Ministro della Pubblica Istruzione: Il nuovo anno scolastico inizia con la storia e il presente

Przemysław Czarnek. Foto di PAP / Darek Delmanowicz

A partire dal nuovo anno scolastico, avremo la storia e il presente nelle scuole, cioè l’apprendimento della storia della seconda metà del 20° secolo, ha affermato mercoledì il ministro dell’Istruzione e della Scienza Przemysław Czarnek.

Il direttore del Ministero dell’Educazione nel programma radiofonico polacco I ha ricordato che la nuova materia – storia e presente – viene insegnata nelle classi prime e seconde delle scuole superiori. Sostituisce la materia delle scienze sociali (nell’ambito di base) nelle scuole secondarie superiori e superiori tecniche, nonché nelle scuole professionali.

“Abbiamo già sviluppato i programmi di studio di base, tutte le ricette sono pronte. Stiamo aspettando i libri di testo e inizieremo il 1 settembre”, ha affermato.

Ha aggiunto che la conoscenza della società e della storia tradizionale è limitata a “quelle più note al pubblico nella seconda metà del XX secolo e nei primi anni del XXI secolo”.

Inoltre, come ha ricordato il direttore del MEiN, si sta ampliando l’educazione alla sicurezza. Ha sottolineato che l’addestramento alla difesa non sarà restituito. “Questo sta accadendo ora in accordo con il Dipartimento della Difesa”, ha detto.

Ha sottolineato che gli elementi di addestramento difensivo saranno aggiunti come istruzione teorica all’uso delle armi nella terza media delle scuole elementari e nella prima elementare al poligono di tiro.

“A lungo termine, ma non dal 1 settembre di quest’anno, lo sarà affari e amministrazione, ovvero un insegnamento più efficace dell’imprenditorialità. Sarà anche una questione di scelta obbligatoria della religione o dell’etica”, ha affermato.

Czarnek: La “Guida alla storia polacca” va a tutte le scuole che lasciano un reclamo

La “Guida alla storia polacca” sarà inviata attraverso gli uffici della scuola a tutte le scuole che presenteranno una richiesta. Se la domanda è maggiore, verrà effettuata una ristampa – ha affermato il ministro dell’Istruzione e della Scienza Przemysław Czarnek.

Karol Nawrocki, presidente dell’Istituto nazionale della memoria, e Przemysław Czarnek, ministro dell’Istruzione e della scienza, hanno annunciato mercoledì che l’Istituto nazionale della memoria ha prodotto una “Guida alla storia” nella mente degli studenti ucraini. Polonia “in ucraino. 8 mila. Copie.

“Vorrei ringraziare sinceramente il Presidente Karol Nawrock e l’intero team dell’Istituto Nazionale della Memoria, che hanno contribuito al fatto che oggi possiamo inviare una stampa + una guida alla storia polacca + in ucraino a tutti i bambini in Polonia oggi, circa 600-700 mila. questa storia “- ha detto il direttore del MEiN.

Ha osservato che nelle scuole polacche sono quasi 200mila i bambini e i giovani ucraini, di cui 140mila sono bambini delle scuole primarie, 20mila delle scuole superiori e 40mila. negli asili nido.

“Un momento fa, ho avuto un’altra conversazione con il ministro dell’Istruzione e della scienza dell’Ucraina, il ministro (Serhiy) Szkarhet, che verrà – lo speriamo – da noi personalmente la prossima settimana”, ha detto Czarnek. “Abbiamo parlato di quello che sta succedendo nelle scuole polacche, un libro di testo, ma soprattutto un diploma di scuola superiore, che lo Stato ucraino sta progettando anche per chi è qui in Polonia, sta facendo gli esami finali, è in formazione a distanza nel sistema ucraino e “, Egli ha detto.

Il capo del MEiN ha affermato che la discussione riguardava anche il modo in cui i giovani ucraini venivano studiati nei test di maturità polacchi. Come ha detto, 47 neolaureati, cittadini ucraini, hanno manifestato la loro disponibilità a sostenere l’esame finale in Polonia. Allo stesso tempo, ha sottolineato che “una stragrande maggioranza sta partecipando all’esame di immatricolazione in Ucraina, cosa che il ministro Szkarfet è pienamente lieto di vedere”.

Czarnek ha anche ricordato che quasi 7.000 bambini ucraini hanno riferito di aver completato un esame di terza media alla fine di maggio.

“La + Guida alla storia polacca + va a tutto il consiglio e i presidi la mettono a disposizione delle scuole che segnalano tale richiesta. Se la domanda è maggiore, ristampare questa guida, ma è anche possibile scaricarla elettronicamente”, Egli ha detto. (PAP)

Autori: Aleksandra Kiełczykowska, Danuta Starzyńska-Rosiecka, Magdalena Gronek

Kgr /

Leave a Comment