La mania per l’e-commerce pandemico. Aumenta del 400%

Il mercato dell’e-commerce è cresciuto a doppia cifra negli anni precedenti. Quest’anno potrebbe essere speciale perché durante la pandemia i polacchi hanno fatto acquisti online. Molte aziende hanno ricevuto ordini. “Le vendite su Internet sono raddoppiate durante questo periodo”, afferma Grzegorz Pilch, CEO di VRG, proprietario dei marchi Vistola e W. Kruk. Aumenti simili sono stati segnalati anche online presso LPP (marchi riservati o House) e CCC. Le vendite di Allegro sono iniziate a 15mila. aziende.

Non solo coloro che erano online prima della pandemia hanno beneficiato del boom. – Entro la fine di aprile, il numero di negozi online in Polonia è aumentato di quasi 1,7 mila. – afferma Tomasz Starzyk, portavoce di Bisnode Polska. Ciò significa che il loro numero è già oltre 40.000.

Secondo i sondaggi, oltre il 60% di loro ha acquistato online. Utenti Internet, e il risultato di quest’anno sarà sicuramente molto più alto, anche se solo una piccola parte dei nuovi acquirenti rimarrà in questo canale di vendita.

LEGGI ANCHE: Pandemia di carburante per lo shopping online. Chi vince di più?

I dati della piattaforma Shoper, che opera in oltre 13.000 negozi, mostrano che ad aprile il volume delle vendite nei negozi di alimentari è aumentato del 374% e nelle farmacie
126 per cento

– A marzo sono aumentati i negozi online, le farmacie online e i negozi di giocattoli elettronici e ad aprile i venditori di apparecchiature informatiche e articoli per la casa e il giardino hanno registrato record, afferma Oliwia Tomalik, responsabile marketing di Shoper. Stiamo parlando di salti di diverse centinaia percento, il che significa che molti nuovi clienti sono entrati online.

– Aumenti così cospicui si rivelano “stagionali”, ma l’ondata di crescente interesse dovrebbe continuare per qualche tempo – aggiunge Oliwia Tomalik. “Diversi milioni di persone che in precedenza hanno effettuato acquisti online solo occasionalmente hanno scoperto di poterlo fare non solo in situazioni speciali ma anche quotidianamente”, aggiunge.

– La pandemia ha guadagnato slancio nell’e-commerce e molte aziende hanno capito quanto sia importante ora vendere e acquistare online. La riorganizzazione del mercato suggerisce già che gli investimenti di marketing saranno diretti all’e-commerce a spese dei punti vendita fissi, afferma Dagmara Plata-Alf, esperta di marketing online di ALK.

LEGGI ANCHE: L’assedio dei negozi online è in pieno svolgimento. Cosa c’è di nuovo?

– Dopo aver trasferito la propria attività alla rete, molte aziende non rinunciano perché anche i loro clienti si sono trasferiti lì. Possiamo aspettarci che la tendenza al rialzo degli ultimi anni continui, aggiunge.


Cyfrowa.rp.pl

L’aumento delle vendite online non è sufficiente per le aziende di abbigliamento, non è realistico coprire le perdite dei negozi di piedi in pietra in questo modo. – Negli edifici dei piccoli centri il calo del traffico è il più contenuto, con un 10-15%, mentre nelle città più grandi con più di 500.000 abitanti. i residenti stanno già raggiungendo il 50 per cento. – afferma Sławomir Łoboda, vicepresidente di LPP, membro del consiglio dell’Associazione polacca dei datori di lavoro nel commercio e nei servizi. – In questa situazione, l’industria non può permettersi affitti a livelli pre-pandemici – aggiunge. Pertanto, l’associazione vuole che gli affitti dipendano dal fatturato nel periodo più difficile del settore, che potrebbe essere garantito da un apposito regolamento. Il ministero dello Sviluppo ha informato la Rzeczpospolita che al momento non intendeva lavorare su tali regolamenti. Pertanto, i commercianti devono negoziare le nuove tariffe di noleggio separatamente con i centri commerciali.

Aiuto per le imprese

A marzo, Allegro ha lanciato un pacchetto del valore di 30 milioni di PLN per i venditori. – Abbiamo modificato, tra l’altro, il periodo di riscossione delle commissioni di 60 giorni, indipendentemente dalle modifiche annunciate nelle normative e nei listini. Abbiamo dato ai nuovi venditori l’opportunità di fare trading gratuitamente per tre mesi, afferma l’ufficio stampa dell’azienda. Di conseguenza, solo ad aprile ha registrato il 9.000esimo nuovo, dando uno ogni cinque minuti. Ad aprile, i venditori hanno anche fatto quasi tre volte più offerte della media mensile.

Anche la piattaforma Ceneo si è affrettata a supportare. “Nell’ambito di queste attività, a condizioni favorevoli, abbiamo fornito loro strumenti per promuovere le loro offerte e abbiamo ridotto le commissioni per i negozi che vendono sul servizio Buy Now”, afferma Tomasz Jankowski, portavoce di Ceneo. – Nel solo mese di aprile, il loro numero è aumentato di oltre il 23% su Ceneo.pl. rispetto all’anno scorso. Ci sono molti segnali che otterremo un risultato simile a maggio. È interessante notare che nel nostro caso, aprile è stato un numero record di visite dei clienti. Ne abbiamo salvati quasi 81 milioni – aggiunge.

Orologio per gli arrivi in ​​ritardo

Certo, non tutti sono sostenibili. – Uno dei settori che ha beneficiato della pandemia è la vendita di generi alimentari tramite Internet. Tuttavia, non credo che tali risultati rimarranno sostenibili – afferma Krystian Wesołowski, esperto di Blue Media. – Le persone tornano al classico modello della spesa, tanto più che puoi “toccare” frutta o verdura al mercato all’aperto e guardare attraverso il vetro del frigorifero i prodotti che compri nel tuo negozio di salumi preferito. – Aggiunge.

LEGGI ANCHE: Gli articoli sportivi sono un successo nello shopping online. Numero sorprendente 1

– Il periodo della pandemia ha indubbiamente aumentato il numero dei consumatori su Internet, ma ha anche cambiato le loro abitudini di acquisto. Non solo in Polonia, ma in tutto il mondo. I negozi multicanale mostrano chiaramente guadagni, ma solo sul canale online. Anche dopo il blocco economico, il canale offline non sarà in grado di compensare le perdite aziendali, afferma Patrycja Sass-Staniszewska, presidente della Camera dell’economia elettronica.

Ci sono molte sfide in questo settore. – Il coronavirus ha agito da catalizzatore e ha accelerato anni di tendenze crescenti che sono fiorite nel decennio successivo. Le aziende che hanno investito nella distribuzione in rete hanno imparato i vantaggi di questo canale, poiché spesso è l’unica fonte di entrate, afferma Bartosz Górecki, brand manager di merce.com. – Queste aziende continueranno a sviluppare questo canale di vendita e incoraggiare gli acquisti online attraverso campagne di marketing. Chiunque investa in un canale online ora che il mercato è ancora piccolo ne trarrà vantaggio. Coloro che sono in ritardo e vogliono accaparrarsi un pezzo della torta del negozio online quando il Web è pieno dovranno lavorare di più – aggiunge.

Leave a Comment