“Leszek mi ha lasciato perché non potevo rimanere incinta, Piotr era furioso di sapere che ero incinta. Diventerò una madre single? ”- Vita reale

immagine: Adobe Stock, HBS


Mi sono sentito felice con Leszek solo all’inizio della nostra relazione. Abbiamo una foto scattata in un pub sul mare che dice “Giovane, bella, ricca” – ed è quello che eravamo allora. Il mondo era aperto per noi. Abbiamo guadagnato molti soldi, abbiamo viaggiato molto, non abbiamo perso nulla. Leszek poteva sempre contare sul sostegno della sua famiglia mentre gestiva un fiorente studio legale.

Mi ha incolpato del fallimento

Tutto ha cominciato ad andare storto quando abbiamo iniziato a provare ad avere un bambino qualche tempo dopo il matrimonio.

– Allora, figliolo, quando diventeremo nonni? – Leszek chiedeva a mia suocera ogni volta che andavamo a trovare i miei genitori.

Per i primi tre anni non è stato un problema per noi. Ma poi vivevamo sempre di più giorno dopo giorno, dove la natura ci ha regalato un messaggio che è anche questa volta un filo da sogno.

– E cosa? E cosa? – mi chiedeva Leszek ogni volta che uscivo dal bagno con il test.

La mia faccia diceva sempre a se stesso…

Abbiamo iniziato ad andare dai medici – consigliato, pubblicizzato. Nel frattempo, hanno allargato le mani. Hanno detto che andava tutto bene. Sfortunatamente, non lo era. Di norma, una donna ha un grande bisogno di diventare madre, un uomo la segue e basta. Abbiamo fatto il contrario. In ogni momento, Leszek ha mostrato quanto voleva che avessi un bambino. Mi ha chiesto come mi sentivo, ha preso appunti e ha scritto la mia temperatura. È persino riuscita a rapirmi dal lavoro perché ha calcolato che era il momento migliore per rimanere incinta.

Stava diventando più difficile da prendere perché non parlavamo d’altro, nient’altro importava. E non mi è piaciuto per niente. Inoltre, ha parlato a tutti i suoi amici del nostro problema, come se desiderasse che qualcuno ci vendesse una ricetta per avere un bambino. Mi ha spinto in avanti colpa.

– Questa è una punizione per avere il tempo di un bambino, giocare e godersi la vita – ho confessato una volta a Leszek.

– Di cosa stai parlando! Molte coppie hanno figli sulla trentina. Perché non noi? Non siamo peggio.

Quindi Mi sono reso conto di quanto sia ambizioso in questa materia. È un uomo, quindi deve avere un figlio, e basta. Purtroppo ha dimenticato di essere anche marito.



Poi c’è stato davvero del male tra noi. Anche se stavamo ancora cercando di avere un bambino, a un certo punto ho persino pensato che sarebbe stato meglio se non fosse successo. Sì ci siamo allontanati! Non potevo immaginare di crescere questo bambino con Leszek.

Dopo sei anni di matrimonio, Leszek decise di andarsene.

“Non siamo sopravvissuti”, ha detto brevemente. – Ma possiamo entrambi guadagnarci la vita. Non c’è bisogno di perdere tempo insieme a torturare.

Quando la porta si chiuse dietro di lui, mi morsi le dita per il dolore. Mi sentivo come un oggetto senza valore lasciato indietro perché non funzionava come avrebbe dovuto. Non posso avere figli, quindi come donna non valgo niente. Avevo 38 anni e avevo una pessima opinione degli uomini. Come potrei migliorare la mia vita in questa situazione? In nessun modo.

Ecco perché quando ho incontrato Piotr, non l’ho preso troppo sul serio. Soprattutto quando si avvicinava a tutto da lontano, e poi era un uomo un po’ frivolo: viaggiava ed entrava in empatia vendendo testi e fotografie. Ci siamo incontrati a una maratona annuale nella nostra città. Volevo dimostrare a me stesso che ero ancora forte, correva per divertimento. Per me il test è stato mediocre: ho corso a metà della mia forma fisica e volevo smettere. Piotr mi ha stretto la mano e sono riuscito a smettere.

Non potevo credere che fosse successo

Abbiamo preso un caffè insieme e poi la conoscenza divenne rapidamente familiare. Le regole erano chiare fin dall’inizio: nessun obbligo. Quando ci siamo trovati per la prima volta in una situazione intima, Piotr ha detto, confuso:

– Non sono preparato.

“Non devi,” lo rassicurai con naturalezza beffarda. – Non posso avere figli.

Tuttavia, avevo paura della sua reazione. E se si vestisse e se ne andasse? Era un buon momento per dare un’occhiata. Piotr non disse nulla, mi abbracciò e iniziò a baciarmi. È come se gli andasse bene.

Abbiamo iniziato a viaggiare insieme, abbiamo girato il mondo. Piotr mi ha afferrato con passione viaggiare. Abbiamo anche viaggiato molto con Leszek, ma siamo sempre stati in hotel. Ora devo assaporare una vera avventura. Abbiamo portato tonnellate di foto da ogni viaggio. Com’è stato divertente invitare i tuoi amici a guardare queste foto!

Mentre celebravamo il secondo anniversario del nostro incontro, abbiamo deciso di correre di nuovo nella maratona. Mi preparo per questo giorno da quasi tre mesi. Ero sicuro che questa volta ci sarei arrivato da solo, senza l’aiuto di nessuno. Nel frattempo, subito dopo il decollo… sono svenuto. Il medico di emergenza mi ha detto di fare alcuni esami di base. Non voglio rimandare nulla, quindi il giorno dopo sono andato a fare un esame del sangue. Sono andato in clinica con i risultati.

“Congratulazioni”, disse il dottore che mi vide mentre guardava il tabulato con i suoi numeri. – Tu sei qui Incinta. Ecco perché sviene mentre corre. Non esagerare ora – sorrise.


Sono incinta?! Mi sono sentito di nuovo svenire dopo un po’.

«È impossibile», balbettai. – Non posso avere figli!

– E per quale motivo? Il dottore ha chiesto.

“Beh…” ho esitato. – In effetti, nessuno l’ha mai chiarito. Nessuna ricerca ha trovato nulla. Mio marito ed io stavamo cercando una ragione per diversi anni e alla fine ci siamo arresi.

Questo è dove ho finito. Non volevo dirle che è per questo che mio marito mi aveva lasciato.

“Tra qualche anno, dici… Forse ora è proprio il momento giusto”, decise il dottore.

All’inizio volevo chiamare Leszek. Dopotutto, gli importava così tanto! Volevo urlargli che funzionava. Tuttavia, posso avere figli! Non è quello che pensava. Poi mi sono ricordato che non era un padre…

Non ho detto niente a Piotri. All’inizio volevo essere sicuro con il ginecologo, anche se ho fatto cinque esami a casa e tutti hanno mostrato chiaramente che sarei finalmente diventata mamma. Con il cuore palpitante, aspettavo con impazienza il ritorno di Piotr dall’editoriale con cui stava lavorando.

– Che cos’è? Mi ha chiesto quando gli ho consegnato l’ecografia.

“Non ci credi,” sospirai. – Questa è una foto del nostro bambino.

– Che cosa? – Mi guardò stupito per un momento. “Ma hai detto che non potevi avere figli!”

Le nostre prime conversazioni sono venute subito in mente quando ci siamo ripromessi una dolorosa onestà in ogni situazione.

– E cosa? Mi hai tradito?!

Suonava come un atto d’accusa. Come potevo illudermi che sarebbe stato felice?

Era sicuro che l’avessi deluso

«Pensavo di non poterlo fare», dissi.

– Anatra, come te lo immagini! È esploso. – Ho 43 anni! Non ho mai voluto essere padre. Non sono adatto a questo! Perché non hai chiesto la mia opinione?

Gridò qualcos’altro e finalmente sentii la porta che si chiudeva sbattendo. Il mio mondo si è scosso ancora una volta. “Piuttosto fantastico. Leszek mi ha lasciato perché non potevo rimanere incinta, e Piotr se ne va perché è successo”, pensai amaramente.

Ora, però, non ho sentito questo declino, come ho fatto quando Leszek è morto. Ma mi sono sentito stupido. Piotr pensava che l’avessi traditoDovrei essere felice della mia felicità, ma mi ha semplicemente lasciato… E avevo paura, proprio come Piotr. Come sopravvivo a una gravidanza tardiva? Il bambino sarà sano?

Piotr tornò due ore dopo con un mazzo di rose.

– Papera, scusami – disse sulla porta sul volto dell’uomo che ha commesso il delitto. – Ti voglio bene. In qualsiasi situazione. Anche ora, non so come sarà il nostro nuovo mondo e come mi ritroverò in esso.

E cadde in ginocchio davanti a me.

– Voglio questo bambino. Ti voglio sposare. Voglio essere un marito e un padre Ha pronunciato.

L’ho aiutato ad alzarsi.

– Peter, devi credermi prima! – È da un po’ che cerco le parole giuste. – Mio marito mi ha davvero lasciato perché non gli ho dato un figlio per sei anni. Come sapevo che al mio 40esimo compleanno avrei ricevuto un tale dono dal destino…

– Forse questo ragazzo stava davvero aspettando il suo momento? dissi pensieroso. – Forse avrebbe dovuto venire da noi?

Mi ha abbracciato forte.

– Andrà tutto bene!

Leggi anche:
“Sono stato solo per molto tempo e ho pensato che sarebbe rimasto così. Ora penso che l’amore nell’autunno della vita abbia il sapore migliore “
“Mio marito si è lamentato del fatto che stavo lavorando perché poteva guadagnarsi un appartamento da solo. Quando me ne sono andato, ha chiesto di tornare perché la vita del single costava troppo”.
“La moglie tradita ha cercato conforto in un sito di incontri. Il marito si è svegliato solo quando è scomparso con il marito da Internet”.


Leave a Comment