10 citazioni interessanti sul futuro del food e del retail

Andrzej Gantner, Durante la discussione, il vicepresidente del consiglio, direttore generale dell’Associazione dei produttori alimentari polacchi, l’Unione dei datori di lavoro, ha dichiarato:

– Abbiamo a che fare con la crescita della popolazione e la carenza di cibo. I prezzi del cibo stanno aumentando molto rapidamente. Una questione molto importante per ogni settore, in particolare l’industria alimentare, è determinare come sarà la disponibilità delle fonti di energia. Questi costi hanno un grande impatto sui prezzi. Al momento, i prezzi del gas sono in aumento – se questo slancio continua – non avremo pomodori in inverno perché la loro produzione diventerà semplicemente troppo costosa. Allora come fermare il riscaldamento globale e non condannare le persone alla fame? Questa è solo una sfida.

Krzysztof Pawiński, Presidente del Consiglio di Amministrazione del Gruppo Maspex invece, ha sottolineato:
– La definizione di aspettative non legali è troppo ampia e quindi non capiamo come operiamo sul mercato. Una buona azienda è quindi un’azienda che comprende e soddisfa le aspettative del proprio ambiente normativo e dell’autorità di regolamentazione. Tanto. Coloro che si aspettano che stiamo al passo con l’ambiente normativo si aspettano che facciamo affari “harakiri”.

Pedro Martinho, Membro del Consiglio di Eurocash Group ha sottolineato: – Il Convenience Shopping ha buone possibilità in futuro, ma deve puntare sui prodotti locali, essere moderno ed essere connesso digitalmente al cliente. Il negozio è anche un luogo di incontro in molti luoghi. Ricordiamoci che Varsavia non è l’intera Polonia. Non possiamo guardare l’intero paese dalla prospettiva della capitale. (…) Il ruolo delle catene di vendita al dettaglio non è dire alla gente cosa mangiare. La nostra missione è fornire una logistica rispettosa dell’ambiente, garantire la sicurezza alimentare, prevenire gli sprechi alimentari e sostenere l’imprenditorialità locale.

Jerzy Roguski, direttore degli affari commerciali e dello sviluppo commerciale di Żabka Polska ha affermato: – L’acquisto d’impulso è tornato, ma ora definiamo l’impulso in modo diverso – per soddisfare un bisogno urgente. Se il cliente desidera un cocktail sano, non ha bisogno di acquistare 2 kg di frutta, gli offriamo il prodotto finito. Il cliente si sta muovendo verso la semplificazione della propria vita. Cresce il numero delle famiglie unipersonali e cresce il trend dei rifiuti zero. Riteniamo che la cosiddetta tendenza al risparmio di tempo sia una tendenza a lungo termine.

Szymon Mordasiewicz, Il direttore commerciale del panel di casa GfK Polonia discute “Formati sull’onda: la pandemia ha creato nuovi leader di vendita?” durante il dibattito, ha evidenziato:

– Nel 2020 tutte le tipologie di negozi hanno registrato un forte aumento delle vendite rispetto al 2019. Molti consumatori hanno rinunciato alla diversità, scegliendo quei negozi in cui tutte le loro esigenze di acquisto provenivano da un unico posto. È stato un buon momento per i moduli che offrono un carrello completo – supermercati, discount, piccoli formati – tutti i profitti registrati. La situazione è diversa già nel 2021, quando sono stati aperti i centri commerciali e i ristoranti hanno preso vita. Analizzando i primi tre trimestri di quest’anno rispetto ai tre trimestri del 2020, sono cresciuti solo i negozi low cost.

Discussione durante il dibattito “The Power of E-Commerce”. Maciej Kroenke, Un partner di PwC ha dichiarato:

– Il mercato dell’e-commerce è già così vasto che si può affermare che il processo di segmentazione è avvenuto. Finora avevamo formati diversi nel commercio tradizionale, ora compaiono nell’e-commerce. I negozi di alimentari di nicchia esistono già e stanno andando bene. Esistono forme sempre più specializzate. Il Q-commerce è emerso come un segmento per il quale l’immediatezza è importante. Ci stiamo muovendo in questa direzione, ma anche la velocità di consegna è un costo, e resta da vedere quanto costerà. La torta è già abbastanza grande per essere tagliata

Jacek Palec, Presidente di Frisco ha sottolineato che è necessario monitorare i clienti. – Ci adattiamo alle loro abitudini. Cambiamo l’offerta, cerchiamo, chiediamo – finché non troviamo la combinazione ottimale. Per sua stessa natura, questa ricerca non avrà mai fine. Vogliamo che il cliente non vada in negozio a causa dei grandi acquisti, oggi non è più entusiasmante. Diamo tempo al cliente – ha detto. Ha anche affermato che per sopravvivere, devi concentrarti sulla massa. – Dobbiamo avere un percorso chiaro per ottenere i volumi desiderati. Il mercato sta crescendo in base al trio prezzo/gamma/convenienza, ha aggiunto.

Di Marcin Kuśmierz, Presidente del Consiglio di Shoper SA, Le informazioni – la loro raccolta ed elaborazione – svolgono oggi un ruolo chiave in termini di comodità del consumatore e di efficienza del processo di vendita.

– I buoni sistemi di riferimento hanno una raccolta di informazioni sui consumatori e possono essere utilizzati per simulare l’intero processo di vendita. Oggi, ogni consumatore ha centinaia di migliaia o addirittura milioni di record che mostrano ciò che potrebbe interessargli. I dati guidano sicuramente il commercio, soprattutto quello elettronico, ma non solo. Le tecnologie cloud che utilizziamo velocizzano le operazioni e aumentano l’efficienza. Consentono inoltre di implementare rapidamente nuovi processi di vendita. Ci saranno anche sempre più tecnologie che collegheranno il mondo online e offline. Nei prossimi vent’anni smetteremo di parlare di e-commerce come e-commerce e torneremo a una definizione univoca del mercato dell’e-commerce man mano che i processi di vendita si fondono. Il commercio che conosciamo oggi sta gradualmente scomparendo – ha affermato l’esperto.

Tomasz Chróstny, Direttore dell’Agenzia per la concorrenza e la tutela dei consumatori Durante la sessione di New Trade Future, ha detto:
– Guardando al prossimo decennio, l’uso delle informazioni ai consumatori sarà uno degli elementi fondamentali del vantaggio competitivo e un mezzo per eliminare la concorrenza. Come regolatori, sentiamo la necessità di proteggere la concorrenza.

Katarzyna Konkel, sociologa, CEO, Omnisense ha osservato: – Sono molto attento a non costruire il tuo business sulla base della pubblicità. Ogni cliente vuole pensare a se stesso come ecologico, consapevole di voler essere economico, ma essere sullo scaffale lo conferma fortemente. Ti consigliamo di monitorare i consumatori e i loro panieri ed evitare i dati demografici. Non siamo più residenti di villaggi o città, consumatori più giovani o più anziani. Il nostro comportamento di consumo determina il nostro stile di vita. Se abbiamo abitudini alimentari diverse, non importa dove viviamo.

Leave a Comment