Osserviamo gli interni verdi del Mercure Katowice Centrum dalla linea Tremend

Il Mercure Katowice Centrum è diventato rapidamente uno dei punti salienti della mappa di Katowice. È anche ecologico. Ci siamo guardati dentro!

  • Il Mercure Katowice Centrum è un investimento realizzato secondo il concetto verde e pulito, che soddisfa i più elevati standard di edilizia sostenibile.
  • L’edificio è stato progettato dallo studio AiR Jurkowscy Architekci, mentre il design degli interni è dietro lo studio Tremend.
  • Gli interni sono stati arricchiti da una rigogliosa vegetazione secondo la filosofia del design biofilo, e le pareti in mattoni dell’hotel sono state demolite.

Il Mercure Katowice Centrum è un altro punto verde sulla mappa della città. L’hotel, proprio accanto alla stazione ferroviaria, è diventato una vivace vetrina a Katowice. Soluzioni ecologiche unite al comfort interno sono il risultato dello studio di architettura Tremend di Varsavia. Cosa c’è dietro il successo del progetto nella seconda implementazione di successo?

La facciata naturale e verde dell’edificio è sia una presentazione dell’hotel che un annuncio di proposte di soluzioni di design ecologico all’interno e all’esterno dell’edificio. Il Mercure Katowice Centrum è un investimento realizzato secondo il concetto verde e pulito, che soddisfa i più elevati standard di edilizia sostenibile. È anche una sorta di simbolo del passaggio della città da industriale a ecologico. Il progetto dell’edificio è stato preparato da AiR Jurkowscy Architekci e l’inaugurazione ufficiale dell’hotel si è tenuta nell’ottobre 2021.

Pro-ecologia. Audacemente, consapevolmente e responsabilmente

L’uso di un avanzato sistema di controllo dell’approvvigionamento idrico ed energetico è una testimonianza del progetto considerato in ogni dettaglio nello spirito dell’edilizia sostenibile. Ottenere energia dai fan della cucina e dagli ergometri in palestra è un passo coraggioso verso una pianificazione consapevole e responsabile. Ascensori con sistemi di recupero energetico e stazioni di ricarica per veicoli nel garage sotterraneo e di fronte all’hotel creano un’atmosfera di comfort ecologico per designer, investitori e ospiti.

Ecco perché l’Hotel Accor a 4 stelle offre il comfort di una sistemazione ampiamente diffusa. Le sue 268 camere su 8 piani sono arredate con mobili realizzati con materiali riciclati. La parte anteriore del bar della lobby proviene da bottiglie di vetro usate. L’uso di elementi postindustriali sottolinea anche il carattere sempre più industriale della città.

Rispetto per l’ambiente

La responsabilità di pianificazione è anche l’attento monitoraggio dell’ambiente esistente e lo sviluppo della capacità di risposta ad esso. Un disegno di una parete vegetale accanto agli ascensori principali nella hall dell’hotel indica un enorme murale sul muro del municipio accanto all’hotel. L’edificio del Mercure Katowice Centrum era ricoperto di vernice, ma l’investitore UBM Development AG ha deciso di “compensarlo” e di spostare il dipinto all’interno dell’hotel. Lo ha chiesto la sua autrice, l’artista di strada Mona Tusz, che non ha riprodotto completamente il murale, ma ha solo fatto riferimento alla sua atmosfera floreale.

Gli architetti di Tremend hanno fatto riferimento anche ad altri elementi della città che si spostano sul lato verde. Gli interni pieni di vegetazione naturale sono un elemento decorativo, ma anche un cenno ai tetti verdi dell’International Congress Center (ICC) e all’area del rivitalizzato Spodek, nonché alle nuove aree verdi che emergono in città.

Il mattone smantellato, riutilizzato sulle pareti del Mercure Katowice, è un riferimento ad elementi dell’architettura locale, come il magnifico edificio dell’Orchestra Sinfonica della Radio Nazionale Polacca, le ex miniere e lo storico Maniero Nikiszowiec. Oggi, le facciate rivestite di edera di questa miniera di mattoni dell’inizio del XX secolo ispirano Tremend Architects a utilizzare questa pianta rampicante nel Mercure Katowice Centrum ecologico.

Cura dei dettagli e gioco della forma

La progettazione dello spazio interno in uno spirito di rispetto per la natura ha richiesto l’utilizzo di materiali nelle tonalità chiare del legno e della terra. I colori caldi immersi in una verde vibrante creavano spazi confortevoli e calmavano i sensi dei viaggiatori stanchi. I mobili minimalisti e confortevoli non superano il suo peso. Attaccata all’occhio c’è una panca di legno vicino al bar, il cui retro è costituito da sottili lamelle che si arrampicano verso l’alto come rami. Gli interni, come detto, sono stati arricchiti da una rigogliosa vegetazione disposta secondo una filosofia progettuale biofila. Il design biofilo è la risposta alla necessità di mantenere un legame con la natura, soprattutto in un ambiente urbanizzato.

– Il buon design e l’attenzione ad ogni dettaglio sono i nostri tratti distintivi. Un’accurata gamma di attrezzature, soluzioni moderne e un design divertente: questa è la ricetta degli architetti per progetti accattivanti – spiega il presidente del consiglio di amministrazione di Tremend, l’architetto Magdalena Federowicz-Boule.

Ti è piaciuto l’articolo? Ghiaccio!

Leave a Comment