Seminario regionale nell’ambito del progetto “Fake call – Risparmio a rischio” – Notizie

Seminario regionale nell’ambito del progetto “Fake Call – Savings at Risk”.

Data di emissione 27.5.2022

Il costante sviluppo dei metodi utilizzati dai truffatori e il cambiamento delle leggende che raccontano rendono necessario trovare nuove soluzioni per arginare questo fenomeno socialmente indesiderabile. L’educazione degli anziani, o soprattutto di quelli a rischio di questo tipo di reato, consiste principalmente nell’informazione sui meccanismi di azione degli autori. Il progetto “Bandi contraffatti – Risparmio a rischio” è guidato dal Quartier Generale della Polizia di Stato di Rzeszów e comprendeva un seminario regionale. Vi hanno partecipato funzionari dei dipartimenti di prevenzione e criminalità della provincia di Podkarpackie.

Dal lunedì al mercoledì si è tenuto a Polańczyk un seminario regionale nell’ambito del progetto “Fake Call – Savings at Risk”. Alla formazione di tre giorni hanno partecipato gli ufficiali della guarnigione di Podkarpackie sia del Dipartimento di prevenzione che del Dipartimento di criminalità, che si occupano quotidianamente delle questioni della criminalità organizzata contro la proprietà internazionale. leggenda. Le discussioni si sono concentrate sulla frode che utilizza il metodo e le misure della “nipote”, della “polizia” o dei “funzionari pubblici” per prevenire questa pratica sociale indesiderata.

I pensionati sono il gruppo più vulnerabile della società alla perdita di risparmi. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che queste persone spesso vivono sole, spesso non sono in contatto con i propri cari, quindi non hanno l’opportunità diretta di verificare le informazioni ottenute per telefono. Gli anziani, perché spinti dalla fiducia negli altri e, in generale, da un’elevata sensibilità ed empatia, che spesso vogliono aiutare i propri cari, cadono vittime di criminali. Sotto l’influenza di forti emozioni e stress, prendono decisioni affrettate senza pensare alle loro possibili conseguenze.

Ha discusso i principali presupposti e finalità delle attività svolte nell’ambito del progetto “Bandi contraffazione – Risparmio a rischio”. Agata Michońska Capo specialista della divisione appalti pubblici e fondi di sovvenzione del quartier generale della polizia provinciale di Rzeszów. L’oratore successivo era un giovane ispettore. Piotr Szymanski Capo Dipartimento Dw. cybercrime dalla sede della provincia di Rzeszów. Ha presentato un’analisi dei poteri elettivi della polizia per consentire l’efficace perseguimento degli autori della frode della leggenda e il recupero degli oggetti smarriti. Poi asp. personale. Janusz Makoś Il dipartimento criminale della sede provinciale di Rzeszów è caratterizzato dal cosiddetto leggenda e discusso il modus operandi degli autori.

Ufficiale, Dipartimento di prevenzione, Questura di Rzeszów, asp. Jerzy Ossoliński ha sollevato la questione del ruolo dei terzi nella promozione della sicurezza dei pensionati. Poi asp. Justyna Rudnicka Il dipartimento criminale del dipartimento di polizia ha discusso le misure di prevenzione delle frodi della leggenda.

Antifrode – Il ruolo e le responsabilità dei dipendenti della banca sono stati l’argomento di discussione Marta Rojek. Anzi Jakub Sabala ha parlato della sicurezza dei pagamenti mobili nell’era del truffatore sedentario. Questa giornata di formazione si è conclusa con un panel di discussione. Rzeszów, vice capo del dipartimento criminale del quartier generale della polizia di stato di Nadkom. Piotr Woszczak ha sollevato la questione della lotta alla criminalità la cosiddetta leggenda. Tuttavia, nadkom. Paweł Solek ha fornito statistiche dal Dipartimento penale del quartier generale della contea sulle frodi nella nostra provincia. Ispettore Junior Piotr Kluz – Il Capo del Dipartimento di prevenzione della Questura di Rzeszów ha sottolineato l’importanza della prevenzione nella lotta ai fenomeni indesiderati e l’importanza della cooperazione interistituzionale nella lotta contro le frodi.

L’ultimo giorno di mafia. Ewelina Wrona del Dipartimento delle comunicazioni sociali presso la sede del Voivodato ha sollevato la questione della cooperazione tra polizia e media nella lotta contro le frodi sulle leggende. Le buone pratiche in questo campo sono state presentate dal sergente. personale. Anna Kurek – Prevenzione del quartier generale della città di Rzeszów e dei vincitori. Dominica Oleś Dall’unità Ropczyce.

Al seminario hanno partecipato l’isp. Stanisław Sekuła 1° Vice Capo della Polizia Provinciale a Rzeszów e due Vice Comandanti Provinciali – Giovane Ispettore Piotr Zalewskiche sovrintende al dipartimento criminale e subinsp. Jacek Juwa, supervisiona il reparto contraccettivo. Alla formazione hanno partecipato anche i comandanti del quartier generale della polizia della contea di Ustrzyki Dolne e il giovane ispettore Lesko. Aleksander Szymaszek e subsp. Grzegorz Koczera. Il personale di polizia era rappresentato da subinsp. Joanna Gregorczyk Capo del Dipartimento Penale e asp. Justyna Rudnicka e isp. Wanda Mende Direttore del Dipartimento di Prevenzione Sociale del KGP.

Al termine della formazione l’isp. Stanisław Sekuła ha ringraziato i funzionari per aver partecipato alla formazione. Ha sottolineato l’importanza della cooperazione per la sicurezza dei pensionati.

Oltre alla sede del progetto della sede provinciale di Rzeszów, “Chiamate contraffatte – Risparmio a rischio”, i partner delle sedi provinciali di Olsztyn, Białystok, Lublino e Gorzów Wielkopolsk stanno organizzando seminari regionali per la prevenzione e la polizia criminale. Dipartimento.

Progetto dal titolo “Bando contraffatto – Risparmio a rischio” n. PL / 2020 / PR / 0110, cofinanziamento dell’Unione Europea dal programma Fondo Nazionale per la Sicurezza Interna.

Leave a Comment