Allenarsi di nuovo. Premiato con le modifiche promosse da Wprost Eagles – Wprost

Il Parlamento ha approvato formalmente le modifiche alla formazione nell’aprile di quest’anno. L’emendamento alla legge, che elimina l’obbligo di inserire un alunno nell’istruzione domiciliare in una scuola nel suo paese di residenza e l’obbligo di ottenere una dichiarazione di consulenza psicologica e pedagogica per iniziare l’istruzione domiciliare, ha ricevuto il suo primo sostegno. maggioranza e successivamente fino a 94 senatori.

– Tale accordo parlamentare divisionale si deve principalmente al prof. Zakrzewski – sottolinea il prof. Karol Karski, la cui giuria ha anche deciso di premiare l’Aquila di Wprost.

La famiglia Zakrzewski è una coppia sposata coinvolta nella divulgazione dell’istruzione domiciliare da diversi anni, quindi la nuova legislazione più liberale è comunemente nota come “Legge Zakrzewski”. prof. Karski è stato premiato per il sostegno costante allo sviluppo dell’istruzione individuale. Il comitato del premio ha anche elogiato le attività del Ministero dell’Istruzione e della Scienza, che ha sostenuto i cambiamenti, e Tomasz Rzymkowski, viceministro, era responsabile del ministero.

Leggi anche:
Eagles of WPROST Polonia Istruzione per la famiglia di Paweł e Marzena Zakrzewski

– In questa speciale occasione, posso probabilmente dirlo pubblicamente per la prima volta: questo non è il cambiamento finale nell’attuazione dell’educazione extracurricolare, cioè il cosiddetto “Istruzione domiciliare”. Il nostro ministero sta lavorando per aprire ancora di più la porta ai genitori che vogliono educare i propri figli a casa. Dal prossimo anno aumenteremo il coefficiente da 0,6 a 0,8 nel calcolo degli aiuti alla formazione. Stiamo lavorando per eliminare la regionalizzazione delle attività extracurriculari. Perché oggi uno studente di Suwałki assegnato a una scuola a Stettino dovrebbe esibirsi in un istituto culturale nella capitale della Pomerania occidentale come parte di una visita a un museo, ad esempio, dice Tomasz Rzymkowski.

– Abbiamo ancora molte assurdità nell’istruzione polacca, ma prometto che faremo del nostro meglio a beneficio dei bambini e dei loro genitori – aggiunge il viceministro dell’Istruzione e della Scienza.

– Siamo lieti che gli effetti del lavoro iniziato già nel 2016 siano finalmente visibili. È allora che, dopo un anno trascorso all’estero, abbiamo iniziato a lavorare su nuove normative. La forma di istruzione che abbiamo promosso in precedenza ha dovuto affrontare molti problemi e decine di migliaia di bambini polacchi sono caduti irreversibilmente dal nostro sistema. I genitori sono stati costretti a prescriverli nelle scuole americane, ad esempio, e hanno proseguito gli studi per lo più in università straniere con un diploma di scuola superiore internazionale. Nel nostro mercato del lavoro, queste sono già persone perse – afferma il prof. Paweł Zakrzewski, che è venuto a trovarci con i suoi due figli.

– Siamo decisamente più bravi a scuola a casa. Possiamo decidere quando vogliamo imparare più intensamente e quando vogliamo riposare. Non c’è nessuna costrizione come a scuola. Decidiamo anche quando vogliamo imparare. Non ci sono casi del genere in cui con il bel tempo ci sediamo in una stanza e guardiamo fuori dalla finestra, non ricordando molto più tardi le lezioni. Quando non c’è costrizione, tira anche di più nei libri. C’è più tempo per sviluppare i tuoi interessi e le tue passioni – spiega Basia Zakrzewska.

– Va sottolineato che il nome “homeschooling” è obsoleto. Non siamo legati a un luogo e possiamo imparare viaggiando, per esempio. Ad esempio, posso volare in Colombia e da lì continuare i miei studi. Forse il nome “educazione moderna” funziona meglio – aggiunge Antoś Zakrzewski, che stava venendo a trovarci per un test di inglese al telefono.

– Educazione a domicilio non significa isolamento. Le famiglie cercano di mettere in contatto i propri figli con altri bambini. Ci incontriamo regolarmente. Nel 2012 abbiamo creato villaggi educativi: questa è una cosa molto popolare nel mondo. Abbiamo affittato un centro dove potevano vivere intere famiglie con bambini. Si è scoperto che in due settimane è stato possibile prepararsi per esami esterni. Riguardava i bambini, ad es. atleti, artisti, viaggiatori – sentiamo da Marzena Zakrzewska. – Qui, un bambino di 10 o 12 anni inizia a cercare informazioni lui stesso. Questa è una differenza fondamentale. Uno studente del genere non è chiuso a casa, quindi comunichiamo di più sull’educazione personale o democratica. Oltre ai villaggi, c’erano anche club per l’educazione democratica, dove gli studenti votavano per quello che volevano, aggiunge Paweł Zakrzewski.

La coppia Zakrzewski sottolinea all’unanimità che l’istruzione domestica è un’opportunità per molti bambini. Va, tra l’altro, ai bambini con disabilità, che, grazie alla loro personale forma di educazione, possono prepararsi a lavorare in modo più efficace nella realtà. L’homeschooling è utilizzato anche da polacchi e polacchi sparsi per il mondo che hanno dovuto trasferirsi all’estero solo temporaneamente per reddito. I loro figli non devono affrontare lo stress dell’apprendimento in un paese straniero di cui non parlano la lingua. Il nuovo regolamento renderà la vita più facile anche ai bambini che viaggiano frequentemente per motivi professionali: atleti, musicisti e professionisti. Attualmente, circa 15-20 mila persone utilizzano questa formazione, spesso in modo informale. bambini.

– L’iniziativa è stata approvata nel nostro parlamento in un modo che non accade spesso. Si trattava di dare alle persone delle scelte, non di rinunciare alle persone per frequentare una scuola tradizionale. Non si tratta di coercizione, ma di creare opportunità per coloro che prima erano stati scaraventati ai loro piedi – conclude Karol Karski, aggiungendo che ora una delle sfide principali sarà quella di armonizzare i requisiti dei singoli esaminatori per i responsabili dell’homeschooling. In Polonia.

Leave a Comment