Concorso KOŁO “Łazienki Design 2021” – conosciamo i vincitori

Il prossimo concorso KOŁO per il progetto dei bagni pubblici è alle nostre spalle. La decisione ufficiale del concorso, di cui il Parco Nazionale dei Tatra era partner, e l’annuncio della decisione della giuria sono avvenute il 29 novembre 2021 presso il Geberit Showroom di Cracovia.

Il tema del 23° concorso KOŁO di quest’anno è “Łazienki Design 2021” era un progetto di un impianto con un bagno pubblico nel Parco Nazionale dei Tatra, nella valle di Chochołowska, nella zona di Polana Huciska. Al concorso hanno partecipato 178 progetti, giudicati da una giuria composta da: dr hab. Ing. Arca Ewa Kuryłowicz, Robert Konieczny, Magdalena Federowicz-Boule, prof. Jan Sikora, Przemo Łukasik, Aleksandra Kozłowska, Przemysław Powalacz, Filip Zięba, Ewa Holek-Krzysztof, Agnieszka Grzegorczyk, Jan Karpiel-Bułecka Sr., Marcin Rząsa.

Gran Premio del concorso “Łazienki Design 2021” nel concorso KOŁO

Gran Premio del concorso “Łazienki Design 2021” nel concorso KOŁO ottenuto un progetto “Prato sopraelevato”di cui sono gli autori Ewa Pokrzywa e Marcin a Gierbiin. Secondo la giuria, l’opera è caratterizzata dall’idea che il rispetto della natura e del paesaggio unico sia compromesso da nuove attività. Piazza Polana Huciska, sebbene situata quasi al centro della valle, è un’area cambiata. C’era un parcheggio che ha operato fino al 1997, lasciando il segno fino ad oggi. La voce vincente rimuoverà questo badge. È l’unico che tiene conto dell’intera area dell’ex parcheggio per poterlo ristrutturare. Al posto di un piazzale lastricato, offre un’estensione sgomberata. Il concept non disturba lo spazio, non richiede significative consultazioni su come realizzare un sito in questa pregevole area senza disturbarla. Sottolinea i valori naturali dell’ambiente, ad es. pascolo di pecore culturali in piazza Crocus.

Premi

Differenza di 1° grado meni Aneta Roguszczakper il progetto “WC pubblico TPN”. La giuria ha apprezzato l’arretramento del corpo rispetto alla carreggiata esistente e l’occultamento del piano terra dell’edificio previsto nell’area. L’oggetto creato come risultato di questi movimenti in primo piano crea una cornice speciale per le persone che vengono qui, definisce dei confini, riducendo il rischio di espansione all’interno della radura. Così, la struttura trascende il programma di un edificio di servizi igienici pubblici e l’idea stessa acquisisce una dimensione educativa. Il cortile progettato con il suo sviluppo è un luogo riparato dal vento, così importante dopo un lungo percorso di montagna. Differenza di secondo grado hanno vinto Paweł Białas, Kamil Bryłka e Michał Ciebień per il progetto “Per il resto” – il lavoro ha attirato l’attenzione della giuria con un approccio unico alla reinterpretazione della forma di una capanna di montagna. Tra le tante idee che hanno cambiato forma impercettibilmente o in modo troppo espressivo, questo progetto ha portato l’idea di equilibrio e originalità nella discussione della giuria. Allo stesso tempo, il tetto sospeso in aria diventa una tregua, un’interazione e un luogo di riposo nelle giornate piovose e soleggiate. Nonostante le sue grandi dimensioni, la forma non provoca disarmonia nell’ambiente.
Tre progetti hanno ricevuto importi simili Differenze di 3° grado. Il primo di loro “Due ruote” come fattore Jakub Lazarowicz, è stato premiato per una forma architettonica che non è un’interpretazione della capanna, non si riferisce a forme architettoniche o decorative regionali, ma è una proposta per scolpire una forma geometrica, sintetica, quasi astratta nel paesaggio di Huciska Glade. Il progetto si distacca dalla formula del pensiero comune e superficiale e ci indirizza con coraggio a considerare altri, meno evidenti, rapporti tra funzione e forma.
nel paesaggio. Ha ricevuto secondo, terzo grado, uguale riconoscimento Arturo Piorek per la progettazione di un edificio che rappresenti una soluzione semplice, conforme al programma e sia la proposta tecnicamente meno inquietante. Inoltre, ben si adatta al contesto culturale e paesaggistico. La struttura prevista è una forma economica ma molto “razziale”. Ciò è dovuto all’angolo di inclinazione correttamente scelto delle pendenze del tetto e alla loro sporgenza oltre la superficie delle pareti di testa.
La giuria ha assegnato al progetto un secondo premio di terzo grado “Il rifugio è un’icona dei Monti Tatra” come fattore Sylwia Gochowska, Kamila Mizera e Bogumiła Borek. La giuria ha apprezzato l’interessante tentativo di includere gli edifici dei cottage nel paesaggio del Parco Nazionale dei Tatra. La forma modesta dell’edificio richiama l’architettura tradizionale locale e allo stesso tempo risponde alla domanda di concorrenza in termini di funzionalità. Il progetto dimostra in modo sensibile il rapporto dell’architettura con il Parco Nazionale dei Tatra, l’architettura necessaria per le attività e le esigenze dei turisti.

Premi speciali

Design “Il rifugio è un’icona dei Monti Tatra” Ha anche ricevuto un premio speciale: Universal Design per un tentativo riuscito di implementare una filosofia di design generale come direzione architettonica per rimuovere le barriere all’accesso agli edifici pubblici. Secondo premio specialeil design nello spirito dello sviluppo sostenibile è stato assegnato all’autore del progetto Łukasz Krasuski. La progettazione di aree protette è una sfida per architetti esperti e ancor di più per giovani professionisti dell’architettura. Questo compito è speciale alla luce degli attuali problemi ambientali. Secondo la giuria, l’autore meritava un riconoscimento per il suo approccio olistico, che andava oltre l’uso di sistemi standard e soluzioni ecologiche. È stata elogiata la forma architettonica contenuta dell’edificio per l’edificio quadrato a timpano ripido. Hanno anche avuto l’opportunità di scegliere il miglior progetto utenti di Internet – il progetto ha ricevuto il maggior numero di voti “Koliba”di cui sono gli autori Nicola Skrzyniarz, Dominika Reszuta e Sandra Plata.

Leave a Comment