Katowice. “Maślak” è stato assolto dall’accusa per incitamento all’omicidio. La Corte d’Appello ha ribaltato la sentenza, il processo deve essere rifatto

Maciej M., leader del gruppo hooligan Ruch Chorzów Psycho Fans, sotto lo pseudonimo di Maślak, avrebbe dovuto bloccare le indagini contro di lui: convincerlo a bruciare i fascicoli e uccidere il pubblico ministero, e pianificare di diffamarlo inserendo contenuti pedofili su un computer. Il Tribunale di primo grado ha assolto Maślak da tali accuse. Martedì, la Corte d’Appello di Katowice ha ribaltato il verdetto, il che significa che il caso sarà riesaminato.

Il tribunale distrettuale di Katowice deve riaprire il processo contro lo pseudonimo di Maciej M. Maślaki, accusato, tra l’altro, di aver incriminato il pubblico ministero per omicidio. Martedì la Corte d’Appello di Katowice ha ribaltato l’accusa.

La decisione di primo grado è stata presa nel maggio 2021. Il tribunale ha assolto l’imputato da tutte e tre le accuse a suo carico. Era coerente con la difesa e la conclusione dell’imputato. Il pubblico ministero, che ha chiesto 15 anni di reclusione, ha presentato denuncia a M., che è stata approvata martedì dalla Corte d’Appello.

“L’appello del pubblico ministero si è rivelato fondato e le accuse in esso contenute meritavano un’attenzione schiacciante, che ha portato a una sentenza di cassazione in questo caso”, ha affermato Małgorzata Niementowska, giudice della Corte d’appello di Katowice. Presidente della Giuria. SA non condivideva il punto di vista del Tribunale di primo grado secondo cui i presunti atti costituivano “preparazione impunita di una raccomandazione”.

“Maślak” in tribunaleZbigniew Meissner / PAP

La Corte d’Appello non ha adottato una “decisione definitiva” ma ha sottolineato la corretta valutazione del Tribunale di primo grado

– In disaccordo con la decisione finale della causa, che ha assolto l’imputato Maciej M., la Corte d’Appello concorda con il Tribunale di primo grado che non si può presumere che l’imputato Maciej M. abbia incitato a reati individuali – ha affermato oralmente nella sentenza del giudice Niementowska giudizio di martedì. Il tribunale distrettuale ha correttamente valutato nella dichiarazione della SA che la condotta dell’imputato poteva essere definita come una raccomandazione. Come ha sottolineato il giudice, il Tribunale di primo grado ha giustamente ritenuto che Psycho Fans fosse un gruppo criminale organizzato con una tipica struttura gerarchica e che il sig. Maciej M. svolgesse uno dei ruoli più importanti nel suo consiglio. “Le prove dimostrano che M. aveva grande autorità e obbedienza nel gruppo, e le persone a cui era stata prescritta” in anticipo “si sentivano obbligate a eseguirle”, ha aggiunto il giudice.

“Maślak” in Corte d’AppelloZbigniew Meissner / PAP

Ha citato testimonianze in cui i membri della banda hanno affermato che non potevano rifiutarsi di eseguire il comando di M perché non avrebbero avuto una vita nel gruppo, nessuno avrebbe voluto commerciare con loro e sarebbero stati trattati con disprezzo. modo dispregiativo e beffardo, forse anche emarginato. La Corte d’Appello accoglie tali rilievi del Tribunale e, a seguito dell’impugnazione del pm, impugnando la nozione di impunità per il reato del rimettente, ha pienamente convenuto che l’emittente dovesse essere ritenuto responsabile se non fosse a conoscenza dell’interdipendenza tra lui e la parte emittente e sapeva di essere obbligato a farlo.

Leggi anche: 16 imputati, nove anni di processo, 130 udienze, quasi 300 testimoni, 170 pagine di sentenza

– Risulta dalla motivazione della sentenza del Tribunale che è pacifico che i convenuti hanno emesso le ordinanze. Le persone che avrebbero dovuto eseguire questo ordine l’hanno ottenuto e sapevano della dipendenza e sapevano di essere obbligate a farlo – ha sottolineato il giudice Niementowska, il quale ha aggiunto che era dovuto anche a prove, ad es. testimonianza di testimoni. – “Maślak” ha detto enfaticamente di “fare” un pubblico ministero, se rifiuto, “Maślak” e il gruppo mi tratterebbe come l’ultimo troll – ha citato uno di loro.

SA ha affermato che il Tribunale di primo grado ha limitato la sua raccomandazione agli sponsor diretti e ha ignorato il comportamento del proponente e non ha analizzato completamente le prove.

La decisione può essere impugnata in Cassazione

La decisione della Corte d’Appello di Katowice significa che il caso sarà rinviato alla Corte Distrettuale di Katowice. C’è ancora un ulteriore ricorso alla Corte Suprema sulla decisione di martedì. La difesa annuncia che lo piegherà.

Dopo aver lasciato l’aula, il pubblico ministero ha rinviato la decisione. – Abbiamo condiviso i fatti della corte. Sfortunatamente, non siamo d’accordo con la valutazione legale della corte. Penso che la corte abbia commesso un errore nell’assoluzione dell’imputato, cosa che è stata confermata dalla Corte d’Appello – ha affermato Eryk Stasielak della filiale della Małopolska della Procura nazionale. E ha aggiunto: – L’imputato ha il diritto di ricorrere in Cassazione per ribaltare questa sentenza e questa è la prima strada. In secondo luogo, se la Corte Suprema non ascolta un simile ricorso, il gioco riprenderà dall’inizio, il prossimo processo sarà combattuto in Tribunale di primo grado.

Pubblico Ministero a seguito della decisione della Corte d’Appello di Katowice su MaślakTVN24

Tre accuse contro il pubblico ministero

Il caso è stato consegnato alla giustizia alla fine del 2020. L’accusa principale contro “Maślaki” riguardava la persecuzione per l’omicidio di un pubblico ministero che ha condotto un’indagine su Psycho Fans. Secondo l’accusa, Maciej M. aveva pianificato di privare la vita del pubblico ministero nel 2014-2015, quando temeva di dover affrontare una condanna severa mentre rispondeva al tribunale di Gliwice.

Secondo il pubblico ministero, i membri della banda intendevano anche degradare il pubblico ministero irrompendo nel suo computer e scaricandovi materiale pedofilo.

La terza accusa riguarda l’incitamento all’incendio di un centinaio di parti del procedimento giudiziario di Gliwice. Il “Maślak” è stato incaricato di determinare dove e come sarebbero stati conservati i materiali che accusavano il suo gruppo, come sarebbero stati trasportati in aula e ha nominato un membro della banda per bruciarli. I piani non si sono concretizzati perché M. è stato nuovamente arrestato insieme ad altri membri del gruppo, ha affermato la Procura.

Primo esempio: il comando è stato eseguito ma non è stato eseguito

Il Tribunale di primo grado non condivideva l’opinione difensiva secondo cui i testimoni che avevano accusato il sig. M. erano inattendibili. Era d’accordo con le conclusioni del pubblico ministero, ma è giunto ad altre conclusioni. Secondo il tribunale distrettuale, nel caso del pubblico ministero, non si può parlare di istigazione o agenzia esecutiva, nel qual caso il preside controlla effettivamente l’andamento e l’esecuzione del reato, ma non formalmente, non formalmente.

Il Tribunale di primo grado ha affermato che, a differenza dell’istigazione, una raccomandazione viene formulata solo quando l’autore del reato ha commesso il reato. Se gli autori hanno iniziato l’esecuzione in qualche modo dopo aver ricevuto l’ordine di M, si potrebbe parlare di punire l’autore raccomandante, ma non è successo niente del genere – ha ragionato il tribunale distrettuale.

Psycho Fans al processo

Questo non è l’unico processo in cui “Maślak” risponde. Un anno fa, un altro procedimento penale si è concluso presso il tribunale distrettuale di Gliwice, in cui lui, insieme ad altri 15 imputati, è stato responsabile di circa 100 diversi reati – principalmente furto con scasso, furto e rapina, nonché il cosiddetto legislazione, traffico di droga e aggressione. In questo caso, Maciej M. è stato condannato illegalmente a 15 anni di reclusione, mentre gli altri imputati sono stati condannati dal tribunale a da uno a tre mesi a 14 anni di reclusione. Il processo è iniziato nel 2012. Si sono tenute 130 udienze e la corte ha ascoltato più di 300 testimoni. Sono stati raccolti 125 volumi di documenti. Un processo di reclamo in questo processo si terrà ad agosto.

VEDI IL RAPPORTO TVN “SUPERVISIONE”: “HO GOVERNATO LO YOGA DI KIBOLA” >>>

Il processo principale di Psycho Fans è pendente da settembre 2019 presso il tribunale distrettuale di Katowice. Il cantiere ha quasi 50 persone. Questo è uno dei più grandi crimini di hooligan nel paese. Il pubblico ministero ha accusato gli imputati di circa 100 reati, ad es. omicidio, tentato omicidio, rapina, furto e traffico di droga.

Fonte immagine principale: Zbigniew Meissner / PAP

Leave a Comment