Katowice ha prodotto nidi urbani per 240.000. api

Ad oggi, Katowice ha avuto tre alveari: uno nel bacino di Burowiec e sui tetti del bacino di Brynów e del NOSPR. Quest’anno il numero di nidi cittadini salirà a sette.

I nidi urbani sono una delle misure adottate a Katowice per il benessere degli insetti. Non dimenticheremo di seminare prati fioriti, ma cercheremo anche di portare più aree verdi possibili nel centro di Katowice – un esempio potrebbe essere la metamorfosi di al. Korfantego, dove sono già comparsi 46 alberi. La stessa cosa accade a ul. Warszawska, e il cambiamento più spettacolare avviene a Plac Sejmu Śląskiego – afferma Marcin Krupa, Presidente di Katowice.

Inoltre, Zakład Zieleni Miejskiej cambia, ove possibile, la frequenza e le regole dello sfalcio e ricorda la continua semina e cura delle piante. Incoraggiamo inoltre i residenti a cercare vasi di fiori vecchi e inutilizzati nei loro dintorni e ad adottarli, ad esempio, per i mini-prati fioriti. – Aggiunge il Presidente.

Gli alveari di Katowice sono completamente ecologici

Katowice ha eretto i primi alveari urbani nel 2019. Inizialmente, la città si prendeva cura di tre famiglie di api. Quest’anno, il loro numero salirà a sette. L’11 maggio è stato completato il montaggio e la colonizzazione di nuovi nidi. Tre nidi si trovano nel Bacino di Burowiec, visibili agli utenti della piscina. Ci saranno due alveari sul tetto dell’edificio dell’Orchestra Sinfonica della Radio Nazionale Polacca. Gli altri due sul tetto del bacino di Brynów.

I nidi installati sono ecologici al 100%. Realizzato con materiali naturali, senza plastica o polistirolo. Per dipingerli sono state utilizzate solo vernici ecologiche e non sono state disinfettate chimicamente. I nidi sono attaccati lontano dal bordo del tetto. Non hanno elementi sciolti esposti al vento. Ad ogni nido è attaccata una bottiglia d’acqua per la cura delle api.

Non solo un simpatico gadget che promuove la città

Il miele degli alveari è il nostro gadget pubblicitario. Tuttavia, il miele non è il più importante in questa attività. È importante diffondere informazioni ecologiche, prestare attenzione alla coesistenza di diverse specie animali e vegetali nella nostra vita quotidiana. Soprattutto nella nostra città, dove oltre il 50% della superficie è verde – afferma Marta Chmielewska, capo del dipartimento di promozione del municipio.

La città è un buon posto per le api?

La città è un ambiente molto amichevole per le api. Fa più caldo, la stagione è più lunga, i fiori sono più diversi: non esiste la monocoltura, la vegetazione è curata e annaffiata. È anche importante che i pesticidi non vengano utilizzati per proteggere piante e fertilizzanti in città. Le api volano fuori dal nido a una temperatura dell’aria di 10-12 gradi Celsius. Una razza gentile di api è stata piantata negli alveari di Katowice.

Miele di Katowice di ottima qualità

L’anno scorso è stato condotto uno studio confrontando il miele raccolto dal centro di Katowice (dal tetto del NOSPR) da uno scaffale selezionato a caso da uno scaffale di un negozio. Si scopre che il miele di Katowice non contiene residui di pesticidi. Nel miele commerciale, la presenza di didecildimetilammonio cloruro (DDAC) è stata determinata in 0,02 mg/kg, ma comunque cinque volte inferiore al limite di 0,1 mg/kg. – Il nostro studio conferma che non sono stati osservati livelli aumentati di elementi pesanti nel miele nel centro di Katowice. Rispetto al miele commerciale, contiene quasi cinque volte meno ferro e il doppio di mercurio – afferma Monika Partyka, Direttore dell’implementazione di i2 Analytical Limited.

Le analisi commissionate dalla città dell’alveare di Puławy mostrano che il miele raccolto l’anno scorso nei nidi delle aree del bacino è costituito principalmente da diverse specie di salice e castagno (51% di polline) e contiene anche specie di susino e trifoglio. Nel miele del tetto NOSPR, il polline di castagno rappresentava il 62% del totale. Il resto sono pollini di biancospino, aceri, lamponi e brividi della Virginia.

Api – fatti interessanti

  • L’84% delle colture coltivate in Europa ha bisogno dell’aiuto delle api e di altri insetti impollinatori
  • Dobbiamo il 30% della nostra dieta per il lavoro delle api
  • 39 milioni di PLN – secondo Greenpeace, il lavoro delle api nel voivodato di Śląski nel 2015 è stato prezioso

Grazie all’impollinazione degli insetti, cresce:

  • 98% di ciliegie dolci,
  • 92% pere
  • 92% di ribes nero,
  • 90% mele
  • 90% di asparagi
  • 90% broccoli

Come aiutare a impollinare gli insetti?

Ci sono 2.500 persone in Europa. specie di insetti impollinatori. Vuoi aiutarli?

  • seminare una varietà di piante da fiore,
  • cresce varietà a fioritura precoce, media e tardiva, mantiene gli impollinatori con il cibo per la maggior parte dell’anno
  • lasciare che parte del giardino rimanga selvaggia (tagliare non più di due volte l’anno, scavare ogni 4 anni)
  • Dai fiori alle erbe: il loro nettare e il loro polline sono molto importanti per gli insetti
  • non pulire le foglie, non bruciare l’erba: queste sono le case degli insetti,
  • costruire un hotel per gli impollinatori selvatici – è facile

Leave a Comment