I centri commerciali stanno diventando entità multiuso

La nuova generazione di centri commerciali ha da offrire molto di più degli scaffali, altrimenti spariranno dalla faccia della terra. La tendenza mutevole della galleria sta guadagnando slancio.

L’atrio, che ha 12 centri in Polonia – Varsavia, Breslavia, Bydgoszcz, Białystok, Toruń, Stettino, Piła e Płock – ha progetti ambiziosi. – Il portafoglio comprende sia proprietà come il grande magazzino Wars Sawa Junior – uno dei primi centri commerciali in Polonia e molto più giovani, come l’apertura di Focus a Bydgoszcz nel 2008 – afferma Graham Kilbane, CEO di Atrium Group.

Aggiunge che la società ha progetti per “aggiungere edifici residenziali e commerciali al suo terreno libero adiacente ai centri, purché il layout lo consenta”. E se il piano ha più di dieci anni, l’azienda vuole avviare il processo di modifica.

Aggiunta di una funzione

Graham Kilbane sottolinea che Atrium non ha in programma di demolire i locali commerciali. – Il nostro obiettivo è trasformarli in centri multifunzionali aggiungendo nuove funzioni residenziali, di ufficio e di intrattenimento – sottolinea. – La moderna tecnologia consente di aggiungere unità prefabbricate sopra i centri commerciali senza interrompere il loro lavoro. La Polonia è un pioniere in tali soluzioni tecnologiche – sottolinea.

Atrium ha stabilito una nuova linea di business concentrandosi sull’espansione della propria attività con alloggi in affitto. L’azienda sta attualmente valutando le potenzialità dei lotti, alcuni dei quali si trovano in prossimità dei centri commerciali.

Il direttore di Kilbanen sottolinea che l’azienda sta investendo nell’ampliamento e nell’ammodernamento dei locali commerciali in Polonia. La Galleria Atrium Reduta, ampliata nella capitale nel 2004, è stata sistematicamente rinnovata dal 2018, ad esempio. un cinema a sei sale e una palestra. A giugno è entrato in galleria un nuovo campo alimentare, Przystanek Smaku, con un parco giochi per bambini. Nel quarto trimestre verrà aperta la WOW Zone, uno spazio interattivo per bambini e genitori. Anche la Galleria Atrium Targówek è stata ampliata e modernizzata a oltre 8.000 metri quadrati. metri quadrati Tra gli altri, una nuova ala sulla via della moda. L’Atrium Promenada sta cambiando. – Siamo il proprietario europeo dei centri commerciali. La Polonia e Varsavia sono uno dei nostri mercati più importanti. Stiamo crescendo e cambiando, ma i centri commerciali rimangono parte del nostro DNA, conclude Kilbane.

Anche altri centri stanno cambiando. Wrocław Renoma, ad esempio, è in fase di ricostruzione. – Il proprietario ha deciso di lasciare la funzione commerciale ai livelli – 1 e 0. Ai piani superiori, la funzione commerciale si trasformerà in un’attività d’ufficio – afferma Magdalena Czempińska, Head of Market Research presso Knight Frank Consulting. Ricorda che i locali commerciali della Galleria Drukarnia a Bydgoszcz hanno in gran parte sostituito gli uffici. – Dopo le modifiche, è stato ribattezzato Bydgoszcz Financial Center – afferma il direttore.

Il mercato si interroga sul destino della Galleria Malta di Poznań. Già l’anno scorso, la domanda era se un condominio, ad esempio, sarebbe cresciuto nella fattoria. La città sta preparando le modifiche allo studio di zonizzazione. E Malta?

– La Galeria Malta ha implementato una strategia di sviluppo biennale per creare uno spazio unico e complementare sulla mappa di Poznań, riunendo diverse forme di attività sociale e tempo libero sotto lo stesso tetto, afferma Monika Krzywicka, direttrice del Centro. chiesto informazioni sui progetti della galleria. – Lo sviluppo coerente di questa idea soddisfa le aspettative dei clienti e le tendenze del mercato. Il concetto si adatta naturalmente alla posizione della galleria. L’area che circonda il lago è uno dei luoghi di svago della famiglia, eventi sportivi di massa e una varietà di attività all’aperto.

Autopromozione


Opportunità unica

Accesso annuale ai contenuti parkiet.com a metà prezzo

ACQUISTA ORA


Il regista aggiunge che Malta è uno dei più grandi centri commerciali e di intrattenimento di Poznań. I 54mila metri quadrati di superficie commerciale si trovano in negozi e punti di servizio in diversi settori. – La pandemia ha fermato molte delle nostre iniziative. Tuttavia, con la revoca delle restrizioni, siamo partiti con nuove aperture. Malta ha recentemente aderito, ad es. Scuola di ballo Ritmo e Clinica per l’allattamento al seno – sottolinea.

Per diverse marche

Fort Wola, chiuso nella capitale qualche anno fa, si prepara alla riapertura. L’investitore Mayland Real Estate afferma di voler aprire la galleria il prima possibile, ma non accadrà fino al 2022. – Il nuovo Fort Wola è un progetto per trasformare il centro commerciale di prima generazione in un luogo conveniente per lo shopping quotidiano, spiega Agata Uszyńska di Mayland Real Estate. – L’interno dell’oggetto sta subendo una profonda metamorfosi. L’offerta del negozio e il segmento dell’esperienza del cliente sono stati adattati alle ultime tendenze. Nella commercializzazione, diamo grande importanza ai beni per la casa, ai servizi, alla moda e, naturalmente, al cibo. Prendono oltre il 60 percento. 23mila metri quadrati del Dipartimento di GLA. Attribuiamo grande importanza allo spazio abitativo. Il processo di noleggio è in corso. Agata Uszyńska garantisce che l’interesse degli inquilini sia elevato, ad es. chi cerca un posto dopo la chiusura di Górczewska Tesco. – Le strutture sono progettate in modo che ci sia molto più spazio per i marchi che hanno bisogno di spazio rispetto alle piccole imprese locali – sottolinea.

Wioleta Wojtczak, responsabile del dipartimento di ricerca e analisi della società di consulenza Savills, ricorda che i primi moderni punti vendita al dettaglio in Polonia sono stati aperti nella prima metà degli anni ’90, alcuni dei quali hanno quasi 30 anni. – In questo periodo molto è cambiato, è aumentato il numero di nuovi locali più competitivi, sono aumentate le aziende e gli inquilini con negozi in locali commerciali, si sono sviluppate le esigenze dei clienti, è emerso l’e-commerce – afferma.

Lunghi processi confidenziali

Non tutte le istituzioni hanno risposto rapidamente a questi cambiamenti. Alcuni, come sottolinea il direttore Wojtczak, sono rimasti relativamente invariati. Alcuni di loro non sono sopravvissuti. Ad esempio, il centro commerciale di Sosnowiec è stato demolito. “Un’ottima alternativa alle operazioni commerciali qui è stata l’operazione di deposito, motivo per cui Hillwood ha costruito un centro logistico e di deposito in quest’area”, afferma un esperto di Savills. – Devono essere smantellati, ad esempio, Echo Investment ha acquistato i locali di Tesco. Al loro posto, il costruttore sta progettando strutture polivalenti.

Wioleta Wojtczak non esclude che diverse aree commerciali cambieranno la loro attività nei prossimi anni, il che potrebbe significare la demolizione di edifici. – Tutti questi passaggi sono preceduti da analisi approfondite che mostrano quali funzioni sono migliori nelle posizioni indicate.

Quali gallerie possono condividere il destino del centro di Sosnowiec? – Tali informazioni sono raramente fornite dai proprietari di immobili nella fase di pianificazione degli investimenti. Ciò è dovuto ad es. sulle locazioni nei centri – spiega Magdalena Czempińska. – Il cambiamento dell’uso di un edificio o di una demolizione è molto spesso associato a un cambiamento nello sviluppo regionale. Di solito si tratta di processi lunghi e complessi. Inoltre, la situazione pre-pandemia relativamente buona nel mercato al dettaglio ha spinto gli sviluppatori a investire nella modernizzazione delle strutture piuttosto che nello smantellamento. Le aziende presumono che una pandemia non durerà per sempre. Alcuni di loro trascorrono questo tempo a prepararsi per tali ammodernamenti.

E Wioleta Wojtczak sottolinea che la maggior parte delle strutture commerciali stanno gradualmente tornando al traffico pre-pandemia. – C’è anche chi ha quasi raggiunto questo livello. I centri commerciali in buone posizioni stanno andando molto bene, così come molti negozi di alimentari, alimentari e ipermercati, dice. – Il mercato al dettaglio polacco è un mercato maturo. La distinzione tra strutture che soddisfano le esigenze di nuovi clienti ben posizionati e che stanno investendo nel cambiamento, e quelle che devono cercare una nuova idea per se stesse, sta diventando sempre più visibile.

Leave a Comment