Interior design possibile senza IVA? – eGospodarka.pl

Solo la prestazione di servizi di decorazione d’interni nell’ambito di un’impresa può beneficiare di un’esenzione soggettiva IVA – dichiarata dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate in data 01.04.2021 in un’unica interpretazione 0114-KDIP1-3.4012.80.2021.2. PRM.

Leggi anche:

Studio di progettazione con esenzione IVA

Quali dubbi ha spiegato l’Agenzia delle Entrate?

Il richiedente intende costituire una società di interior design (codice PKD 74.10.Z: “Attività di progettazione speciale”) – principalmente a beneficio di persone fisiche che non esercitano un’attività commerciale.

Il servizio comprende l’ispezione visiva della stanza, la presa delle dimensioni e la disposizione della stanza, l’ascolto delle esigenze del cliente, la sua visione dell’aspetto della stanza, delle attrezzature, delle forniture, ecc. e quindi la progettazione in un programma per computer – visualizzazione della stanza, ad esempio bagno, cucina , camera con mobili, arredi e accessori.

Il richiedente non intende essere un elemento di consulenza nella scelta di attrezzature, mobili e arredi, ad esempio, come parte del servizio. Il richiedente progetterà l’interno solo secondo le istruzioni e le esigenze del cliente ed eventualmente riparerà il progetto nella misura indicata dal cliente.

Il valore delle vendite nel 2021 non supererà i 200.000 PLN in relazione al periodo lavorativo.

L’interessato non fornisce servizi di consulenza ai clienti. Ci possono essere solo casi in cui deve giustificare l’Interior Design in un certo modo.

Il richiedente chiedeva se poteva ottenere un’esenzione soggettiva dell’IVA quando prestava servizi di interior design? Nel caso di specie, l’Agenzia delle Entrate ha preso la seguente posizione:

“(…) L’articolo 5 della legge dell’11 marzo 2004 sull’imposta sui beni e servizi (Journal of Laws 2020, articolo 106, come modificato), comma 1 (1) (1), di seguito la legge, è riscosse sulla suddetta consegna di merci e servizi a pagamento all’interno del paese.

foto. pixabay.com

Designer d’interni e partita IVA

Solo le Funzioni Selezionate escludono il diritto all’esenzione soggettiva dell’IVA. Questi sono ad es. servizi di consulenza ampiamente conosciuti. Non esiste una definizione di servizi di consulenza nella legge sull’IVA, quindi l’ufficio delle imposte utilizza qui una definizione del dizionario. Secondo esso, i servizi di consulenza non riguardano solo l’interior design.

Merci Art. Secondo il comma 2 (6) della legge, ci sono cose e loro parti così come tutte le forme di energia.

Arte. 7 sec. Con la consegna della merce di cui al punto 1. 5 sec. Il comma 1, comma 1, deve intendersi come un trasferimento del controllo del titolare della merce (…).

Arte. 8 sec. Fornendo i servizi di cui alla sezione 1. 5 sec. Il paragrafo 1, paragrafo 1, indica un servizio fornito a una persona fisica o giuridica, oa un’entità organizzativa priva di personalità giuridica, che non è una cessione di beni ai sensi dell’articolo 11. 7 (…).

Tuttavia, qualsiasi attività che costituisca una fornitura di beni o servizi ai sensi dell’articolo 1. 7 sec. 1 e artt. 8 sec. Secondo la sezione 1 della legge, beni e servizi devono essere tassati. Affinché una determinata attività possa essere tassata su beni e servizi, deve essere svolta da un soggetto passivo.

Arte. Articolo 2 (22) della legge – vendita significa la cessione di beni a titolo oneroso e la prestazione di servizi a titolo oneroso all’interno del territorio del paese, l’esportazione di beni e la cessione intracomunitaria di beni.

Arte. 15 sec. Ai sensi dell’articolo 1 della legge, sono soggetti passivi le persone giuridiche, unità organizzative prive di personalità giuridica, e una persona fisica che esercita autonomamente l’attività economica di cui al comma 1. 2, indipendentemente dallo scopo o dall’esito di tale azione.

Arte. 15 sec. Secondo la sezione 2 della legge, le attività commerciali coprono tutte le attività di produttori, commercianti o fornitori di servizi, compresi i fornitori e gli agricoltori di risorse naturali, nonché le attività indipendenti. Le attività economiche comprendono, in particolare, le attività consistenti nell’uso continuativo di beni o attività immateriali a fini commerciali.

Si precisa che il legislatore prevede l’esenzione dall’IVA per un determinato gruppo di soggetti passivi. Le disposizioni in tal senso sono contenute nell’art. Sezione 113 della legge.

Arte. 113 posti. Ai sensi dell’articolo 1 della legge, le vendite effettuate da soggetti passivi il cui valore delle vendite non ha superato 200 000 PLN nell’anno fiscale precedente sono esenti. L’importo dell’imposta non è incluso nel valore di vendita.

Arte. 113 posti. I soggetti passivi di cui alla sezione 4. Ai sensi dei commi 1 e 9 può derogare alla deroga prevista dal comma 1. Disposizioni 1 e 9, a condizione che l’intenzione sia comunicata per iscritto al responsabile dell’Agenzia delle Entrate prima dell’inizio del mese in cui si recede dall’esenzione e, nel caso di soggetti passivi che iniziano l’imposta nel corso dell’anno, il soggetto passivo attività. 1. che intendono derogare all’esenzione dalla prima attività svolta – prima della data in cui tale attività è svolta.

Circa la fornitura dell’art. 113 posti. Ai sensi della sezione 5 (2) della legge, ne consegue che se il valore della vendita è esente ai sensi della sezione 2. 1 eccede l’importo di cui al comma. 1, l’esenzione cessa di applicarsi alle attività in cui tale importo viene superato.

Tuttavia, l’art. 113 posti. Secondo la sezione 9 della legge, le operazioni effettuate da un soggetto passivo durante un anno fiscale che svolgono le attività di cui alla sezione 30. 5, se il valore di stima della vendita non eccede l’importo di cui al comma 1 in proporzione al periodo di attività economica nell’anno d’imposta. 1.

Se, ai sensi dell’articolo 9, il valore effettivo della vendita, in relazione al periodo di attività economica, eccede l’importo previsto dal comma 1, l’esenzione cessa di applicarsi all’attività in cui tale importo è superato (articolo 113 (10) della Legge). Il soggetto passivo che ha perso o rinunciato a tale esenzione può, al più presto un anno dopo la fine dell’anno in cui ha perso o rinunciato all’esenzione, avvalersi dell’esenzione. Di cui al comma 1. 1 (articolo 113, comma 11, della legge).

Arte. 113 posti. Le esenzioni previste dall’articolo 13, comma 2, 1 e 9, della legge non si applicano ai soggetti passivi che prestano servizi:
a. legale,
b. consulenze, escluse le consulenze agrarie relative alla coltivazione e all’allevamento di piante e all’allevamento e trasformazione degli animali, e le consulenze relative all’elaborazione di un piano di sviluppo e ammodernamento dell’azienda agricola,
c. gioielleria,
d. raccolta, compreso il factoring.

Come accennato in precedenza, l’art. 113 posti. 13 punti 2 lett. (b) l’atto di cui al comma 1. Le disposizioni 1 e 9 non si applicano ai soggetti passivi che prestano servizi di consulenza, ad eccezione della consulenza agricola relativa alla coltivazione e trasformazione delle piante e all’allevamento e allevamento di animali e alla redazione di un piano di sviluppo e all’ammodernamento di un’azienda. Alla luce di quanto sopra, si segnala che i servizi di consulenza (ad eccezione del precedente articolo 113, paragrafo 13, paragrafo 2, lettera b)) non possono beneficiare dell’esenzione prevista dal presente articolo. 113 posti. Sezioni 1 e 9.

La legge e le sue disposizioni di attuazione non definiscono la nozione di servizio di consulenza. Come è generalmente inteso, il termine “consulenza” copre una gamma di servizi di consulenza, come servizi fiscali, legali e finanziari. Poiché non esiste una definizione di consulenza nella legge, si dovrebbe fare riferimento a un’interpretazione linguistica. Secondo la definizione nel dizionario online della lingua polacca del PWN (www.sjp.pwn.pl), il termine “consiglio” dovrebbe essere inteso come “chi dà consigli”. D’altra parte, “consiglio” significa, secondo il summenzionato Dizionario della lingua polacca PWN, “dare consigli, mostrare il modo di agire”. Una direzione simile è mostrata anche dal linguaggio colloquiale della parola, secondo il quale “counseling” significa dare consigli, opinioni e spiegazioni. La consulenza è quindi la fornitura di pareri e consigli professionali, ad esempio finanziari o finanziari. (…)

Con riferimento a quanto sopra, si precisa che un soggetto passivo può beneficiare dell’esenzione fiscale per i motivi e secondo i principi di cui all’articolo 30. 113 posti. Gli articoli 1 e 9 della legge prevedono che non svolga le attività di cui al comma 1. 113 posti. Sezione 13 della legge.

Come si evince dalla descrizione del caso, la ricorrente svolge attività di interior design nell’ambito della propria attività. Le attività svolte dal richiedente, come richiesto, non comprendono la prestazione di servizi di consulenza o la fornitura di beni o servizi di cui all’articolo 11. 113 posti. Sezione 13 della legge sull’IVA. Inoltre, il valore delle vendite pianificate del richiedente per il 2021 non supererà i 200.000 PLN in relazione al periodo di attività.

Si deve quindi ritenere che il ricorrente esercita attività nell’ambito di cui sopra ha diritto a beneficiare dell’imposta sui beni e servizi.

Si segnala, tuttavia, che il richiedente perde la suddetta esenzione per la prestazione di attività di consulenza – ad eccezione della consulenza agricola in materia di colture e allevamento e zootecnia e la predisposizione di un piano di sviluppo e ammodernamento dell’azienda agricola – o altre attività elencate al punto . 113 posti. Sezione 13 della legge.

Pertanto, poiché il richiedente non intende prestare servizi di consulenza o fornire i beni o servizi di cui alla sezione nell’attività economica prevista relativa all’interior design – come descritto nella causa. 113 posti. 13 e il valore delle vendite di servizi previste dal richiedente non supera 200 000 PLN in relazione al periodo di attività nel 2021 e negli anni successivi 200 000 PLN, egli può beneficiare di tale esenzione. – Arte. 113 posti. 9 e artt. 113 posti. § 1 della legge. (…) “

Il testo integrale dell’interpretazione è disponibile sul sito del Ministero delle Finanze

Leave a Comment