Cambiamenti nell’educazione alla sicurezza nelle scuole primarie e secondarie – Trattativa e proposte di convenzione – Ministero dell’Istruzione e della Scienza

Sono stati trasmessi alla consultazione pubblica e alle disposizioni interministeriali i progetti di regolamento del ministro dell’Istruzione e della Scienza che modificano i regolamenti sul curriculum di istruzione generale. I negoziati dureranno 24 giugno 2022 Eventuali commenti possono essere inviati anche al seguente indirizzo sekretariat.dpnp@mein.gov.pl.

Educazione alla sicurezza – modifiche proposte

La materia dell’educazione alla sicurezza è obbligatoria nell’8° grado della scuola media e nel 1° grado della scuola generale (scuola media superiore, scuola superiore tecnica e scuola commerciale di 1° grado) 1 ora a settimana. Le sfide e le minacce attuali richiedono il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento e dei contenuti di apprendimento o questioni relative alla difesa nazionale, all’acquisizione delle capacità di tiro e alla preparazione degli studenti alle minacce poste dalle ostilità.

Le modifiche programmate al curricolo di base per l’educazione alla sicurezza sono state preparate tenendo conto dell’attuale numero di ore per questa materia e presupponendo che il contenuto dell’attuale curricolo di base sia utilizzato il più possibile, ad esempio nel campo del primo soccorso o primo soccorso. risposta alle minacce. Ulteriori aree di azione sono state poi individuate in varie emergenze, comprese situazioni di crisi e di guerra.

Il progetto modificato di curriculum di base per l’educazione alla sicurezza proponeva nuove aree di contenuto per l’insegnamento, ad es.

  1. reagire in caso di minaccia di ostilità (cosiddetta sopravvivenza, compreso asilo),
  2. regole di emergenza per l’uso di armi convenzionali in caso di emergenza,
  3. l’addestramento alla difesa include ad es.
  • per la scuola primaria – requisiti per studi sul campo, sicurezza informatica militare, preparazione per l’addestramento alle armi da fuoco;
  • nelle scuole secondarie – requisiti nelle seguenti aree: risposta alle minacce nemiche, sicurezza informatica militare, addestramento al tiro.

Per quanto riguarda l’addestramento al tiro nella scuola primaria, il progetto proponeva solo una teoria sulla manipolazione sicura delle armi. Nelle scuole superiori, invece, copre le basi del tiro con una sezione pratica che utilizza attrezzature di tiro sicure come pistole a palla, pistole pneumatiche, repliche di armi leggere (ASG), virtuali o laser. poligono di tiro.

La portata più dettagliata delle modifiche nel curriculum di istruzione di base per l’educazione alla sicurezza è discussa nella logica del progetto. I progetti sono stati preparati in cooperazione e collaborazione con il Ministero della Difesa.

Fai le modifiche

Si propone di applicare dal prossimo anno scolastico (2022/2023) il programma di studi di base modificato per l’educazione alla sicurezza. Per le scuole superiori della provincia che non hanno accesso ai suddetti poligoni di tiro, l’attuazione di tale obbligo sarà obbligatoria a partire dall’a.a. 2024/2025. Fino ad allora, le scuole possono organizzare il più possibile lezioni in questo campo ed espandersi ogni anno, ad es. grazie al programma “Shooting Range Within” attuato dal Dipartimento della Difesa dal 2019.

Altre modifiche

Le modifiche proposte nei progetti notificati comprendono anche la separazione del curriculum della lingua minoritaria nazionale – il tedesco. Ciò è correlato al cambiamento nelle lezioni della lingua minoritaria nazionale – il tedesco – sotto forma di apprendimento di lingue aggiuntive. Occorre quindi distinguere tra il curriculum di base della materia di lingua minoritaria nazionale – il tedesco – che corrisponde a un numero ridotto di ore di lezione a partire dall’a.a. 2022/2023.
Ciò è stato modificato da un decreto del Ministro dell’istruzione e della scienza il 4 febbraio 2022, che ha modificato il decreto sulle condizioni e le modalità per lo svolgimento dei compiti che consentono agli asili nido, alle scuole e alle istituzioni pubbliche di mantenere la nazionalità, l’etnia e la lingua. l’identità degli studenti appartenenti a minoranze nazionali e gruppi etnici e della comunità che utilizzano la lingua regionale (Journal of Laws, par. 276).

Progetto di Decreto del Ministro dell’Istruzione e della Scienza che modifica il Decreto sui Curriculum per l’Istruzione di Base nelle Scuole Secondarie Superiori, nelle Scuole Tecniche e nell’Istruzione Industriale

Proposta di decreto del Ministro dell’istruzione e della scienza sul curriculum di istruzione di base per l’istruzione preprimaria e il curriculum di istruzione di base per l’istruzione primaria, compresi gli studenti con disabilità dello sviluppo moderata o grave, scuola industriale di istruzione primaria, istruzione generale per le scuole speciali

Leave a Comment