Maturità 2022. Uno studente su tre si prepara con loro quest’anno

Karolina Olejak, Interia.pl: I giovanissimi realizzano cappelli anche per i più giovani. Come puoi descrivere il tuo progetto?

Nataniel Brożnowicz, “Maturalni”: – Il tutorato è relativo alle lezioni individuali. La scuola di specializzazione opera in gruppi. Solo negli ultimi tre mesi abbiamo tenuto lezioni a più di 80.000 studenti. Ciò significa che uno studente su tre ha utilizzato i nostri materiali. C’era una grande richiesta.

Stai andando dove la scuola non può arrivare?

– Sì, perché non ci limitiamo a discutere del curriculum di base. Aiutiamo i giovani a pianificare le loro carriere, organizzare lezioni con uno psicologo, ridurre lo stress e costruire relazioni.

Quanti anni hai?

– Siamo in cinque. Abbiamo 20-27 anni.

Da dove viene l’idea di “Maturalne”?

– Facciamo quello che sappiamo fare meglio, ovvero parliamo ai giovani dei loro problemi e cerchiamo soluzioni.

E cosa ti dicono?

– Quest’anno, gli studenti hanno detto che avevano paura degli esami. Gli ultimi tre anni sono stati una pandemia, l’apprendimento a distanza e, più recentemente, anche la guerra. In molte scuole, l’apprendimento non è andato come avrebbe dovuto. Gli insegnanti e le scuole non erano preparati per il contenuto e le attrezzature delle lezioni a distanza. Per questo motivo, un gran numero di studenti era preoccupato per l’esito del test di maturità. Confronti con i coetanei con cui gareggio per un momento per ottenere un posto per i miei studi da sogno.

Allo stesso tempo, i tassi di tutoraggio sono aumentati. Attualmente, le lezioni con un insegnante davvero bravo costano più di 100 PLN, a volte quasi 200 PLN all’ora. Se consideriamo una serie di una dozzina di incontri di questo tipo su diversi argomenti, le somme possono essere contate a migliaia e pochi possono permetterselo.

Ed ecco che entrate voi, i “laureati”. Correttamente?

– Esattamente! Il primo passo nel diploma di maturità è stato trovare gli insegnanti giusti. Ci siamo appoggiati indietro per contattarli e convincerli della nostra visione. Siamo riusciti ad acquisire non solo appassionati, ma soprattutto persone con una vasta esperienza e conoscenza. Alcuni di loro sono ricercatori del CKE, alcuni influencer, seguiti da centinaia di migliaia di studenti… anche Teacher of the Year 2021 è tra questi.

Insieme a loro, abbiamo deciso dapprima di organizzare più di 100 lezioni gratuite su Facebook, che si svolgevano ogni sera, e in secondo luogo di lanciare i Turbo Weekend in tutta la Polonia, ovvero 6 ore di ripetizioni del materiale dei test di maturità di tutte le materie principali. Più di 80.000 studenti hanno partecipato a lezioni online gratuite, di cui oltre 20.000 persone hanno avuto le trasmissioni più grandi. Turbo Weekends ha visto la partecipazione di oltre 10.000 persone, il che li ha resi i più grandi replay in Polonia.

Le lezioni gratuite su Facebook e le revisioni di sei ore non sono sufficienti per prepararsi all’esame?

– Abbiamo creato il nostro modello per la movimentazione dei materiali. Prendi, per esempio, tale matematica. 10 parti sono coperte prima dell’esame di maturità. Le attività sono generalmente molto ripetitive. I nostri esperti hanno quindi preparato 10 incarichi per ogni reparto. In totale, come è facile contare, ce ne sono 100.

Gli studenti vengono al workshop, che dura 6 ore. Ripetono ciò che è più importante.

Lo stesso con la lingua polacca. Ricordo che a scuola parlavo di “Bambola” per quasi 10 ore. Dal punto di vista dell’esame di maturità, le più importanti sono le 5 scene di questa lettura.

Il nostro insegnante una volta ha sviluppato una teoria a cui ci atteniamo. È un’ottima insegnante con esperienza di insegnamento in scuole polacche e straniere. Ha dichiarato con piena responsabilità delle sue parole che ogni lezione di 45 minuti può essere riassunta fino a 8. È tutto perché ogni lezione legge un elenco di presenze, quindi qualcuno chiede sempre qualcosa, qualcuno arriva con una rivelazione. Tutto richiede tempo.

Ma il test di maturità non è tutto. L’obiettivo della scuola è quello di fornire informazioni generali e solo alcuni frammenti sono protetti per l’esame.

– Non affermiamo che la scuola sia buona o cattiva, necessaria o non necessaria. Non siamo per questo. Chiediamo solo agli studenti: – Ciao, per cosa sei al liceo? Per lo più sentiamo: – Per superare l’esame di maturità.

Non stiamo minando il valore sociale e culturale dell’istruzione. Questo è sicuramente molto importante. Ti aiuteremo a completare il tuo diploma di scuola superiore e ad arrivare agli studi dei tuoi sogni e farti risparmiare tempo.

Il sistema educativo polacco non rispetta il tempo dei giovani?

– Prima della pandemia, uno studente del liceo tecnico trascorreva in media 7-8 ore a scuola. Inoltre, ha trascorso del tempo facendo il pendolare, facendo i compiti e preparandosi per gli esami. Conosco uno studio che mostra che le persone che studiano nelle scuole tecniche dedicano più tempo all’apprendimento rispetto agli adulti che lavorano a tempo pieno.

Ogni giorno ricevo commenti come: – Ho trascorso 420 ore in lezioni di polacco e meno del 5%. questa informazione mi è stata utile al liceo. Tutti quelli che vanno a scuola sanno che non si tratta di 420 ore di studio, ma di essere a scuola.

Per la scuola ei compiti, i giovani spesso devono rinunciare alle proprie passioni o perdere l’occasione di ritrovarle. Alcuni anni dopo, gli stessi adulti che hanno causato la questione hanno detto: “Non stai facendo nulla, sei solo seduto a questo computer”.

Ciò contraddice il rapporto generale secondo cui gli studenti hanno fatto molto male perché erano stati a casa negli ultimi anni. Si scopre che ci sono molti aspetti positivi in ​​questo spazio.

– Siamo andati dagli studenti noi stessi con tale assicurazione. Abbiamo detto loro che erano poveri. Ci hanno spiegato che la verità è un po’ diversa. A loro avviso, l’apprendimento a distanza è, in un certo senso, un privilegio. Non hanno una frusta in testa, non devono stare seduti in ore noiose. Possono imparare al proprio ritmo e leggere ciò che li interessa.

La pandemia ha aperto le nostre teste. Sia per gli studenti che per gli educatori.

Probabilmente non tutti possono imparare da soli.

– Parlo principalmente di studenti delle scuole superiori. Nessun bambino piccolo. Non si applica nemmeno alle nostre classi. Ti farò un esempio del genere. Benek, che era in ritardo di tre anni in matematica perché non ascoltava a scuola e giocava a casa, ora sta aprendo TikTok o YouTube per noia e inserendo lo slogan “code”. Gli verranno mostrati 100 video diversi. Se fa clic su quello più alto, è probabilmente una persona che può attirare l’attenzione in un modo fantastico perché è così che funziona l’algoritmo. Per qualche ragione, così tante persone si fidavano di lui.

Tornando alla tua domanda, allora le persone non stanno arrivando con una mancanza di informazioni di base? Prima uscivano, ma forse ora hanno il tempo di sviluppare la propria nicchia in cui sono davvero bravi.

Forse gli adulti vogliono credere che le scuole si prendano cura dei propri figli ed è per questo che la maggior parte delle diagnosi va nell’equazione nessuna scuola = problemi con i giovani. Allo stesso tempo, l’epidemia è stata seguita dalla solitudine, ed era lui il principale fattore infiammatorio, non che agli adolescenti mancassero gli incentivi per svilupparsi?

– Sento che se non ci fosse una prospettiva sociale, la scuola potrebbe non esistere più. Questa è una struttura arcaica. Forse l’alternativa è solo l’istruzione domestica generale e lezioni extra di danza, canto o chitarra? Nel solo primo anno della pandemia, il numero di studenti in homeschooling è quadruplicato. Questo alla fine porta alla conclusione che gli studenti sono sempre più consapevoli che la scuola non è responsabile dei propri risultati.

Durante la pandemia era vietato incontrarsi e talvolta uscire di casa. Sono stati minacciati di morte, infezioni e malattie ovunque. Non c’è da stupirsi che le persone si sentissero mentalmente malate.

Non sarei così eccitato. Tuttavia, l’homeschooling è un po’ una bolla d’oro. Anche le attività extrascolastiche non sostituiscono l’incontro con persone di diversi gruppi sociali.

– Lo sento anch’io. Io stesso sono cresciuto “sul blocco”. C’era un’altra compagnia. A volte dovevo litigare con qualcuno, negoziare qualcosa. Qualcuno l’ha preso a calci e lì ha sfidato. Questo è assolutamente necessario. Ma oggi i giovani stanno fuggendo in quello che pensano sia un mondo sicuro su Internet. Un posto dove piacciono a tutti. Sono dalla tua parte, ma non credo che la scuola risolverà questo problema oggi.

Hai quasi 300.000 follower su TikTok. Spiegare a un amico più grande perché questo fenomeno è causato?

– Sto facendo una tesi audace.

Dai!

– Tiktok ha Facebook, YouTube e Instagram insieme, più 10 volte Più veloce. In un minuto possiamo ottenere un’enorme dose di conoscenza materiale, qualcosa che ci ispira e ci fa ridere. È tutto in un video. È un’applicazione molto avvincente, ma ha anche un grande potenziale di sviluppo. Ci sono davvero molti contenuti di valore là fuori.

Lo stereotipo è che sono solo balli e sciocchezze. Ti sorprenderò, ma solo le persone anziane non la pensano così. Ci siamo arrivati ​​con un duro allenamento. Le prime registrazioni hanno richiesto un minuto. Ho parlato di questioni scolastiche. Non c’erano effetti speciali. E la gente l’ha comprato.

Qual è il fenomeno?

– È da lì che inizi con la comunità giovanile. Se mando loro un messaggio importante, per esempio, ieri – il post parlava di quanti vanno al liceo – è già stato visto da 700.000. Vogliono parlare, ma in un modo che sia sicuro per loro. Anche in un posto dove i loro genitori non sono.

Ho visto un video di quale professione scegliere. Ho pensato tra me e me che già quando mi sono diplomata al liceo erano emerse molte professioni per le quali il sistema educativo non ci aveva preparato. Hai un momento ancora più difficile.

– Uno studio afferma che il 65% di coloro che frequentano la scuola primaria oggi svolgono professioni che ancora non esistono.

Ho l’impressione che questo sia un problema serio. Quando scegliamo un campo di studio o prendiamo qualche altra decisione importante, molto spesso ascoltiamo i nostri genitori. Il problema è che ora queste sono persone che sono cresciute in un sistema completamente diverso. Oggi i consigli dei fratelli fino a 10 anni sono superati. Pertanto, non c’è nessuno che possa dire ai giovani cosa cercare. Penso che questo potrebbe essere un fenomeno TikTok. Condividiamo le nostre esperienze e, poiché siamo solo un po’ più grandi di loro, sembriamo credibili.

Mi è piaciuto anche questo consiglio su come cambiare la logica. Non era un consiglio del tipo “vai in medicina e diventerai un dottore”. Consigli di studiare psicologia aziendale perché lì puoi imparare alcune cose specifiche che sono utili in molti settori. Il focus era su ciò che impari, non su dove finisci.

– Non abbiamo inventato tutto noi. Ascoltiamo molte persone intelligenti, ma sappiamo come presentarlo in modo che mezzo milione di persone possa vederlo.

Bene, dopo tutto, sei il “Training Friz Team”

– Questa patch ci ha davvero catturati. Questo perché hanno alcune somiglianze. Prima di tutto, siamo giovani, lo siamo un gruppo di amici che hanno affittato una casa vicino a Cracovia dove portano avanti un progetto di vita. Non abbiamo un Mini Majek e siamo 10 volte più piccoli, ma lo bilanciamo essendo degli stampi ordinati e trasmettendo argomenti importanti.

E dopo?

– Al momento, vogliamo aiutare gli studenti di terza media che hanno un grosso problema, perché il prossimo anno andranno a scuola più di 150.000 persone rispetto a un anno fa. Entrare in un buon liceo è un miracolo, per molti ci sono solo posti nelle scuole tecniche e professionali.

Anche qui si terranno i Turbo Replay, questa volta non della durata di 6 ma 4 ore. I biglietti per il primo weekend sono andati esauriti in due giorni, ora stiamo lanciando il secondo perché vogliamo aiutare quante più persone possibile.

Leave a Comment