Istruzione domiciliare in Polonia. Fa bene al bambino? – La salute di Wprost

Sempre più genitori stanno valutando un’istruzione diversa da quella fornita dal sistema scolastico pubblico o privato. Inoltre, questa tendenza potrebbe essere esacerbata dalla pandemia di coronavirus che ha costretto l’apprendimento a distanza nella maggior parte delle istituzioni educative. A causa dell’enorme caos nel sistema educativo dell’epoca, molti genitori iniziarono a chiedersi se una scuola del genere aiutasse davvero a sviluppare abilità o se solo aggravasse lo stress e l’insicurezza degli studenti.

Tuttavia, l’homeschooling ha preso piede anche prima della pandemia di coronavirus. Secondo le statistiche del Ministero dell’Istruzione, a settembre 2017, c’erano 13.955 bambini che frequentavano l’istruzione domiciliare in quell’anno, il 26% in più rispetto all’anno precedente. La maggior parte di questo gruppo, l’86% (12.025), sono studenti delle scuole primarie.

Homeschooling – possibile anche secondo la legge polacca

In Polonia, ogni bambino di età compresa tra i 6 ei 18 anni deve frequentare la scuola. La legge consente – in senso formale e giuridico – ai bambini di apprendere al di fuori dell’ambiente scolastico istituzionale. Il più delle volte si svolge in una casa familiare, in condizioni concordate dagli stessi genitori. Gli insegnanti del bambino possono essere: genitori, tutori legali o altre persone designate dai genitori o tutori. Questa forma di istruzione è decisa dal preside della scuola in cui il bambino è ammesso su richiesta di un genitore o tutore legale. In Polonia, l’homeschooling è possibile dal 1991.

Come vengono monitorati i progressi dei bambini?

Il bambino viene valutato sulla base delle valutazioni dopo ogni anno di studio. L’ambito degli esami è deciso dal dirigente scolastico. Dopo aver superato gli esami, il bambino riceverà un certificato di completamento della classe. Secondo il sito web del governo, il voto per comportamento, musica, arte, tecnologia ed educazione fisica non è scritto sul certificato. L’istruzione domiciliare può essere annullata in qualsiasi momento su richiesta dei genitori e nel caso in cui il bambino non abbia superato gli esami di maturità.

L’istruzione domestica fa bene a un bambino?

C’è poca ricerca completa sull’homeschooling. Le analisi attuali mostrano che i bambini che apprendono in questo stato generalmente ottengono buoni risultati nei test standardizzati e prosperano come lavoratori adulti. Uno studio del 2016 ha rilevato che i risultati di apprendimento dei bambini istruiti a casa variano. Il motivo dovevano essere le “diverse motivazioni dei genitori” che possono o meno dare priorità ai voti accademici rispetto ad altri voti. Uno studio australiano del 2014, d’altra parte, mostra che gli studenti con istruzione domestica ottengono punteggi più alti rispetto a una determinata area.

Per quanto riguarda i vantaggi dell’homeschooling, si distinguono principalmente:

  • Flessibilità per adattare il curriculum a ciascun bambino;
  • Opportunità per un approccio pedagogico diverso da quello tipico delle scuole istituzionali;
  • Un caldo ambiente familiare è la migliore base per lo sviluppo sociale;
  • Efficienza nell’apprendimento grazie al basso rapporto studenti-insegnanti;
  • Soddisfare gli attuali bisogni emotivi, comportamentali e fisici di un bambino;
  • Tempo di divertimento, apprendimento all’aria aperta, progetti ed esperimenti interessanti;
  • Creazione di stretti rapporti familiari, forte legame con genitori e fratelli.

Vale la pena passare all’homeschooling?

Tuttavia, se stai pensando di educare i bambini a casa, ci sono molti fattori che devono essere considerati per garantirne il beneficio. Una delle prime cose da considerare è che l’homeschooling è un grande cambiamento nello stile di vita. Scegliendo l’istruzione domiciliare, ti assumi le responsabilità e i doveri sia dell’insegnante che del genitore di prenderti cura di loro. Dovresti seguire le lezioni, organizzare viaggi e assicurarti di seguire un curriculum come la scuola.

Motivi per cui i genitori scelgono l’homeschooling:

Secondo il British High Speed ​​Training Center, i motivi più comuni per cui i genitori scelgono di studiare in un orfanotrofio sono:

  • Insoddisfazione per il sistema scolastico – per esempio, avversione al curriculum nazionale;
  • Problemi di salute del bambino – fobia scolastica, ansia da separazione o depressione;
  • Bisogni educativi speciali insoddisfatti nel sistema scolastico – es. dislessia, autismo;
  • Bullismo su un bambino da parte di coetanei e persino insegnanti;
  • la riluttanza o l’incapacità del bambino di andare a scuola;
  • Come misura a breve termine per un motivo specifico;
  • Visioni ideologiche dei genitori;
  • A pochi passi dalla scuola locale.

Leggi anche:
I primi cinque anni di scuola del bambino svolgono un ruolo significativo nell’età adulta

Leave a Comment