Tra sei mesi, Katowice diventerà la capitale di tutte le città del mondo: il Ministero dei Fondi e della Politica Regionale

Il rapido sviluppo delle città significa che devono affrontare molte sfide che dobbiamo affrontare. Il World City Forum è sia una fonte di idee che un forum per discutere di soluzioni molto concrete per aiutare ad affrontare queste sfide.

– dice il ministro Grzegorz Pudache, a nome del governo polacco, ha firmato un accordo con UN-Habitat per ospitare l’evento e altro ancora

L’organizzazione del World City Forum è una delle priorità del Ministero delle Finanze, che è responsabile, tra le altre cose, della politica urbana nazionale.

L’evento di Katowice svolgerà un ruolo importante nella pianificazione del futuro delle città.

Le città moderne stanno cambiando rapidamente. Uno sviluppo urbano ben progettato e sostenibile è al centro della nuova strategia urbana delle Nazioni Unite e contribuisce al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Non raggiungeremo questi obiettivi senza rendere le nostre città più amichevoli, più accessibili e più eque

– lui dice Maimunah Mohd SharifDirettore Generale del Programma delle Nazioni Unite per gli Insediamenti Umani (UN-Habitat).

I preparativi per l’evento sono in pieno svolgimento. Il nostro obiettivo non è avere una nuova conferenza regolare in cui i partecipanti discutono e se ne vadano di casa con un senso del dovere ben adempiuto. Abbiamo invitato i giovani, la comunità imprenditoriale e la comunità scientifica a lavorare insieme. Vogliamo mostrare i risultati conseguiti dalla Polonia e dall’Europa nel cambiamento delle città

– annuncia il Vice Ministro Małgorzata Jarosińska-Jedynak.

Abbiamo il logo WUF11

Le ultime settimane sono state un momento di intensa preparazione per il World City Forum. Il primo è lo sviluppo del logo WUF11. Ogni paese che ospita l’evento preparerà il proprio logo.

Il logo polacco si concentra sull’ospite dell’evento, Katowice. Katowice è un eccellente esempio di città che ha subito una trasformazione riuscita – da una tipica città mineraria e industriale a un luogo verde, moderno, culturalmente enfatizzato e allo stesso tempo un luogo che rispetta la sua storia. Colori brillanti e ottimisti mostrano ed evidenziano i cambiamenti positivi che stanno ancora avvenendo in città. Simboleggiano anche l’aspirazione delle città ad essere accessibili, inclusive e sostenibili.

Gli elementi principali del logo sono i luoghi caratteristici di Katowice, che oltre ad essere riconoscibili raccontano anche la storia del cambiamento della città.

Spodek è l’edificio più tipico di Katowice. È uno stato di dialogo ed emozione con numerosi convegni, congressi, eventi sportivi e culturali. Le cerimonie di apertura e chiusura del WUF11 si terranno a Spodek.

Gli edifici dell’Orchestra Sinfonica della Radio Nazionale Polacca e il Museo della Slesia sono un eccellente esempio di cambiamento nella città. Entrambi sono stati costruiti su siti minerari ed entrambi sottolineano l’impegno di Katowice per lo sviluppo culturale. Dal 2015 Katowice fa parte della rete UNESCO delle città creative nel campo della musica.

Il monumento ai ribelli slesiani mostra che la zona è ricca di storia, spesso tragica, ricca di colpi di scena.

Il gran numero di piante verdi mostra che Katowice è una delle città più verdi della Polonia. Più del 40% dell’area di Katowice è coperta da foreste. Ci sono anche molti parchi della città.

Accordi firmati

Il secondo evento è la firma da parte della Polonia, rappresentata dal ministro Grzegorz Puda, e delle Nazioni Unite, rappresentate dal leader di UN-Habitat Maimunah Mohd Sharif, dell’organizzazione del WUF11 in Polonia.

Ci sono due accordi. Il primo definisce le regole generali per l’organizzazione del WUF11 in Polonia. Riguarda, tra l’altro, la sicurezza, l’integrità e la fornitura di strutture per conferenze e tecniche in Polonia. Il secondo contratto copre questioni logistiche, come attrezzature per centri congressi, traduzioni, trasporti, supporto medico.

Gli accordi confermano ufficialmente che il WUF11 si terrà in Polonia.

La registrazione è iniziata

Il terzo evento importante è l’inizio delle iscrizioni per i partecipanti al WUF11. La partecipazione a WUF11 è gratuita ed è possibile registrarsi sul sito web di UN-Habitat. Le iscrizioni si chiudono il 22 giugno 2022.

Nei prossimi giorni verranno avviate anche le iscrizioni, ad es. espositori e organizzatori di eventi durante il WUF11.

Di cosa tratta WUF11

I lavori su WUF11 sono attualmente in corso. UN-Habitat ha presentato sei temi da discutere:

  • un futuro giusto per le città,
  • un futuro più verde per le città,
  • innovazione e tecnologia,
  • futura economia e finanza urbana,
  • pianificazione e gestione urbanistica,
  • costruire la sostenibilità della città.

Il Ministero delle Finanze e delle Politiche Regionali, insieme all’Istituto per lo Sviluppo Urbano e Regionale, ha proposto che una parte del programma WUF11 rientri nel cosiddetto The European Path, un insieme di eventi dedicati alla dimensione europea dell’urbanizzazione nel contesto delle sfide globali. Nell’ambito dell’organizzazione di questo evento, WUF11 presenterà ai visitatori le conquiste dello sviluppo urbano in Polonia e in Europa.

Cos’è WUF

Il World City Forum è il più grande evento mondiale di sviluppo urbano. L’evento si tiene ogni due anni. La prima edizione si è tenuta nel 2002 a Nairobi. Finora, il forum ha ospitato a Vancouver, Kuala Lumpur o Abu Dhabi, tra gli altri, e ha raccolto fino a 20.000 partecipanti da tutto il mondo. L’iniziatore e il principale organizzatore del WUF è UN-Habitat, il Programma delle Nazioni Unite per gli insediamenti umani.

11. Gli ospiti ei co-organizzatori della sessione WUF sono la Polonia e Katowice. L’evento si svolge per la prima volta nell’Europa centrale e orientale. L’evento si terrà dal 26 al 30 giugno 2022 presso l’International Convention Center di Katowice. Lo slogan dell’edizione polacca del WUF è: “Stiamo cambiando le nostre città per un futuro migliore”.

I partner polacchi dell’evento, che supportano gli organizzatori, sono l’Istituto per lo sviluppo urbano e regionale e il Consiglio dei giovani della WUF11.

Leave a Comment