Come organizzare un ufficio a casa? L’interior designer risponde alle domande più importanti

All’inizio della pandemia, pensavamo tutti che la necessità del telelavoro fosse temporanea. Con il tempo, però, e con i datori di lavoro, abbiamo scoperto che è possibile lavorare in modo efficiente da casa. Anche ora, quando potremmo lentamente tornare negli uffici, non vogliamo farlo. Ma come mantenere una schiena sana e una motivazione adeguata se lo spazio quotidiano diventa anche ufficio? I produttori di mobili come VANK offrono molte soluzioni che possono aiutare: display acustici adeguati, sedie comode e di bell’aspetto, scrivanie regolabili in altezza o oggetti realizzati con materiali ecologici. Bartłomiej dello studio Bajon PL.architekci ha raccontato come vengono utilizzati nella pratica a casa.

Noizz.pl: Cosa ha cambiato la pandemia nel nostro modo di pensare al lavoro da casa?

Bartłomiej Bajon: La pandemia ci ha mostrato al meglio che le case non sono progettate per funzionare al loro interno. In un certo senso è naturale, poiché questo spazio dovrebbe fungere da luogo di ritrovo dopo il lavoro. Tuttavia, la situazione ci ha costretto a cambiare questa situazione. Il problema più grande per molti, quindi, era la mancanza di una sala studio separata e quindi di un’acustica adeguata o addirittura di una sedia e una scrivania ergonomiche. Tutti questi problemi si sono accumulati e abbiamo dovuto cercare soluzioni perché non potevamo lavorare a lungo termine in condizioni in cui ci sono così tante distrazioni intorno a noi, soprattutto quando non viviamo da soli o non abbiamo figli.

Durante una pandemia, molte persone si sono divertite a lavorare a distanza dal letto, sul divano, al tavolo della cucina o anche nella vasca da bagno. Creare un posto separato e più professionale a casa è davvero così importante come dicono alcuni?

All’inizio della pandemia pensavamo di no, perché questa è una situazione una tantum, ma ora stiamo assistendo a una tendenza che anche se potessimo tornare al lavoro, decideremmo di restare a casa. Le aziende, d’altra parte, hanno scoperto che i dipendenti a casa sono altrettanto efficienti, quindi spesso pagano un extra per acquistare le attrezzature e i mobili giusti per svolgere attività a distanza. Quindi dobbiamo trovare soluzioni che funzionino ogni giorno.

A cosa dovremmo prestare attenzione quando organizziamo uno spazio di lavoro a casa?

Innanzitutto per la nostra salute. Non dovremmo sederci sul divano o sdraiarci sul letto, perché anche se in questo momento non lo sentiamo, la nostra colonna vertebrale sente il cambiamento lentamente e, quando si sente, di solito è troppo tardi per uscire facilmente dal problema. Ecco perché la sedia giusta è così importante: è difficile trovarne una comoda ma che non assomigli a una classica sedia da ufficio. Dobbiamo cercare un prodotto ergonomico e di bell’aspetto. I produttori rispondono sempre più alla domanda del mercato. Ci sono serie di mobili come VANK RING che cercano un compromesso tra comfort e design. Gli articoli alla moda possono anche essere pratici, in stile ufficio. Un’altra cosa importante è il giusto mobile contenitore. È bene avere un contenitore o un guardaroba dove riporre le tue cose dopo il lavoro, soprattutto se non abbiamo un ufficio.


Sedia girevole VANK RING

Foto: Piotr Frąckowiak, @podmiastem / per gentile concessione di VANK

VANK_RING

VANK_RING

Foto: Piotr Frąckowiak, @podmiastem / per gentile concessione di VANK

Bene, cosa fare quando non abbiamo uno spazio di lavoro separato?

Fino ad ora, ci siamo adoperati per una casa a struttura aperta in cui tutte le strutture sono interconnesse, ma ora possiamo vedere chiaramente che abbiamo solo bisogno delle strutture separatamente. Molti di noi non possono chiudersi in uno studio o in una cucina separata, nessun muro ci separa dal rumore. In una situazione come questa, penso che sia molto importante garantire la giusta acustica. Nel telelavoro, chiamiamo spesso. Uno spazio aperto o poco isolato non solo interferisce con la nostra conversazione, ma anche con gli altri membri della famiglia nelle loro attività quotidiane. Se non abbiamo un ufficio separato, vale la pena concentrarsi sulle partizioni acustiche. Durante il lavoro, puoi proteggerti con loro, quindi sono facili da nascondere o mettere da parte, quindi non occupano spazio.

display acustico VANK_WALL_3, poltrona girevole VANK_V6, scrivania VANK_MOVE con regolazione dell'altezza

display acustico VANK_WALL_3, poltrona girevole VANK_V6, scrivania VANK_MOVE con regolazione dell’altezza

Foto: Piotr Frąckowiak, @podmiastem / per gentile concessione di VANK

Quali sono gli errori più comuni nell’organizzazione dello spazio di lavoro?

Quello che possiamo considerare un errore dal nostro punto di vista attuale è stato molto tempo fa. Prima della pandemia, nessuno si aspettava che lavorasse da casa per diverse ore al giorno. Piuttosto, abbiamo pensato che sarebbe stato un lavoro sciolto in una dozzina di minuti. Ecco perché abbiamo voluto creare gli spazi aperti di cui ho parlato. Abbiamo preparato l’angolo per il lavoro, ma non tutto il giorno. Ecco perché attualmente abbiamo un problema con due fattori: silenzio e sfondo. Riorganizzare uno spazio del genere richiede soluzioni creative a cui a volte non pensiamo, come avventure acustiche estetiche o una grande scrivania che può trasformarsi in un tavolo dopo il lavoro.

È possibile mantenere un certo spazio “casalingo” in modo che questo luogo non sia troppo rigido?

Tre semplici suggerimenti sono trovare la tenda rimovibile giusta, una buona soluzione di archiviazione e utilizzare qualsiasi oggetto che potrebbe essere più utile. Una scrivania regolabile, se è abbastanza grande e scegliamo di rifinirla, può diventare un tavolo da pranzo. Può essere riorganizzato e posizionato su una tovaglia. Se invece la sedia è compatibile con altri mobili ed è comoda da lavorare, può diventare un accessorio di stile dopo l’orario di lavoro. Quindi non abbiamo l’impressione che lo spazio sia fresco e non molto accogliente.

VANK_MOVE ambiente dell'ufficio

VANK_MOVE ambiente dell’ufficio

Foto: VANK

Cosa succede se due persone devono lavorare da casa contemporaneamente, ascoltandosi a vicenda durante una conferenza web, ad esempio?

Posso rispondere per esperienza personale perché abbiamo tre bambini piccoli e abbiamo lavorato da casa. Questa è una situazione molto difficile e non ha senso illuderci che operare in uno spazio comune in tali circostanze richieda una grande determinazione. Con due persone, posso immaginare che potrebbe ancora funzionare, ma i bambini sono sempre molto confusi e rumorosi. Ancora una volta, la chiave è garantire condizioni acustiche adeguate in una situazione del genere. In questa situazione gli schermi sono la soluzione più comoda perché puoi sistemarli come vuoi e dopo un’ora possono diventare un elemento di divertimento per i bambini.

VANK_WALL parete acustica

VANK_WALL parete acustica

Foto: Piotr Frąckowiak, @podmiastem / per gentile concessione di VANK

In ufficio, non possiamo decidere come sarà il nostro spazio di lavoro. A casa è diverso. Nel nostro spazio siamo responsabili delle nostre scelte, comprese quelle legate all’ecologia. Siamo più propensi a raggiungere prodotti realizzati con materiali riciclati?

Cresce la consapevolezza da parte dei destinatari dei materiali ecologici e sono sempre più ricercati. Sempre più giovani lavorano da casa e la loro conoscenza ambientale è molto superiore a quella delle generazioni più anziane, quindi le aziende che producono mobili per i clienti più giovani spesso seguono questa tendenza. Forse anche loro creano questa tendenza in risposta alle aspettative del pubblico. Dovremmo anche tenere conto di questo aspetto quando organizziamo il nostro spazio per i compiti.

VANK_V6 sedia girevole elementi da rifiuti riciclati: alluminio e plastica

VANK_V6 sedia girevole elementi da rifiuti riciclati: alluminio e plastica

Foto: Piotr Frąckowiak / VANK

VANK_V6 sedia girevole elementi da rifiuti riciclati: alluminio e plastica

VANK_V6 sedia girevole elementi da rifiuti riciclati: alluminio e plastica

Foto: Piotr Frąckowiak / VANK

Bottiglie in PET utilizzate nei non tessuti per il display VANK_WALL_3

Bottiglie in PET utilizzate nei non tessuti per il display VANK_WALL_3

Foto: Piotr Frąckowiak / VANK

La pandemia potrebbe cambiare anche l’aspetto degli uffici stessi? Diventeranno più accoglienti, dominati dall’arredamento e dal carattere dello spazio?

Da qualche anno assistiamo a sempre meno uffici che diventano uffici. Ci sono sempre più aree relax, possiamo lavorare sul divano, alla scrivania, in cucina. La filosofia aziendale è quella di renderlo simile a una casa, consentendo ai dipendenti di rimanere lì più a lungo. Nel periodo post-pandemia, i nostri uffici saranno sicuramente più simili a casa, poiché siamo abituati a lavorare da casa e ci aspettiamo lo stesso comfort dai nostri datori di lavoro. C’è un altro vantaggio in una pandemia: non spendiamo molto per mantenere grandi spazi per uffici, quindi il consumo di energia viene automaticamente ridotto, il che è ecologico.

VANK_RING riunioni in uffici condivisi

VANK_RING riunioni in uffici condivisi

Foto: Marcin Pająk / VANK

La collezione RING è stata creata secondo i principi dello sviluppo sostenibile - ad es.  utilizzare rifiuti di schiuma per tappezzeria

La collezione RING è stata creata secondo i principi dello sviluppo sostenibile – ad es. utilizzare rifiuti di schiuma per tappezzeria

Foto: Natalia Sochacka / VANK

Se stai cercando soluzioni che possano aiutarti a costruire posto perfetto per lavorare da casaGuarda l’offerta VANK. È un produttore di mobili che crea prodotti ideali per organizzare un interno accogliente e professionale allo stesso tempo. Troverai schermi acustici pieghevoli, sedie da ufficio di design che stanno benissimo a casa e scrivanie regolabili. Usali secondo i consigli di Bartłomiej Bajon e il tuo comfort lavorativo sarà sicuramente notevolmente migliorato.

Leave a Comment