L’istruzione domestica è un nome popolare e scientifico per una soluzione educativa, il che significa che il bambino non va a scuola, ma impara mentre i genitori organizzano la loro istruzione – RadioMaryja.pl

L’istruzione domestica è un nome popolare e scientifico per una soluzione educativa nel campo di un’organizzazione educativa, che è ufficialmente chiamata nel nostro paese in tre modi, vale a dire: completamento dell’istruzione extracurriculare, completamento dell’istruzione extracurricolare e completamento dell’istruzione extracurriculare Annuale pre- scuola (scuola materna) al di fuori della scuola materna o della scuola. L’essenza dell’educazione domestica è che il bambino non va a scuola, ma impara come la sua famiglia e soprattutto i genitori organizzano l’istruzione. Nella maggior parte dei casi i genitori sono gli educatori dei propri figli – ha affermato in un’intervista a TV Trwam il prof. Marek Budajczak dell’Università Adam Mickiewicz di Poznań.

Durante la pandemia di coronavirus, l’homeschooling (apprendimento a distanza) è diventato molto popolare. [czytaj więcej]

– L’istruzione domestica è un nome popolare e scientifico per una soluzione educativa nel campo di un’organizzazione educativa, che è ufficialmente chiamata nel nostro paese in tre modi, vale a dire: realizzazione dell’istruzione extracurriculare, realizzazione dell’istruzione extracurricolare e preparazione annuale prescolare ( scuola materna) al di fuori della scuola materna o della scuola. L’essenza dell’educazione domestica è che il bambino non va a scuola, ma impara come la sua famiglia e soprattutto i genitori organizzano l’istruzione. Nella maggior parte dei casi, i genitori sono gli educatori dei propri figli – ha detto il prof. Marek Budajczak dell’Università Adam Mickiewicz di Poznań.

Quando si cresce in casa, la presenza e l’aiuto dei genitori durante l’istruzione è importante. Capita spesso che i genitori organizzino il tempo libero e il lavoro in modo da aiutare i figli ad imparare.

– I sistemi e le situazioni familiari sono molto diversi. Il modello più comune è che uno dei genitori lavori per sostenere la famiglia e l’altro sia coinvolto nell’istruzione. La distribuzione statistica classica è tale che 80 per cento. I casi della madre sono insegnanti familiari, mentre i padri “cacciano” la famiglia. Non ci sono informazioni complete sulla dinamica del cambiamento quantitativo, ma possiamo dire con certezza che il cambiamento sta progredendo – ha sottolineato il prof. Marek Budajczak.

Si prega di notare che non ci sono studi che confrontino l’istruzione dei bambini con l’istruzione domiciliare. Tuttavia, entrambi si comportano molto bene nei test.

– L’istruzione domestica è un modo efficace per educare i bambini. (…) Le restrizioni sono in gran parte inerenti alla legislazione che è incoerente, disordinata e provoca l’altro lato della barricata, cioè dirigenti e insegnanti, in soluzioni che sono dannose per gli stessi educatori domestici. Tuttavia, tutto inizia con la fonte, che è la legge – ha affermato un docente dell’Università Adam Mickiewicz di Poznań.

Di recente, il Senato ha approvato un emendamento alla legge sull’istruzione e alcune cose sono cambiate per quanto riguarda l’istruzione domiciliare. Bartłomiej Wróblewski, membro del Parlamento per l’Unità Diritto e giustizia e candidato a difensore civico, ha sottolineato di essere molto lieto che il progetto sia stato approvato dal Senato e firmato dal Presidente della Repubblica di Polonia, Andrzej Duda.

– Sono stati risolti tre problemi. In primo luogo, la rimozione della zonizzazione; in secondo luogo, la rimozione dell’obbligo e del consenso del Centro di Counseling Psicologico e Pedagogico (questo significa che ci sono meno ostacoli burocratici all’homeschooling); In terzo luogo, il Ministero dell’Istruzione e della Scienza si è impegnato a un aumento del 30%. spesa per studente in istruzione. Sono contento che il progetto (pubblicato quasi 3 anni fa) sia stato finalmente approvato. È la concretizzazione delle disposizioni dell’art. Ai sensi dell’articolo 47 della Costituzione della Repubblica di Polonia, il diritto dei genitori di allevare i propri figli secondo le proprie convinzioni – ha detto Bartłomiej Wróblewski.

– Questi erano i requisiti della comunità dei bambini che apprendono in homeschooling. La maggior parte di questo ambiente sono persone con una forte fede cristiana, anche se ci sono altri bambini. Molti genitori, per vari motivi, vogliono che i loro figli siano educati a casa, che ci sia una chiara forma ideologica dell’educazione, e questa deve essere data a questi genitori perché lo Stato non può discriminarli in alcun modo o trattarli meno favorevolmente. (…) L’interesse per l’istruzione domiciliare è chiaramente aumentato. Quando abbiamo scritto il progetto c’erano più di una dozzina di bambini e oggi sono circa 20mila, quindi la crescita è altissima – aggiunto PiS MP.

TV Trwam / radiomaryja.pl

Leave a Comment