Mattoni originali, tetto grezzo, materiali naturali e verde. Questo ristorante di recente apertura colpisce per il suo arredamento

Durante la progettazione del ristorante Tu i Teraz a Białystok, ha avuto l’opportunità di progettare tutto da zero, tenendo conto di tutti i dettagli. Ha ottenuto ciò che un architetto sogna da un investitore: vivavoce e fiducia. Questo tipo di lavoro gli procura le maggiori soddisfazioni. – Oggi non ci sono più Anonymous, noiosi interni. Oltre al buon cibo, il ristorante deve dare qualcosa in più. Qualcosa di caratteristico di cui parlano gli ospiti – sottolinea l’architetto Daria Piesiecka.

Il ristorante “Qui e ora” di recente apertura a Białystok è l’ultimo progetto, ma non il primo, per l’industria dell’horeca. Come progetti i ristoranti?

Daria Piesiecka: Il mio primo contatto con il settore horeca è stata la mia dissertazione durante la preparazione del progetto. Poi ho deciso di adattare ad agriturismo un fienile di quarant’anni in mezzo al bosco. Il design di questo tipo di interni mi ha dato una grande gioia e il risultato finale stesso ha confermato la mia convinzione che questa è la direzione che vorrei sviluppare.

In seguito ho lavorato in altri due ristoranti a Białystok. La collaborazione consisteva nell’aiutare a scegliere materiali, colori e creare un concetto generale di interior design.

Durante la progettazione del ristorante “Tu i Teraz”, ho avuto l’opportunità di progettare tutto dall’inizio, tenendo conto di ogni dettaglio. Quel tipo di lavoro mi dà più soddisfazioni.

Il ruolo di un architetto in progetti commerciali come i ristoranti è enorme. È necessario a un certo livello di progettazione del ristorante?

Credo che un architetto sia essenziale fin dall’inizio del processo di creazione di un concetto di interior design, soprattutto quando si tratta di interior design pubblico, come un ristorante. Un tale interno non deve solo essere bello, deve anche essere funzionale e pratico.

Inoltre, l’esperienza e la vigilanza dell’architetto consentono di anticipare alcuni problemi tecnici, facendo risparmiare tempo e risorse finanziarie all’investitore.

E come è nata la collaborazione con l’investitore nel progetto di ristorazione “Here and Now”?

La collaborazione con l’investitore in questo progetto è andata senza intoppi grazie a un cliente soddisfatto che ha consigliato i miei servizi. Il primo incontro è stato molto fruttuoso, ci siamo sentiti bene e ci siamo capiti rapidamente. Ho conosciuto le aspettative e i piani dell’investitore e sulla base di ciò gli ho presentato le mie opinioni sull’interior design del ristorante.

Penso di essere finalmente riuscito a soddisfare determinati requisiti. Un investitore soddisfatto è una misura di un lavoro ben fatto.

Hai detto che hai pianificato tutto nel ristorante dall’inizio, tenendo conto di tutti i dettagli. Quali erano le ipotesi di progettazione chiave e le aspettative degli investitori?

L’ipotesi principale dell’investitore era quella di creare un interno che fungesse da ristorante moderno e accogliente durante il giorno e da cocktail bar suggestivo la sera, invitando gli ospiti a riunioni più lunghe con un bicchiere di vino.

Il ristorante si trova in un edificio storico. In che modo questo ha influito sugli interni?

Il ristorante dove si trova il ristorante è stato costruito nella prima metà dell’800, quindi il progetto ha sottolineato il rispetto per il carattere storico della proprietà. Per prima cosa, volevo introdurre il mattone rosso originale e trovare un tetto grezzo su cui in seguito è stato appeso un reticolo contenente piante nere.

L’utilizzo di un design edilizio tradizionale con elementi di interior design moderno mi è stato vicino sin dall’inizio dell’avventura architettonica.

Nel progetto mi sono concentrato sulla severità dei materiali abbinata a texture piacevoli, luci calde e vegetazione. Inoltre, per ampliare visivamente l’area del ristorante, ho deciso di posizionare degli specchi nel ristorante e collegarli alternativamente a strisce LED nere illuminate con lamelle.

Qual è stata la sfida più grande?

Sicuramente il tempo. L’investitore ha deciso all’ultimo minuto di coinvolgere l’architetto nella ristrutturazione, quindi l’intero processo di progettazione ha dovuto essere notevolmente accelerato e decisioni importanti sono state prese dall’oggi al domani.

Tuttavia, la collaborazione è stata molto piacevole e ho ottenuto dall’investitore ciò che ogni architetto sogna, ovvero mani libere e fiducia. Infine, non abbiamo rilevato alcun problema tecnico o di comunicazione.

Col senno di poi, la tua esperienza, che sembra essere un compito più interessante: creare un’idea nel suo insieme, coerente e funzionale, cioè un’opera concettuale o l’implementazione di un concetto nella realtà?

Il mio più grande piacere è vedere visivamente gli effetti del mio lavoro, ovvero la realizzazione del progetto. Il processo di progettazione in sé è molto interessante e talvolta pone molte sfide per l’architetto, ma è durante la fase di realizzazione che si possono incontrare problemi tecnici che dovrebbero essere risolti rapidamente e con saggezza. Personalmente, penso che sfide così inaspettate rendano il risultato finale ancora più soddisfacente.

Quali sono le tendenze attuali nel design del ristorante? Gli investitori stanno ancora aspettando interni in stile industriale?

Ci sono molte tendenze oggi. Da ristoranti molto grezzi in forma semplice, attraverso interni vintage, con mobili riciclati in linea con l’idea di zero rifiuti, a spazi completamente moderni con enormi lampadari in vetro, marmo e decorati e lussuosi.

Oggi non ci sono più Anonymous, noiosi interni. Oltre al buon cibo, il ristorante dovrebbe offrire qualcos’altro, qualcosa di cui la struttura racconta agli ospiti.

Penso che lo stile industriale sia costantemente al top, e ultimamente è diventato sempre più popolare man mano che offriamo sempre più prodotti di interior design adatti al clima industriale.

Vedremo un nuovo progetto per l’industria dell’horeca quest’anno?

Non voglio rivelarlo per ora, ma ti esorto a seguire il mio account Instagram @pracowniaawnetrz_piesieckadar dove ti terrò aggiornato sui nuovi progetti.

Ti è piaciuto l’articolo? Ghiaccio!

Leave a Comment