di questi materiali non è stata casuale.

– L’acciaio può arrugginire per anni e non ha effetti negativi sull’ambiente, il legno può essere lasciato a se stesso, diventa humus e nutre altre piante. Ecco perché in Loftable utilizziamo questi due materiali, legno naturale e acciaio, per creare mobili più naturali, durevoli e rispettosi dell’ambiente, spiega Magdalena Mąkosa. Il legno naturale utilizzato per realizzare i mobili loft è grezzo o protetto con cera ad olio, non vengono utilizzate vernici o solventi. – Il legno naturale che trattiamo non rilascia sostanze chimiche negative nell’ambiente. La situazione è completamente diversa con il truciolare, dove i rifiuti di legno vengono mescolati con gli adesivi – sottolinea Magdalena Mąkosa.

È importante che il legno acquistato dall’azienda provenga dalla direzione e che lo stand venga sistematicamente rigenerato mediante la piantumazione di nuovi alberi. – Contrariamente alla frase “abbattimento di alberi”, non è necessariamente dannoso per l’ambiente. Tagliando un vecchio albero che è già cresciuto, facciamo spazio a uno nuovo. La natura odia il vuoto e le foreste sono rinnovabili – afferma il CEO di Loftable. – I nuovi alberi, che sostituiscono i vecchi alberi, assorbono e sequestrano enormi quantità di anidride carbonica. Finché non bruceremo questo legno, tutta questa anidride carbonica sarà intrappolata nel legno. La “produzione” di legno naturale consuma quindi anidride carbonica e la produzione di pannelli a base di legno, fischietti di plastica (invece di fischietti di carta) aggiunge non solo anidride carbonica all’ambiente, ma gran parte del tavolo di Mendeleev, conclude.

L’alta qualità è ecologica

In vari dibattiti sull’ecologia dei prodotti, oltre all’innovazione dei materiali utilizzati o all’approvvigionamento di materiali riciclati, è sempre più all’ordine del giorno la realizzazione di prodotti di qualità che non si usurano negli anni. Dopotutto, i prodotti durevoli e “a lunga distanza” che non devono essere sostituiti ogni pochi anni sono spesso più ecologici dei prodotti “a breve distanza” apparentemente rispettosi dell’ambiente. Pertanto, nella ricerca dell’ecologia, Loftable si affida al legno naturale e all’elevata qualità dei prodotti offerti, in linea con la tendenza sempre più chiara del “riutilizzo” ecologico.

– Il legno naturale può essere levigato e la nuova superficie può essere goduta molte volte nel corso della vita del prodotto. E possono facilmente volerci decenni. I vecchi mobili in legno massello, come gli armadi disegnati da Thomas Chippendale, possono raggiungere prezzi sbalorditivi fino ad oggi, mentre i mobili in truciolare sono spesso inadatti al riciclaggio e quelli nuovi devono essere acquistati durante il trasloco, afferma Magdalena Mąkosa.

Pianificazione del tempo

Il marchio Loftable è nato durante la pandemia, quindi i mobili creati dai suoi designer soddisfano le esigenze della nuova era. Con in mente i telelavoratori, l’azienda ha creato una serie di soluzioni che funzionano bene con le disposizioni dell’home office. Prodotti come un elegante tavolo ad angolo in legno facilitano l’organizzazione di studi domestici e uffici, pur mantenendo la natura estetica e familiare dell’arredamento domestico.

Il marchio offre anche una serie di soluzioni che possono essere utilizzate in tempi in cui le norme di sicurezza impongono la distanza sociale e gli uffici sono principalmente un luogo per riunioni veloci e scambio di informazioni. I tavoli da conferenza lunghi consentono di mantenere una distanza di sicurezza tra i partecipanti alla riunione in ufficio, i tavoli in piedi sono utili in una situazione in cui è necessario trasferire rapidamente le informazioni tra i reparti o il progettista e l’appaltatore o il cliente, mentre le soluzioni di meeting box sono utili. negli spazi aperti. Loftable offre anche varie tende e persiane in piedi e sospese con schermi trasparenti che non oscurano visivamente l’interno e consentono il contatto visivo con i colleghi.

Gli accessori disegnati da Loftable sono estetici ed eleganti, mantenuti in uno stile loft alla moda, che ben si adattano a spazi domestici, pubblici e commerciali. L’azienda sottolinea che tutte le sue attività sono guidate dall’idea di kalokagath, che deriva dalla lingua greca e significa letteralmente “bello e buono”. – Gli antichi greci credevano nell’inseparabilità di questi due concetti – il che è bello – è un bene. La intendiamo come la creazione di mobili come una responsabilità per le nostre azioni e il nostro impatto sul mondo che ci circonda. Un oggetto non può essere veramente bello se la sua fabbricazione non è etica – conclude Magdalena Mąkosa.

Ti è piaciuto l’articolo? Ghiaccio!

Leave a Comment